Notizie autoRacingRally

Incidente gara rally, muore giovane navigatrice in Portogallo

Lutto nel mondo dei rally. A perdere la vita la giovane ventunenne copilota Laura Salvo durante una gara nel campionato portoghese con una Peugeot 208 R4. Altro incidente mortale in Sicilia dove è deceduto il navigatore Salvatore Coniglio

Lutto nel mondo del rally per la morte della copilota Laura Salvo. La giovanissima navigatrice di soli 21 anni era impegnata a leggere le note di una prova speciale nella quinta prova del campionato di rally portoghese, secondo appuntamento valido per la Peugeot Rally Cup Iberica 2020, a Vidreiro. Ecco i dettagli.

La navigatrice Laura Salvo con il pilota Miquel Socias coinvolti nell'incidente spagnolo al rally
Laura Salvo e Miquel Socias, l’equipaggio coinvolto nell’incidente mortale al rally spagnolo

Laura Salvo è la navigatrice morta nell’incidente al rally di Vidreiro in Portogallo, cosa è successo

Era la quinta prova e prima tappa speciale del campionato rally portoghese e Laura Salvo, classe ’99 ed originaria di Valencia, era a bordo di una Peugeot 208 Rally 4 come navigatrice del pilota Miquel Socias.

Peugeot 208 incidente mortale portogallo dove la copilota rally laura salvo è deceduta
Nonostante il tremendo impatto contro alberi la gabbia di sicurezza della 208 ha resistito ma il colpo è stato fatale.

Incidente al rally, lutto in Portogallo

L’incidente al rally in Portogallo è stato brutale, la morte della navigatrice è avvenuta sul colpo. Dalla foto si vede come la gabbia di sicurezza della Peugeot 208 R4 abbia ben resistito ma l’impatto contro gli alberi ha provocato una forte e brusca decelerazione che è stata fatale per la giovane ragazza.

Tribute Laura Salvo

Così intorno alle ore 10 di sabato 10 ottobre è scomparsa Laura Salvo, copilota rally morta all’età di 21 anni mentre si prestava ad intraprendere qualcosa che amava fare e che aveva fatto della sua passione il suo lavoro, o almeno era questo il suo intento.

laura salvo copilota rally morte
Laura Salvo, copilota rally, morta all’età di 21 anni durante la tappa a Vidreiro

Il pilota Miquel Socias al volante della 208 classe R4 si è salvato, ma i soccorsi e gli interventi dei paramedici sono stati inutili per la giovane Laura Salvo che non ha resistito al tremendo impatto contro un albero nella fuoriuscita di strada del mezzo.

Lo rivela Nuno Pinto uno dei responsabili dell’Automóvel Club de Portugal.

I soccorsi sono arrivati in due minuti e hanno cercato di rianimare la ragazza per poi portarla in un punto nel quale l’elicottero potesse atterrare per trasferirla d’urgenza, ma è morta sul colpo. Alla famiglia, al team e a tutti gli amici va la nostra vicinanza“.

Laura Salvo, promettente avvocato, ha iniziato ad addentrarsi nel mondo dei rally fin da piccola grazie al papà ed alla sorella, più grande di lei di due anni. Aspirava a diventare una copilota rally professionista e ci stava riuscendo. Purtroppo però, qualcosa di più grande ed inarrestabile si è messa tra lei ed il suo sogno.

Rally di Vidrero in Portogallo, incidente fatale mortale per un equipaggio

Incidente al rally in Sicilia, lutto a Palermo

Nello stesso fine settimana si è registrato un altro incidente mortale al rally del Sosio in provincia di Palermo dove ha perso la vita il navigatore Salvatore Coniglio, ex Carabiniere in pensione, a bordo di una Renault Clio Williams gruppo A n. 32 pilotata da Vito Parisi (rimasto illeso).

Renault Clio Williams coinvolta nell'incidente mortale al rally in Sicilia dove ha perso la vita il navigatore
Incidente mortale al rally in Sicilia dove ha perso la vita il navigatore su una Renault Clio Williams

Renault Clio Williams impegnata al rally in Sicilia
La Renault Clio Williams impegnata al rally in Sicilia coinvolta in un altro incidente mortale

L’incidente mortale si è verificato domenica 11 ottobre poco prima delle 9.30 nel corso della seconda delle nove prove speciali in programma, la “Cartabellotta”. Vedi approfondimento Sicilia Motori.

I rally sono più pericolosi delle gare in pista?

Purtroppo il rally è una disciplina motoristica molto rischiosa e non perdona nessuno in caso di incidente per le ridotte vie di fuga rispetto alla pista. I rally sono più pericolosi delle gare in pista? Negli autodromi ci sono larghe vie di fuga, commissari di percorso, misure antincendio, ambulanze e medici a pochissima distanza. In caso di incidente l’intervento è possibile farlo molto più tempestivamente rispetto ad una prova speciale di un rally. Tra l’altro controllare e monitorare questi tracciati dal punto di vista della sicurezza non è facile. Ma è pure che nei rally entrano in gioco diversi fattori sul mezzo e sulla scelta dei pneumatici.

👉 Altre notizie di incidenti in auto

👉 Notizie dal mondo dei rally

👉 Notizie non belle e spiacevole… (lutti)

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

 👉 Lascia un commento sul nostro FORUM riguardo agli incidenti nei rally

Commenta

Raffaello Caruso

Mi presento: sono Raffaello Caruso, classe '94 di Catanzaro studente presso l'Università degli Studi "L'Orientale" di Napoli, e da sempre sono un grande appassionato di motori. Coltivo questa grande passione dall'età di 3 anni grazie a mio padre che da sempre mi ha istruito nel "culto dei motori" e, sempre grazie a lui, all'età di 8 anni ho partecipato in maniera agonistica a diverse competizioni di GoKart. Seguo assiduamente ogni competizione motoristica a quattro ruote, soprattutto la F1 di cui sono grande appassionato.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto