GUIDE CONSIGLI AUTONotizie auto

IBAN SICURO donazioni all’EMILIA-ROMAGNA

IBAN sicuro della PROTEZIONE CIVILE dell'Emilia-Romagna ed altre informazioni generali utili su come aiutare le popolazioni delle zone colpite da un evento meteorologico straordinario, o di altro tipo, attraverso organizzazioni umanitarie, raccolte di fondi, donazioni e volontariato.

Cosa fare quando ci sono situazioni emergenziali come quelle registrate in Emilia-Romagna?
Donazioni e aiuti alle persone colpite da calamità naturali sono fondamentali per contribuire al loro recupero e sostegno attraverso organizzazioni umanitarie, raccolte di fondi, offerte e volontariato.

IBAN sicuro per donare Emilia-Romagna sicuro

Quello che si può fare in questo caso specifico dell’alluvione verificatosi in Emilia-Romagna è una donazione attraverso un bonifico bancario su un IBAN sicuro. La raccolta fondi per l’Emilia-Romagna consigliata è sicuramente una donazione attraverso la Protezione Civile dell’Emilia-Romagna che opera nel territorio specifico di questa regione.

Dati per effettuare un bonifico, IBAN Emilia-Romagna

DATI INFORMATIVI X DONAZIONE ALLUVIONE EMILIA-ROMAGNA
Intestazione Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile dell’Emilia-Romagna
IBAN IT69G0200802435000104428964
Bic Swift UNCRITM1OM0
CAUSALE Alluvione Emilia-Romagna
Dati informativi per una donazione con bonifico sicuro per l’Alluvione dell’Emilia-Romagna

IBAN IT69G0200802435000104428964

Come aiutare le persone colpite in caso di calamità

Ecco altre informazioni utili su come aiutare direttamente la popolazione delle zone colpite da un evento meteorologico straordinario o di altro tipo.

  1. Organizzazioni umanitarie: ci sono molte organizzazioni umanitarie, sia a livello nazionale sia internazionale, che si dedicano a fornire soccorso e assistenza nelle zone colpite dalle calamità naturali. Puoi considerare di fare una donazione finanziaria a queste organizzazioni, che utilizzeranno i fondi per fornire cibo, acqua, cure mediche e altri servizi essenziali alle persone bisognose.
  2. Raccolte di fondi: in risposta ad una calamità, molte organizzazioni, gruppi comunitari e individui avviano raccolte di fondi per raccogliere risorse per le persone colpite. Puoi partecipare a queste iniziative donando denaro, beni materiali o offrendo il tuo tempo e le tue competenze per organizzare o supportare le raccolte di fondi.
  3. Volontariato: se sei nelle vicinanze dell’area colpita da una calamità, potresti considerare l’opportunità di offrire il tuo aiuto come volontario. Contatta organizzazioni locali o agenzie di volontariato che coordinano gli sforzi di soccorso per sapere come puoi dare un contributo concreto sul campo.
  4. Donazioni di beni materiali: in alcuni casi, le persone colpite da calamità potrebbero avere bisogno di beni materiali come vestiti, coperte, cibo non deperibile e articoli per l’igiene personale. Prima di inviare donazioni di beni materiali, assicurati di contattare le organizzazioni di soccorso locali per conoscere quali sono le loro esigenze specifiche e i modi migliori per fornire tali donazioni.

Altra cosa da fare è sicuramente aumentare la consapevolezza dei rischi, diffondendo informazioni sulle calamità e sulle organizzazioni che forniscono aiuto. Utilizza anche i tuoi canali di comunicazione, come i social media o il passaparola, per sensibilizzare le persone e incoraggiarle a donare o ad offrire il loro aiuto per l’Emilia-Romagna coinvolta da questo ultimo disastro.

Cosa è successo in Emilia-Romagna, l’alluvione 2023

L’Emilia-Romagna, essendo una regione situata nella pianura padana e con una vasta rete idrografica, è suscettibile a inondazioni durante periodi di precipitazioni intense, come è successo a maggio 2023, ma ha già subito diversi episodi di questo tipo nel corso degli anni precedenti. Le alluvioni possono essere causate da forti piogge, fiumi in piena, mareggiate o una combinazione di questi fattori.

L’alluvione che si è verificata in Emilia-Romagna del 2023 è stata provocata da un fronte meteorologico occluso di origine atlantica insieme ad un ciclone proveniente dal mediterraneo. Questa situazione particolare ha generato piogge persistenti che hanno causato straripamenti, allagamenti e frane, dal 2 al 18 maggio 2023.

A causa delle forti piogge hanno straripato 23 corsi d’acqua, tra cui i fiumi Santerno, Sillaro, Savio, Lamone, Montone, Rabbi, Bidente-Ronco e i torrenti Idice, Quaderna, Ravone, Senio, Marzeno, Pisciatello e Rigossa. Oltre 250 dissesti e frane in 48 comuni. L’alluvione dell’Emilia-Romagna ha coinvolto 42 comuni emiliani e romagnoli, la città di Bologna e le province di Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini, Modena e di Reggio Emilia. Il 20 maggio 2023 è stata evacuata la superficie del territorio del Comune di Ravenna pari a 10.873 ettari, circa il 16% dell’intero territorio comunale, dove la popolazione residente è di 22.000 persone. Il totale delle persone evacuate su tutta la provincia di Ravenna in via precauzionale è stato di quasi 30.000 persone. Anche la regione Marche ha richiesto lo stato di emergenza per le province di Pesaro-Urbino, Ancona, Macerata e Fermo.

Numero verde alluvione Emilia-Romagna

In occasione dell’alluvione la Regione Emilia-Romagna ha attivato il numero verde 800024662, attivo sette giorni su sette dalle 8 alle 20, per supportare l’emergenza dell’alluvione in corso che cercherà di rispondere ai quesiti e di indirizzare le persone ai giusti referenti.

800 024662

Tutti i cittadini possono chiamare l’800 024662 per richieste di informazione o problematiche legata all’emergenza.

Purtroppo le alluvioni possono causare danni alle infrastrutture, alle abitazioni, ai raccolti agricoli e, in alcuni casi, possono esserci anche perdite di vite umane.
Le autorità locali e nazionali anche questa volta hanno coordinato i soccorsi e gestito l’emergenza affrontando la situazione per mitigarne gli effetti. Noi possiamo dare un nostro piccolo contributo a distanza con una donazione attraverso un bonifico bancario sull’IBAN indicato.

Leggi anche,

Notizie di cronaca
Notizie curiose
Notizie di incidenti stradali
Notizie di incendi di navi e traghetti
Incidenti auto elettriche
Notizie di incendi auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Pulsante per tornare all'inizio

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto