EV DrivingNotizie autoTesla

Incidente Tesla, le batterie esplodono e incendiano un’abitazione

Brutto incidente dove è stata coinvolta un'auto elettrica Tesla Model 3 in Oregon: il pacco batteria è esploso e le celle cilindriche vengono sparate a distanza ed incendiano un'abitazione

Ennesimo incidente di un’auto elettrica, questa volta della Tesla Model 3. La vicenda ha avuto luogo a Corvallis, Oregon (USA) dove la nota auto elettrica del brand americano è incappata in un brutto incidente stradale andando a sbattere violentemente contro gli alberi a più di 160 km/h: nell’impatto la Tesla si è quasi disintegrata ed il forte urto ha causato l’esplosione del pacco batterie che ha incendiato un’abitazione.

incidente tesla model 3 auto elettrica
Incidente Tesla Model 3, auto elettrica a 160 km/h contro un albero ed esplosione del pacco batterie

Incidente Tesla dettagli dell’incidente

Va completamente a pezzi, durante un incidente stradale, una Tesla Model 3 guidata da un ragazzo americano che risponde al nome di Dylan Milota, già noto alla polizia per guida spericolata. Pare che il giovane conducente, uscito incolume dall’incidente, avesse assunto anche sostanze stupefacenti prima di mettersi al volante ed è attribuito a questo la causa dell‘incidente a bordo della sua auto elettrica.

Lo scontro è avvenuto ad oltre 160km/h contro due alberi ed un palo della luce che, infine, ha arrestato l’impatto.

cella cilindrica pacco batteria tesla model 3 incidente
Dimensioni di una cella cilindrica della batteria agli ioni di litio di una Tesla Model 3

Il forte urto è stato così impetuoso da disintegrare completamente la vettura ed ha fatto esplodere il bacco batterie con le celle cilindriche degli accumulatori che si sono scagliate, quasi fossero dei veri proiettili, contro tutto ciò che si trovava intorno alla vettura. Una di queste celle cilindriche è entrata in una casa rompendo una finestra causandone l’incendio dopo essere atterrata su un letto.

Auto elettriche poco sicure?

L’incidente ha causato diversi danni intorno alla zona d’impatto. Si parla addirittura di uno pneumatico che è stato in grado di allagare il bagno di un’abitazione dopo essersi schiantato contro le tubature poste al secondo piano della casa. Il risultato dell’incidente che preoccupa maggiormente è la diffusione in più zone delle celle cilindriche degli accumulatori della Tesla Model 3.

Quando una cella di una batteria agli ioni di litio viene sottoposta ad un urto meccanico o perforata ecco come si comporta.

Secondo gli esperti, queste possono rimanere incandescenti per oltre 24 ore rilasciando pericolose sostanze tossiche. La polizia ha ripulito in parte la zona dopo un primo sopralluogo, ma ha richiesto agli abitanti della zona di segnalare la presenza di altre celle cilindriche qualora dovessero trovarne nei dintorni della zona dell’impatto.

celle cilindriche batteria tesla
Raccolta celle cilindriche pacco batterie auto elettrica Tesla Model 3

Dopo questo ennesimo incidente che vede come protagonista la Tesla, auto elettrica americana per eccellenza, c’è da riflettere sulla sicurezza dell’involucro che racchiude le singole celle della batteria di un’auto elettrica. In caso di deflagrazione anche una Tesla Model 3 che ha ottenuto ben cinque stelle NCAP viene disintegrata.

Auto pericolo esplosione non solo auto elettriche…

Comunque tutte le auto sono pericolose in quanto hanno serbatoi con accumulo di carburante, soprattutto quelle funzionanti a gas ma non sono da meno quelle a benzina: forse in questi casi le vetture alimentate a gasolio potrebbero avere una sicurezza maggiore.

Esplosione serbatoio auto a gas

👉 Cosa succede in caso di incidente di un’auto elettrica?

A proposito di Tesla, sapete che Schwarzenegger ha regalato una Tesla Model 3 a Greta Thunberg?

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

👉 Scopri cosa si dice sul FORUM, lascia un commento, anche qui sotto con Facebook.

Commenta

Raffaello Caruso

Mi presento: sono Raffaello Caruso, classe '94 di Catanzaro studente presso l'Università degli Studi "L'Orientale" di Napoli, e da sempre sono un grande appassionato di motori. Coltivo questa grande passione dall'età di 3 anni grazie a mio padre che da sempre mi ha istruito nel "culto dei motori" e, sempre grazie a lui, all'età di 8 anni ho partecipato in maniera agonistica a diverse competizioni di GoKart. Seguo assiduamente ogni competizione motoristica a quattro ruote, soprattutto la F1 di cui sono grande appassionato.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto