FotogalleryToyota

Autobus ad idrogeno Toyota SORA

In Giappone Toyota lancia Sora, ovvero il primo autobus ad idrogeno a celle a combustibile, che in caso di emergenza può anche essere utilizzato come generatore elettrico

FOTO Toyota SORA

AUTOBUS AD IDROGENOToyota lancia sul mercato Sora, il primo autobus a celle a combustibile (bus FC) a ricevere la certificazione di omologazione in Giappone.

Toyota prevede di introdurre oltre 100 autobus a celle a combustibile, principalmente nell’area metropolitana di Tokyo, in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.

Autobus ad idrogeno | Toyota SORA

L’anno scorso, Toyota ha lanciato l’iniziativa globale “Start Your Impossible” che segna l’inizio del passaggio da automotive brand a mobility brand.
Questo percorso è stato guidato dal desiderio dell’azienda di contribuire al miglioramento della vita dei propri automobilisti e della società, attraverso la realizzazione di una società totalmente sostenibile, in cui ognuno sia in grado di superare i propri limiti.

Nello sviluppo di Sora, l’obiettivo di Toyota era quello di progettare degli autobus in grado di offrire libertà di movimento e che diventassero un’intramontabile icona urbana.
Toyota mira a creare un mezzo di trasporto che lavori a supporto della società, così il Toyota Fuel Cell System (TFCS) di Sora è stato adottato per la sua compatibilità ambientale e la sua capacità di essere utilizzato come generatore elettrico in caso di emergenza.Autobus ad idrogeno Toyota SORA

Autobus ad idrogeno Toyota SORA | Caratteristiche

Il Toyota Fuel Cell System (TFCS), sviluppato per il veicolo elettrico a celle a combustibile Mirai (FCEV), è stato adottato sia per garantire il massimo in termini di performance ecologica, azzerando le emissioni di CO2 e di agenti inquinanti, sia per la silenziosità e le vibrazioni ridotte.
Il bus Sora è equipaggiato con un sistema di alimentazione ad elevata capacità, in grado di sviluppare un massimo di 9 kW e 235 kWh e utilizzabile come generatore elettrico di emergenza in caso di calamità naturali.

Il bus ad idrogeno si caratterizza per le sedute orizzontali dotate di un meccanismo di stivaggio automatico (una premiere per il Giappone)
I sedili di Sora vengono riposti automaticamente quando non vengono utilizzati, migliorando il comfort per i passeggeri con passeggini, sedie a rotelle e per gli altri passeggeri.

Un sistema di otto telecamere ad alta definizione, montate all’interno e all’esterno del veicolo, rileva pedoni e ciclisti che si trovano attorno al bus, fornendo supporto al campo di visivo.
Alle fermate dell’autobus, il sistema rileva la presenza di pedoni e ciclisti circostanti ed avverte il conducente attraverso notifiche sonore e immagini migliorando così la sicurezza.
Un apposito sistema elimina il rischio di accelerazioni improvvise che potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza dei passeggeri in piedi. Il cambio automatico elimina inoltre il rischio di sbandamenti.Autobus ad idrogeno Toyota SORA

Autobus ad idrogeno Toyota SORA | Com’è

All’esterno il design segue l’effetto stereoscopico che differisce in modo significativo dall’esaedro (forma a scatola) degli autobus convenzionali.

Per le luci anteriori e posteriori è stata utilizzata la tecnologia LED, l’insieme di queste caratteristiche di progettazione rendono immediatamente riconoscibile il bus FC.Autobus ad idrogeno Toyota SORA

LISTINO PREZZI TOYOTA

Commenta

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto