News auto

Superbollo diesel 2018: probabile ritorno?

Reintroduzione del superbollo diesel: notizia sul presunto ritorno della sovrattassa per tutte le cilindrate e potenze. Superbollo cosa potrebbe cambiare

Mentre c’è un forte malcontento e discussioni accese sul disastro economico provocato dal superbollo Monti applicato alle vetture oltre 185 kw (250 cv) ripercorriamo la storia di bollo e superbollo cercando di capire la fondatezza della notizia sulla presunta reintroduzione del superbollo dal 2018 per tutte le vetture diesel compre quelle di piccola cilindrata e potenza ridotta. 
L’augurio è quello di pagare sempre meno tasse alle prossime scadenze del bollo ma a volte arrivano sorprese inaspettate come potrebbe essere questa del superbollo diesel. 

BOLLO TASSA DI POSSESSO
TASSA DI CIRCOLAZIONE

Altro passaggio importante per il bollo fu quello del 1982 quando il bollo fu trasformato da tassa di circolazione a tassa di possesso, costringendo al pagamento di questa tassa tutti i possessori di veicoli anche non circolanti per differenti motivi compresi anche quelli di veicolo guasto o perché il proprietario non ha la disponibilità economica per metterlo su strada sostenendo costo assicurazione ed altro.

SUPERBOLLO DIESEL

Il vero Superbollo per le vetture diesel arrivò nel 1988 fino al 1993 periodo nel quale le vetture diesel e a gas furono soggette a una sovrattassa che distrusse in Italia il commercio ed il valore di quei veicoli. La sovrattassa sul diesel si rivela presto un disastro: in Italia la penetrazione delle auto a gasolio scende drasticamente dal 24,5% al 4,5% del 1991 così come si riducono fortemente gli introiti per le casse dello Stato.
Finalmente qualcuno si accorge che le vetture diesel inquinano meno delle auto non catalizzate.

BOLLO COMPETENZA REGIONI

Nel 1999 la competenza e la riscossione passa alle regioni.

BOLLO ESENZIONE VEICOLI TRENTENNALI

Nel 2000 viene prevista l’esenzione per i veicoli trentennali.

Torna il superbollo diesel?

Lo scopriamo dopo aver ripercorso la storia del superbollo reintrodotto di recente nel 2006 dal governo Prodi. Non si chiamava “superbollo” ma di fatto è una sovrattassa sul bollo per le auto dai 100 kw di potenza in su variabile in base alla tipologia di emissioni: euro zero pagano in più 4,5 € per ogni KW oltre i 100, le euro 1 4,35 €, le euro 2 4,20 €, le euro 3 4,05 €, le euro 4 ed euro 5 3,87 €. Questi importi sono sommati alle rispettive tariffe per kw (euro 4 in su di 2,58 €/kw).

SUPERBOLLO AUTO OLTRE 225 KW

E’ con il governo Berlusconi 2011 che torna il vero “superbollo” una tassa aggiuntiva di 10€ x kw di potenza oltre 225 Kw. Tassa da pagare nell’anno in corso con modello F24 e sanzioni al 30%.

SUPERBOLLO GOVERNO MONTI 185 KW

Arriva poi Monti a fine 2011 che contribuisce ad inasprire il costo del superbollo abbassando la soglia da 225 kw a 185kw/250cv e raddoppiando il costo a 20€ al kw per le vetture con meno di 5 anni. Per le vetture con più anni, fino al 10° anno di età la maggiorazione si abbassa a 12€/kw, fino al 15° anno a 6€/kw, e fino al 20° anno a 3€/kw. Il tutto da pagare con modello F24, pena sanzione del 30%.

Elaborare ha raccolto oltre 7.000 firme raccolte contro il superbollo che furono consegnate direttamente presso la IX Commissione ai Trasporti della Camera.

La introduzione del superbollo è stata un vero fallimento con previsioni di gettito totalmente errate e danni al comparto delle vendite delle vetture del segmento. Vero risultato è stata una perdita di getto da parte del Governo sul fronte iva ed ipt, con proprietari che si sono dovuti disfare di vetture anche di importanza, svendute all’estero.
Non solo le casse italiane hanno perso l’introito di iva sulle vendite, ipt, iva sulle riparazioni, tassazione sulla rca, passaggi di proprietà ma anche le regioni l’incasso del bollo tradizionale.
Errori fatali, un autogol con danni incalcolabili al settore, commercianti falliti e perdite di posti di lavoro. Ma nessuno ha pagato per questo.

BOLLO AUTO QUANTO COSTA IN GERMANIA

In Germania il bollo è una tassa di circolazione (non paghi se l’auto è ferma) che costa dieci volte meno che in Italia. Non c’è superbollo. I passaggi di proprietà costano dieci volte meno.

BOLLO AUTO STORICHE 20 anni

L’ingegner Carlo Negri Motori Italia di Tutela Patrimonio Motoristico Italiano sta conducendo una battaglia contro l’eliminazione dell’esenzione al pagamento del bollo per le auto ventennali per la quale il governo Renzi ne ha reintrodotto il pagamento.
Altro disastro nel settore con bisarche cariche di auto importanti che se ne vanno all’estero.

SUPERBOLLO DIESEL 2018

La domanda è questa: torna o no questa tassa sulle vetture diesel? Quelle che sono giunte alla redazione di NewsAuto oggi 1° Aprile 2018 ?????? (pesce d’aprile) sono solo voci di corridoio non veritiere in quanto da approfondite indagini e fonti certe hanno confermato che una possibile reintroduzione del superbollo diesel per tutte le vetture potrebbe provocare solo un altro disastro nel comparto economico dell’auto. Per cui la notizia è da ritenersi assolutamente infondata. D’altra parte come avanzare questa ipotesi dopo i 2 disastri provocati nelle Casse dello Stato con la introduzione del superbollo diesel negli anni 88/93 e successivamente con quello di Monti?

Superbollo sul Diesel torna?
La risposta è NO!????

Superbollo cosa potrebbe cambiare

Anzi a seguito di questo articolo ci auspichiamo che il nuovo Governo si sensibilizzi al problema “superbollo” prendendo esempio dalla Germania sulla modalità di gestione della tassazione sull’auto come quello del bollo (tassa di circolazione e non di proprietà), dei passaggi di proprietà e di altro. L’invito è quello di riflettere sull’eliminazione dell’attuale superbollo oltre i 185 kw ed una rivisitazione generale delle tasse sull’auto.
Seat Ibiza Diesel 2018

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Close
Close