Le Mans 2016 Nel Segno di Brembo

Gli impianti frenanti Brembo trionfano alla 24 Ore di Le Mans 2016. L’Azienda italiana si riconferma marchio leader nelle categorie LMP1, LMP2, GTE Pro e GTE Am.

21 giugno, 2016

L’84° edizione della classica 24 Ore di Le Mans 2016, la più prestigiosa gara di endurance al mondo, sotto il segno dei freni Brembo sia nei prototipi, suddivisi nelle categorie LMP1 e LMP2, che nella categoria Grand Touring Endurance GTE Pro e GTE Am. Nella categoria LMP1 trionfo per la Porsche 919 n. 2 del Porsche Team con Neel Jani, mentre nella categoria LMP2 prima posizione per la Alpine A460 – Nissan n. 36 del team Signatech Alpine con Nicolas LapierreGrazie ad un’ottima performance Brembo si è confermato ancora una volta marchio d’eccellenza anche nella categoria GTE Pro. A 50 anni dalla prima vittoria del 1966, Ford ha vinto con il team Ford Chip Ganassi con la vettura n. 68 (Dirk Muller, Joey Hand, Sebastien Bourdais), utilizzando impianti frenanti Brembo che gli hanno permesso di guadagnare secondi preziosi. Nella categoria GTE Am successo per la Ferrari 458 Italia n. 62 del team Scuderia Corsa con Jeffrey Segal.Porsche 919 Hybrid, Porsche Team: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb

24H Le Mans 2016 BREMBO – I prototipi con freni Brembo hanno ottenuto 18 vittorie assolute delle ultime 20 edizioni della 24 Ore di Le Mans. Per l’edizione 2016 della prestigiosa competizione francese Brembo con i suoi impianti frenanti ha fornito 28 delle 32 vetture iscritte nella categoria LMP, così come 24 delle 27 vetture della categoria GTE. Per Le Mans, l’attenzione di Brembo si è focalizzata sulla tecnologia legata alla leggerezza degli impianti frenanti, all’elevata rigidezza e affidabilità, grazie soprattutto al fatto che il materiale d’attrito dell’Azienda italiana, riducendo notevolmente l’usura e garantendo una più efficace conducibilità termica, dura per l’intera competizione, senza necessità di sostituzione.

HyperFocal: 024H Le Mans 2016 FRENI BREMBO CATEGORIE  Per i prototipi delle categorie LMP1 e LMP2 il materiale d’attrito è il carbonio. I dischi hanno all’anteriore un diametro che varia da 320mm a 370mm; mentre al posteriore sono di dimensioni inferiori, da 320mm a 350mm, con spessori di 30 o 32mm. Il numero dei fori di ventilazione dei dischi va da un minimo di 36 ad un massimo di 430, con un range di utilizzo tra i 350 e gli 800 gradi. La differenza più significativa tra le due classi è nel materiale delle pinze a 6 pistoni, dove, per ragioni regolamentari volte a favorire la riduzione dei costi, in LMP2 è limitato l’uso della lega di alluminio-litio, utilizzata nella classe superiore, ricorrendo quindi all’utilizzo dell’alluminio standard. Nelle classi GTE, invece, le vetture utilizzano dischi “baffati” in ghisa, con diametro di 380 o 390mm all’anteriore e 332-355mm al posteriore, in entrambi i casi accoppiati con pastiglie a base ceramica

Tutto su Pista

Tutto su Racing

Tutto su 24 ORE

Tutto su freni

Tutto su gara di durata

Tutto su Le Mans

Seguici su Youtube

Seguici in TV

newsautoTV logo
fiat 500 forever young su newsautoTV