Auto Classiche & StoricheOpel

Auto sportive Opel, la storia del marchio GSi

Le auto più sportive Opel hanno il logo GSi, che è tornato a campeggiare sull’Insignia e sulla Corsa dopo una pausa di 20 anni. Fu utilizzato per la prima volta negli anni ’80 e voleva identificare un’auto alimentata a iniezione

Il logo GSi identifica le auto più sportive della gamma Opel. Recentemente questo storico badge, dopo ben 20 anni, è tornato d’attualità sull’Insignia e sulla Corsa. Il logo GSi è stato utilizzato per la prima volta verso la metà degli Anni Ottanta su una speciale versione sportiva della coupè Manta, il marchio GSi (scritto con la “i” minuscola) è l’acronimo dell’espressione Grand Sport Injection e all’epoca voleva sottolineare il fatto che il motore non era alimentato a carburatori, bensì a iniezione.

Opel Corsa GSi 1989

La Corsa GSi, introdotta 30 anni fa, nel 1989, in Italia al prezzo di 14.946.000 Lire, rappresentava una specie di rarità tra le vetture del segmento B e, grazie al suo 1.600 da 98 CV (72 kW) a iniezione Bosch LE Jetronic a gestione elettronica.

Disponibile solo con carrozzeria a 3 porte per sottolinearne la vocazione sportiva, la prima generazione di Opel Corsa GSi si distingueva dalle altre versioni per l’assetto e l’impianto frenante modificati, nonché un allestimento esclusivo. Gli spoiler anteriore e posteriore, i paraurti, gli specchietti retrovisori erano in tinta con la carrozzeria. L’allestimento interno comprendeva sedili avvolgenti in tessuto specifico, volante a tre razze e strumentazione con contagiri, manometro dell’olio e voltmetro.

Opel Corsa GSi 1989
Opel Corsa GSi 1989

Opel Kadett GSi

A rendere ancora più popolare il marchio GSi ci pensò la quinta generazione di Opel Kadett, equipaggiata dapprima con un 1.800 a iniezione elettronica da 115 CV (85 kW), presto affiancato da un 2.000 da 130 CV (96 kW), e quindi da una versione a 16 valvole da 150 CV (110 kW) dello stesso 2 litri.

In quei anni l’Opel Corsa GSi oltre ad avere un’immagine sportiva doveva essere anche amica dell’ambiente e così dimostrò che il catalizzatore si adattava a motori di piccola cilindrata e perfino ai modelli sportivi.

Opel Kadett GSi 16 valvole
Opel Kadett GSi 16 valvole

Opel Corsa GSi 1993

Con l’introduzione, nel 1993, della seconda generazione di Corsa il motore 1.600 della versione GSi ricevette una testata a 16 valvole con la quale la potenza superò la soglia dei 100 CV. Questo motore alimentato a iniezione elettronica multi-point Multec-S era il più piccolo componente della famiglia di propulsori ECOTEC (Emission Consumption Optimization Technology) e soprattutto il primo bialbero a 4 valvole per cilindro di meno di 1,6 litri mai realizzato dalla Casa tedesca.

All’arrivo del nuovo secolo il marchio GSi fu abbandonato e per contraddistinguere le versioni ad alte prestazioni dei modelli della Casa tedesca si utilizzò quello dell’Opel Performance Center (OPC).

Opel Corsa GSi 1993

Le radici e la tradizione hanno però il loro valore e oggi l’allestimento GSi torna alla ribalta per identificare le auto più sportive Opel.

FOTO Opel Corsa GSi 2019

VIDEO prova su strada ed in pista Opel Corsa GSi 2019

Listino prezzi CORSA GSI

Listino prezzi INSIGNIA GSi

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button
Close