FotogalleryJeep

Camp Jeep 2019, data e programma sulle Dolomiti

Il Camp Jeep 2019 è in programma in Italia a San Martino di Castrozza sulle Dolomite, dove debutta in Europa il nuovo pick-up Jeep Gladiator

Il Camp Jeep 2019 è in programma dal 12 al 14 luglio. Il raduno annuale più importante del Jeep Owners’ Group (J.O.G) si svolge in Italia sulle Dolomiti, nella cittadina di San Martino di Castrozza (TN). All’evento sono attesi almeno 1.200 fan Jeep ed oltre 700 veicoli.

Nel programma di tre giorni c’è la possibilità di testare in off road la Jeep Wrangler e di guidare l’intera gamma Jeep sui difficili percorsi montuosi delle splendide Dolomiti. A disposizione dei Jeepers ci sono oltre 40 km di percorsi, dove è possibile testare i modelli Jeep e mettere alla prova le proprie abilità in fuoristrada, affiancati dagli istruttori della Jeep Academy all’interno dell’area tecnica.

Per l’allestimento del Camp Jeep 2019 e degli ostacoli dei percorsi off road è stato usato il legno dei boschi limitrofi dell’area del Camp Jeep. Sono i cosiddetti “schianti”, quegli alberi crollati durante i temporali che hanno devastato il Trentino Alto Adige lo scorso ottobre.

FOTO edizione 2018 del Camp Jeep in Austria

Nuova Jeep Gladiator al Camp Jeep 2019

Gli appassionati del marchio e i membri del Jeep Owners Group (JOG) hanno inoltre l’opportunità di vedere per la prima volta da vicino la nuova Jeep Gladiator, il pick-up di medie dimensioni dotato di una personalizzazione unica che Mopar ha ideato appositamente per l’occasione.

La nuova Jeep Gladiator, che ha debuttato in anteprima mondiale al Salone di Los Angeles a fine 2018, segna il ritorno del marchio nel segmento dei pick-up dopo 27 anni. Questo nuovo modello sarà lanciato l’anno prossimo in tutta la regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa).

Jeep_Gladiator 2020 Rubicon, vista dall'alto
Jeep Gladiator pick-up

Jeep Wrangler 1941 Mopar al Camp Jeep 2019

Sotto i riflettori anche la nuova Jeep Wrangler 1941 designed by Mopar, il marchio FCA dedicato ai prodotti e ai servizi after sales per tutti i veicoli del Gruppo. Camp Jeep fa da vetrina al lancio commerciale di questo modello, a soli tre mesi dalla sua presentazione in anteprima mondiale al Salone dell’automobile di Ginevra. Il veicolo, esposto presso il corner Mopar, è un modello a trazione integrale con un allestimento 100% street legal, dotato di Jeep Performance Parts. Inoltre la Jeep Wrangler 1941 designed by Mopar presenta il kit assetto rialzato da 2″, lo snorkel (a richiesta), le performance rock rails, i battitacco neri, lo sportello carburante nero ed i tappetini all weather.

La configurazione “hard” è completata da una grafica sul cofano 1941 che ricorda una data simbolo per il marchio Jeep, la nascita della Willys, richiamata peraltro su altri particolari della vettura come ad esempio i cerchi, il pomello del cambio e il tavolino per il portellone posteriore. Inoltre, il veicolo è arricchito con i Jeep Authentic Accessories selezionati dalla gamma degli oltre 200 accessori Jeep Wrangler, che nello specifico comprendono griglia frontale Seven Slots, paraspruzzi, luci off-road e calotte specchio – tutto in nero opaco. Sarà disponibile dopo l’estate su tutte le versioni Wrangler 2.2 diesel e sugli allestimenti Sport, Sahara e Rubicon.

MOPAR Nell’area Mopar ci sono due esemplari della Jeep Wrangler 1941. Il primo è basato sull’allestimento Rubicon a due porte, quello specialistico per l’off-road equipaggiato con motorizzazione diesel da 2,2 litri, 200 CV di potenza, livrea Hella Yella Clear Coat e mesh sun bonnet nero. Il secondo si basa sull’allestimento Sahara con configurazione 4 porte, livrea Ocean Blue Metallic Clear Coat e hard top. Anche quest’ultimo è spinto dal motore diesel 2.2 da 200 CV.

Salone Auto di Torino Parco Valentino 2019: Jeep Wrangler 1941 Mopar
Jeep Wrangler 1941 Mopar

Esposizione fuoristrada storici Jeep

Al Camp Jeep 2019 viene ripercorsa anche la storia del marchio 4×4 americano. Infatti c’è un’area museo dove ci sono esposti sette modelli storici.

Si tratta del modello Jeep Cherokee Chief “Levis” del 1978, una versione speciale della Cherokee nata dalla collaborazione memorabile con Levi Strauss avvenuta tra il 1975 e il 1978; la Jeep CJ5 “Renegade I” del 1970, un allestimento speciale dei modelli CJ5 e CJ7 disponibile fino al 1986, che ha visto la primissima comparsa del nome “Renegade” nella storia Jeep; la Jeep CJ7 “Golden Eagle” del 1978, variante esclusiva del CJ7 lanciato nello stesso anno della Renegade originale; la Jeep J300 “Gladiator Thriftside” del 1963 e la Jeep J3000 “Gladiator Thriftside” del 1967, che segnano l’esordio della denominazione Gladiator, entrambe vantano l’applicazione della carrozzeria tradizionale su un telaio da pick-up ispirato alla Jeep Wagoneer station wagon 4×4 e cambio automatico, equipaggiato per la prima volta su un pick-up a trazione integrale; la Jeep Super Wagoneer del 1967, il primo veicolo a trazione integrale con cambio automatico, precursore dei moderni SUV di lusso, e la Jeep CJ5 “Super Jeep” del 1973, versione speciale del CJ-5 prodotta in edizione limitata e molto ricercata dai collezionisti.

Camp Jeep 2018
Jeep Willys militare del 1941 in esposizione al Camp Jeep 2018

Il programma delle attività

Annunci usato JEEP – Listino prezzi JEEP

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Close
Close