Notizie autoSuzuki

Emissioni CO2, riduzione da record per Suzuki

La gamma Suzuki 100% ibrida piace agli automobilisti italiani (9.917 unità vendute a settembre e ottobre) ed all’ambiente: la media delle emissioni di CO2 ha raggiunto il fatidico traguardo di 95,0 g/km, in linea col target fissato dall’Unione Europea.

La direzione è quella: riduzione della emissioni inquinanti su tutti i fronti, ovviamente anche nel settore auto dove le multe della CO2 hanno dato spinta energica in tal senso. Cosa possono fare i costruttori auto? Elettrificare. Tra le case automobilistiche Suzuki raccoglie i frutti della sua gamma 100% ibrida, che fa registrare emissioni di CO2 record, inferiori alla media del mercato italiano. Secondo i dati diffusi dall’UNRAE (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri) la gamma Suzuki ad ottobre ha raggiunto il traguardo dei 95,0 g/km di emissioni medie di CO2.

Successo vendite auto, Suzuki fa il record

Il mese di settembre e ottobre 2020 ha certificato il successo nelle vendite di Suzuki. Dal punto di vista commerciale il brand giapponese ha stabilito i suoi record in Italia per auto immatricolate, 4.966 unità a settembre e 4.951 ad ottobre. Negli ultimi due mesi il brand giapponese in Italia ha venduto 9.917 auto

Vista di profilo Suzuki Swift Hybrid
Suzuki corre forte nelle vendite auto: 9.917 auto immatricolate a settembre e ottobre 2020

La quota di mercato nel mese (ad eccezione dell’anomalo mese di Marzo 2020, caratterizzato dal lockdown delle Reti di vendita) e del 3,15% mentre la crescita nel mese rispetto all’anno precedente e del + 97,69%.

Emissioni CO2 Suzuki

Per quanto riguarda le emissioni medie di CO2 di auto Suzuki di nuova immatricolazione, a settembre il valore è sceso al di sotto dei 100 g/km, attestandosi a quota 95,01g/km, in linea col target fissato dall’Unione Europea e quasi il , il 18% in meno di un anno fa.

Suzuki Across ibrido plug-in in ricarica
Suzuki ha raggiunto il traguardo di 95,01g/km di emissioni medie di CO2

Le emissioni medie di Suzuki nel corso del 2020 si sono attestata al di sotto della media generale del mercato italiano. Nel corso di ottobre questo divario a vantaggio del brand giapponese si è ampliato, arrivando in valore assoluto a 10,3 g/km e in termini percentuali al 9,8%.

L’insieme dei costruttori auto, sul mercato italiano, segna infatti ad ottobre un valore sensibilmente superiore al risultato Suzuki, fermandosi a ben 105,3 g/km.

Emissioni medie di CO2 in Italia nel 2020

MESE MERCATO ITALIA SUZUKI DIFFERENZA
Maggio 112,9 109,3 3,6 g/km – 3,2%
Giugno 111,7 108,0 3,7 g/km – 3,4%
Luglio 112,5 107,8 4,7 g/km – 4,2%
Agosto 108,4 101,0 7,4 g/km – 6,9%
Settembre 105,6 96,7 8,9 g/km – 8,5%
Ottobre 105,3 95,0 10,3 g/km – 9,8%

La Suzuki Swift Hybrid regala emozioni e consuma ed inquina veramente poco grazie alla tecnologia mild-hybrid

Foto Suzuki Swift Hybrid (mild hybrid)

Potrebbe interessarti (anzi te lo consiglio):

👉 La chiave del successo Suzuki nella vendita di automobili

👉 Finanziamenti e offerte Suzuki

👉 Incentivi Suzuki e prezzi aggiornati con il bonus

👉 Com’è fatto e come funziona il motore ibrido Suzuki

👉 Listino prezzi SUZUKI 👉 Annunci auto usate SUZUKI

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM

Commenta

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto