488 PistaFerrariNews auto

Ferrari vince il Premio Supercar dell’anno, The Motors Awards

Premio supercar dell'anno conferito alla Ferrari 488 Pista durante i Motors Awards 2019 da Jeremy Clarkson conduttore della serie Amazon The Grand Tour con pregi e difetti

La Ferrari 488 Pista vince il premio come supercar dell’anno ai Motors Awards 2019 di News International! Il premio è uno dei più ambiti del settore ed è stato assegnato nientepopodimeno che dal giornalista e conduttore televisivo Jeremy Clarkson.

Ferrari stravince ancora grazie a questa supercar sbalorditiva! Uno degli ultimi premi ottenuti dalla Casa di Maranello – per il quarto anno consecutivo – è quello come “Engine of the Year Awards” guadagnato grazie al motore V8 biturbo 3.9 litri da 720 CV, lo stesso montato sulla 488 Pista.

premio supercar dell'anno Ferrari 488 Pista
Ferrari 488 Pista supercar dell’anno ai Motors Awards 2019

Ferrari vince il premio supercar dell’anno con la 488 Pista

La Ferrari 488 Pista, auto sportiva brillante sotto ogni aspetto, ha vinto a Londra il premio come supercar dell’anno, assegnatogli da un “certo signore” che di auto se ne intende: ovviamente parlo di Jeremy Clarkson!

UNO CHE SA IL FATTO SUO Jeremy Clarkson, personaggio di un certo spessore e rilievo nel settore automobilistico. Giornalista e conduttore della serie televisiva Amazon The Grand Tour ed ha da sempre avuto un debole per le auto italiane. Durante le puntate, non solo di The Grand Tour ma anche di Top Gear, il buon Jezza (suo soprannome) ha da sempre avuto il debole per Alfa Romeo, Lamborghini e soprattutto Ferrari!

Durante i Motors Awards 2019 lo stesso Clarkson ha assegnato il premio, lasciandosi un po’ andare con le dichiarazioni, fatte a cuore aperto, nei confronti della supercar dell’anno definendola “Una delle auto più eccitanti, elettrizzanti e belle mai create”.

Jeremy Clarkson mentre testa la Ferrari F12 per Top Gear

Ferrari 488 Pista criticata Jeremy Clarkson

HA ANCHE DEI DIFETTI Chi conosce Jeremy Clarkson sa bene che ama essere cinico e severo, di conseguenza lasciarlo di stucco è estremamente difficile. Durante la premiazione della supercar dell’anno ha evidenziato alcuni aspetti negativi che anche una dreamcar quale la Ferrari 488 Pista può avere.

Ferrari difetti

Tra le cose criticate, JC si è soffermato sulla cintura racing a 4 punte, definendola scomoda e troppo sicura in quanto ti fa rimanere completamente attaccato al sedile negando la possibilità di sporgersi in avanti per vedere cosa accade agli incroci ed è molto difficile utilizzare i vari controlli sul volante.
Non condividiamo affatto questa critica… ma che critica è? Una cintura a quattro punti ha la funzione di incollare il conducente al sedile…

RAPPORTO QUALITA’ PREZZO ESAGERATO secondo il giornalista di Doncaster. “Non solo è un’auto molto costosa, ma la Ferrari ti farà arretrare di un quarto di milione di sterline sul tuo conto senza che tu te ne accorga” dice in tono ironico ma al contempo in maniera cinica.

premio supercar dell'anno ferrari 488 pista motors awards 2019
Jeremy Clarkson ai Motors Awards 2019 premia la Ferrari 488 Pista come supercar dell’anno

Ma come già anticipato dal titolo, la Ferrari 488 Pista ha guadagnato il premio come supercar dell’anno ed è riuscita a far breccia nel cuore di quel brontolone gigante inglese che, in fondo, tutti noi amiamo. Il miglior rapporto è quello amore-odio ed è stato così fin dal 2016, quando Jezza salì per la prima volta a bordo di una 488 GTB.

Conclude dicendo: “Dopo alcuni giorni ho iniziato a mettere in discussione la promessa che avevo fatto di non comprare mai un’altra macchina a motore centrale. E certamente non una Ferrari. Perché la Pista non è solo buona. O geniale. È molto più di questo “.

Insomma, Jeremy, tu sei furbo e noi non siamo fessi… Non condividiamo affatto gli argomenti della tua critica.

FOTO Ferrari 488 Pista

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

Gruppo Telegram di newsauto.it

Commenta

Tags

Raffaello Caruso

Mi presento: sono Raffaello Caruso, classe '94 di Catanzaro studente presso l'Università degli Studi "L'Orientale" di Napoli, e da sempre sono un grande appassionato di motori. Coltivo questa grande passione dall'età di 3 anni grazie a mio padre che da sempre mi ha istruito nel "culto dei motori" e, sempre grazie a lui, all'età di 8 anni ho partecipato in maniera agonistica a diverse competizioni di GoKart. Seguo assiduamente ogni competizione motoristica a quattro ruote, soprattutto la F1 di cui sono grande appassionato.
Close
Close