CitroënNotizie auto

Mobilità del futuro, come sarà con Urban Collëctif di Citroën

Per rispondere alle sfide della mobilità urbana del futuro nasce il progetto The Urban Collëctif, dall’unione di tre brand francesi: Citroën, Accor e JCDecaux.

Citroën, Accor e JCDecaux, tre aziende francesi di rilievo internazionale uniscono le loro forze nel progetto The Urban Collëctif per condividere la loro visione della mobilità urbana.

Mobilità del futuro

“Il XXI secolo sarà quello delle città”. Questa citazione dell’ex sindaco di Denver, Wellington Webb, sintetizza l’evoluzione del nostro pianeta. La Banca Mondiale, infatti, prevede che nel 2050 due terzi della popolazione mondiale vivrà nelle metropoli.

Ovunque, la città è in movimento e deve affrontare numerose sfide economiche, sociali, societarie e ambientali, che rappresentano altrettante opportunità per immaginare lo spazio urbano del futuro.

Mobilità urbana del futuro autonoma

In questo contesto di urbanizzazione, la mobilità urbana autonoma assume tutto il suo significato, rispondendo in particolare alle aspirazioni di miglioramento sostenibile della qualità della vita in città e di ottimizzazione dei tempi per gli spostamenti.

prova su strada Citroen Ami
La nuova Citroën sarà protagonista nella mobilità urbana del futuro

Se i poteri pubblici e in particolare gli enti locali sono i protagonisti chiave dello sviluppo della città del futuro, anche le aziende svolgono un ruolo decisivo nell’anticipare e accompagnare questi cambiamenti.

Urban Collëctif, che cos’è?

The Urban Collëctif nasce dall’ambizione comune di immaginare il futuro della mobilità urbana autonoma per tutti. Citroën, Accor e JCDecaux, che insieme totalizzano 200 anni di innovazione, hanno condiviso le loro competenze e il loro know-how per proporre esperienze urbane inedite.

Chi è JCDecaux, leader bike-sharing

Con il suo sistema di bike-sharing, sviluppato dal 2003, JCDecaux ha reiventato l’uso della bici in città offrendo un reale vantaggio di servizio. Oggi, con oltre 31.000 biciclette in 76 città del mondo, JCDecaux è un acceleratore della mobilità sostenibile.

Il bike-sharing di JCDecaux è presente in 76 città del mondo
Il bike-sharing di JCDecaux è presente in 76 città del mondo

Il Gruppo continua a innovare ogni giorno per rispondere alle nuove esigenze degli utilizzatori e all’evoluzione delle sfide urbane, in particolare con le sue biciclette ibride in free-floating lanciate alla fine del 2019.

“Animate dagli stessi valori di innovazione, audacia e servizio ai clienti, Citroën, Accor e JCDecaux si ritrovano in modo del tutto naturale nella creazione di The Urban Collëctif – le parole di Vincent Cobée, Direttore Generale di Citroën.

Vincent Cobee Direttore Generale e CEO di Citroën
Vincent Cobée Direttore Generale e CEO di Citroën

Questo progetto innovativo riflette perfettamente il DNA di Citroën, quello di una Marca che dal 1919 rende la mobilità accessibile a tutti”.

“È pienamente in linea con la missione di JCDecaux andare incontro ai nostri partner, pubblici e privati, per sviluppare soluzioni innovative e utili al fine di migliorare in modo sostenibile la vita in città – le parole di Jean-Charles Decaux, Presidente del Direttorio e Co-Direttore Generale di JCDecaux.

 Jean-Charles Decaux, Presidente del Direttorio e Co-Direttore Generale di JCDecaux
Jean-Charles Decaux, Presidente del Direttorio e Co-Direttore Generale di JCDecaux

Frutto di una stretta collaborazione con Citroën e Accor, The Urban Collëctif interpreta la volontà di JCDecaux di continuare ad innovare e a immaginare i servizi della mobilità urbana del futuro”.

“Siamo contenti di unire le nostre forze con Citroën e JCDecaux intorno a questo progetto innovativo – dichiara Sébastien Bazin, Presidente e Direttore Generale di Accor – con più di 5.000 alberghi in tutto il mondo, il nostro Gruppo è un protagonista dell’ecosistema locale, impegnato a proporre esperienze sempre più esclusive ai viaggiatori e alla popolazione locale, contribuendo così allo sviluppo di città sostenibili.

Sébastien Bazin, Presidente e Direttore Generale di Accor

Estendere l’esperienza alberghiera fuori dalle nostre strutture ricettive è in linea con la nostra visione audace e moderna dell’ospitalità”.

Potrebbero interessarti (anzi te li consiglio!):

👉 Citroën Ami, prova, come va

👉 Citroën ë-C4 elettrica, caratteristiche, batteria e prezzi

👉 Listino nuovo CITROËN 👉 Annunci usato CITROËN

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM

Commenta

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto