CX-5PRIMO CONTATTO

Mazda Cx-5 prova primo contatto col suv giapponese

Provato il rinnovato suv giapponese 2.0 litri a benzina con 160 cavalli e cambio manuale 6 marce

Lanciato nel 2012, Mazda CX-5 è stato il primo modello di una nuova generazione del marchio giapponese a proporre sia il design “KODO” – Soul of Motion sia le innovative tecnologie Skyactiv.
Eravamo desiderosi di salire sul rinnovato Mazda CX-5 per una nuova prova!
Anche su questo nuovo modello vi è la massima dimostrazione del concetto Jinba Ittai, ovvero unione/fusione tra conducente e vettura come fossero una cosa sola. E’ la filosofia di Mazda che pone l’uomo al centro che ritroviamo sul CX-5 non solo apprezzato per il design dinamico, per le prestazioni brillanti e coinvolgenti ma anche arrivato a rappresentare il 25% delle vendite annue dell’azienda. Ad oggi ne sono state vendute oltre 1,5 milioni di unità in 120 paesi di tutto il mondo! Il nuovo Mazda CX-5 parte da questa storia di successo e propone affinamenti in ogni aspetto del suo progetto dall’approccio esclusivo e delle sue sofisticate tecnologie Skyactiv, creando una vettura elegante, ispirata ed intelligente che porta un piacere di guida inedito per gli acquirenti del settore dei SUV.
Mazda Cx-5 prova primo contatto con Giovanni Mancini alla guida!

Mazda CX-5 PROVA | COME VA

– La nostra prova è mirata, con attenzioni particolari, a sentire alla guida la massima espressione tecnica che pone l’uomo al centro, di cui i giapponesi di Mazda sono riusciti a farne un capolavoro grazie alla loro filosofia ingegneristica e stilistica del Jinba Ittai di Mazda. A Barcellona a bordo del nuovo CX-5 abbiamo potuto constatare che questo feeling è veramente notevole per un suv dove confort e piacere di guida si fondono in una silenziosità elevata. Siamo sulla versione 2.0 litri a benzina con 160 cavalli e cambio manuale 6 marce.
Con questa nuovo aggiornamento di CX-5 i tecnici si sono concentrati, riuscendoci bene, a minimizzare i disturbi NVH in abitacolo con una significativa riduzione della rumorosità a bassa frequenza indotta dal fondo stradale e di quella ad alta frequenza dovuta all’aerodinamica ed al rotolamento. Alla guida tutto questo si sente!
All’interno del nuovo CX-5 i passeggeri godono del massimo confort con una riscoperta piacevole di parlare a bordo senza stress per tutta la durata del viaggio. Le rifiniture sono curatissime con la pelle (colore bianco o nero) presente un po’ ovunque. Feeling di alla guida notevole che si apprezza soprattutto nei tratti più tortuosi dove si ha l’impressione di essere al volante di una vettura molto più leggera: questo, ci riferiscono, è stato ottenuto attraverso gli interventi di affinamento sulla scocca “Skyactiv-BODY”, sulle sospensioni “Skyactiv-CHASSIS” e sulla dinamica “Skyactiv Vehicle Dynamics” che conferiscono ora una completa padronanza del veicolo soprattutto nei transitori di guida, nelle fasi di accelerazione, sterzata e frenata. La rigidità torsionale della scocca Skyactiv-BODY è cresciuta di oltre il 15% rispetto al modello precedente.
E poi nella fase di inserimento in curva, percorrenza e trazione in uscita, con grande delicatezza, interviene il sistema G-Vectoring Control (GVC) la prima delle tecnologie Skyactiv-Vehicle Dynamic di Mazda, attraverso la quale il nuovo CX-5 diventa più confortevole, raffinato e reattivo che mai. Dopo un primo contatto di circa 100 km percorsi posso dire che freni, sospensioni e sterzo di questo nuovo CX-5 hanno fatto un salto in avanti tanto da meritarsi un premio, oltre a quello per il colore rosso più bello del mondo. Adesso ci sono anche i vetri laterali a doppio strato e l’head up con display a colori molto comodo che proietta le informazioni all’altezza giusta, leggibili senza distogliere le attenzioni dalla strada.  Per la prima volta su CX-5 arriva anche l’apertura elettrica per il portellone posteriore che si comanda sia con pulsante dall’interno dell’abitacolo, dal pulsante presente sul portellone o dal telecomando della chiave.
AMBASSADOR TEST DRIVE – Il CX-5 è stato provato in anteprima anche da un amico, Andrea De Angelis, ormai diventato ambassador Mazda. E’ stato infatti invitato da Mazda Italia, in qualità di cliente affezionato al marchio, a Barcellona insieme ad un bel gruppo di concessionari italiani per provare in anteprima questo nuovo modello che la casa di Hiroshima lancia sul mercato in questi giorni.
L’obiettivo, dichiarato, è quello di conquistare il cuore di clienti che fino ad ora non hanno mai abbandonato marchi premium.
Mazda Cx-5 prova primo contatto con Andrea De Angelis
Andrea ci racconti le tue impressioni su questo CX-5? 
“Dopo la splendida accoglienza è ora di guidare, abbiamo la possibilità di scegliere quale motorizzazione e allestimento provare. Prendo il 2000 benzina aspirato 160 cv AT AWD versione “Evolve”. Appena entrato, anche se ho scelto la versione meno ricca, mi accorgo subito del salto di qualità dal modello 2015 che era già ottima: gli interni sono molto curati, ben assemblati e tutti i comandi sono al posto giusto. Si nota subito il meticoloso studio che i progettisti giapponesi hanno fatto, con in mente il “Jimba ittai”. Già dai primi chilometri ci si sente padroni dell’auto, come se la si guidasse da sempre, con una notevole prontezza dei comandi e la prevedibilità della risposta che effettivamente ti fa sentire un tutt’uno con l’auto. Un grande passo in avanti è stato fatto nella silenziosità e confort. Chiudendo lo sportello l’insonorizzazione interna è sorprendente, le nuove guarnizioni e il lavoro di ridurre gli spazi tra le fessure degli sportelli è stata meticolosa anche grazie ai finestrini confort silent, ovvero il cristallo laterale è composto da due vetri accoppiati tra i quali è stata inserita una pellicola di film plastico che abbatte drasticamente la rumorosità. I sedili sono comodi e ben sagomati: nei vari percorsi misti tra i quali 7 km di sterrato dove l’AWD ha lavorato in maniera eccelsa, non hanno affaticato la guida con un volante molto preciso. Cambio automatico a 6 rapporti veloce e al tempo stesso dolce nelle cambiate: sulla vettura in prova mancavano le palette al volante (opzionali) ma si puó comunque giocare con il sequenziale agendo sulla leva del cambio! Il 2000 benzina aspirato in accelerazione spinge bene, l’auto in prova ha poco più di 1000 km e chiunque conosce i motori skyactiv sa che è un pó presto per dare una valutazione precisa sulle prestazioni che miglioreranno nei prossimi chilometri. Il secondo giorno decido di guidare il top gamma 2.2 diesel 175 cv AT AWD versione “Exclusive”! L’abitacolo è molto più lussuoso con gli interni in pelle bianca, head up display a colori proiettato sul parabrezza e qualche finitura più ricercata negli interni, tetto apribile di 4 cm più grande rispetto al modello 2015! Qui troviamo anche il portellone del baule con apertura elettrica tramite chiave, pulsante interno e tasto sul portellone e puó essere regolata l’apertura in base all’esigenza dell’utente! Il 2.2 spinge veramente forte, ció che ci si aspetta da un’auto del genere, ripresa progressiva ma con la dolcezza che ci vuole su un’auto che punta alla comodità. In curva la CX-5 entra precisa ed esce forte dalle curve anche grazie al sistema g-vectoring con sensori che leggono gli spostamenti della forza “g”, trasferendo coppia motore sulle ruote per toglierla quando non serve, garantendo tenuta di strada, riduzione del sotto e sovrasterzo e meno sollecitazione agli occupanti della vettura! Il sistema a differenza dei classici torque vectoring previene l’insorgere di perdite di aderenza togliendo potenza. Non come altri sistemi che frena le ruote per recuperarla. Ottima anche la frenata! Anche se si sottopone a una guida più sportiva stressando l’impianto con “staccate forti” non si avverte mai un affaticamento del sistema frenante.
Esteticamente l’auto è bellissima, il “kodo design” rende l’auto sinuosa e filante, e il nuovo colore Crystal Soul Red, “il rosso più bello del mondo” fa girare la testa a chiunque la guarda.
Insomma un’auto fantastica per ogni esigenza priva di difetti e che darà filo da torcere alle auto della stessa categoria! Segmento premium…..lasciate spazio, arriva il nuovo cx-5.
Versioni provate:  Mazda CX-5 2.0L 160cv AWD 6MT Evolve Mazda CX-5 2.2L 175cv AWD 6MT Exclusive INFO 

LISTINO PREZZI MAZDA CX-5

Mazda Cx-5 prova primo contatto sulle strade di Barcellona

Mazda CX-5 2017 | DESIGN – Nato secondo il concetto di sviluppo di “Robustezza raffinata”,  il nuovo Mazda CX-5 eleva l’esclusiva filosofia stilistica KODO-Soul of Motion del marchio a nuovi livelli di sofisticazione conferendo al nuovo modello una personalità stilistica diversa e dinamica, studiata per attrarre le sensibilità del cliente SUV maturo.
Al di là dell’evoluzione in senso più tridimensionale del design del frontale, l’obiettivo stilistico per il nuovo CX-5 era di creare una forma semplice ma personale, matura ed elegante in cui gli accenti delle linee di carattere risultano minimi ed il passaggio fra le superfici della carrozzeria si enfatizza creando cambi nei riflessi della luce. Per massimizzare questo effetto, Mazda ha realizzato la nuova tinta Soul Red Crystal.
Evoluzione della tanto apprezzata tinta Soul Red Premium Metallic che accresce il livello di luminosità di circa il 20% e ne aumenta la profondità di quasi il 50%, la finitura della nuova vernice Soul Red Crystal raggiunge livelli ancora più eclatanti di trasparenza a sottolineare la bellezza e la qualità delle forme dinamiche della carrozzeria dal design KODO.
Mazda_CX-5_2017_Suv_03
Mazda CX-5 2017 | INTERNI – Il nuovo CX-5 ha un design degli interni totalmente umano-centrico, concepito focalizzandosi sulla massima ergonomia del posto di guida in un abitacolo spazioso, robusto ed elegante, e contrassegnato dalla massima attenzione al dettaglio nell’impiego dei materiali, e nel montaggio e nella finitura dei componenti.
Sia i sedili anteriori che quelli posteriori sono stati profondamente rivisti per offrire agli occupanti un migliore sostegno del corpo, riducendo l’affaticamento e migliorando il comfort.
Primo esempio d’applicazione su una Mazda, il portellone a comando elettrico viene azionato tramite gli interruttori di apertura/chiusura sistemati sia sul portellone stesso che fra i comandi a portata del conducente. Azionandolo dal tasto del telecomando (Mazda Advanced Keyless Entry), si può anche impostare il grado di apertura del portellone.Mazda Cx-5 prova primo contatto foto interni in pelle biancaIl nuovo display centrale da 7″ è il primo in assoluto su una Mazda che adotta un collegamento ottico per abbinare il display a cristalli liquidi ed il pannello a tocco, il che elimina i riflessi e presenta immagini più chiare.
Il volante di nuova generazione è più confortevole da impugnare ed ha la corona riscaldata. Il parabrezza anteriore ora è dotato di sistema di decongelamento tergicristalli. Ed un sistema automatico fa ripiegare verso l’interno gli specchietti retrovisori esterni quando si bloccano le porte utilizzando il telecomando (Mazda Advanced Keyless Entry).
Per gli interni sono disponibili tre ambientazioni cromatiche: tessuto nero, oppure pelle nera o bianco puro. Le nuove cornici di finitura della plancia trasmettono sia il calore del legno che la robustezza del metallo.Mazda Cx-5 prova primo contatto foto plancia strumenti
Mazda CX-5 2017 | CONNETTIVITÀ – Il nuovo CX-5 è dotato di MZD Connect, il sofisticato sistema Mazda per la connettività in movimento che integra online con continuità social media e radio internet.
MZD Connect amplia le funzioni di bordo già disponibili sulle Mazda, quali Bluetooth®, email, SMS e navigazione, offrendo agli utenti nuovi livelli di convenienza nella connessione.
Utilizzando uno smartphone collegato al sistema del nuovo Mazda CX-5 via Bluetooth® o USB, gli occupanti hanno un accesso facile e sicuro in tempo reale, attraverso un display da 7”, ad un’ampia e sempre crescente gamma di servizi di infointrattenimento mobili forniti da Aha™, comprendenti decine di migliaia di stazioni radio internet, feed Twitter e Facebook, notizie, audiolibri ed altro ancora.
MZD Connect supporta la riproduzione da altri dispositivi mobili collegati e lavora in 11 lingue per l’audio e 26 per il testo. Offre anche una gamma di informazioni sul veicolo attraverso applicazione proprie di Mazda, comprese lo stato e la percentuale d’attività dei sistemi di rigenerazione dell’energia in frenata i-ELOOP e di spegnimento al minimo i-stop.
Insieme alla navigazione sono disponibili dei Servizi di Connessione. Una volta acquistato l’abbonamento e con sistema collegato ad uno hotspot WiFi, come quelli realizzati con un telefono cellulare, risulteranno disponibili i seguenti servizi in tempo reale: Aggiornamenti sul traffico in tempo reale, compreso il ricalcolo del percorso in base alle attuali condizioni della circolazione; accesso ai prezzi correnti dei carburanti lungo la strada prescelta o in una località specifica; visualizzazione degli ultimi aggiornamenti su meteo e previsioni per tutti i punti lungo un percorso prescelto; ricerca di destinazioni su internet tramite smartphone.Sviluppato da Bose appositamente per il nuovo Mazda CX-5, l‘impianto audio Premium con 10 altoparlanti è dotato di amplificatore digitale a 8 canali e di tweeter di nuova progettazione con cupola in seta e montati nei montanti A per creare una immagine sonora più nitida e naturale. Elaborando il segnale digitale Centerpoint® 2 analizza la frequenza della fonte sonora per fornire una ricca esperienza surround multicanale virtuale, anche da MP3 e da altri file compressi, o da radio e contenuti audio accessibili attraverso l’avanzato sistema di connettività. La tecnologia di compensazione del rumore AudioPilot® 2 compensa gli effetti delle rumorosità esterne indesiderate come quelle dovute al fondo stradale, al variare della velocità, ed anche dai finestrini aperti. L’impianto audio Bose® di Mazda ha tre caratteristiche chiave: audio chiaro, pulito e senza distorsioni; una riproduzione accurata di tutta la gamma di frequenze musicali, che crea un’esperienza avvolgente che evoca una prestazione dal vivo; ed il potere di creare un suono in cui si può notare l’energia d’impatto dei bassi.Mazda Cx-5 prova primo contatto posizione di guida e navigatore
Mazda CX-5 2017 | MOTORI – Il nuovo Mazda CX-5 è disponibile con tre diversi motori: uno SKYACTIV-D 2.2 turbodiesel e le unità a benzina SKYACTIV-G 2.0 e SKYACTIV-G1+ 2.5 ad iniezione diretta.
Nello sviluppo della nuova gamma di motori SKYACTIV, gli ingegneri Mazda non hanno seguito l’attuale tendenza di ridimensionamento della cubatura dei motori ma hanno invece optato per una rivisitazione di fondo che avrebbe permesso loro di ottimizzare ogni aspetto di questi nuovi motori innovativi. Il risultato è una combinazione di consumi eccezionali, raffinatezza e flessibilità, senza compromettere le prestazioni. Entrambe le varianti, manuale e automatico, dei propulsori SKYACTIV-G 2.0 litri a benzina e SKYACTIV-D 2.2 litri turbodiesel sono sono disponibili o a trazione anteriore o con il sistema a trazione integrale i-ACTIV AWD di Mazda di nuova generazione, che grazie ai nuovi cuscinetti consente una riduzione del 30% nella resistenza.
Il motore a benzina SKYACTIV-G 2.0 
ha un rapporto di compressione di 14:1, una cilindrata di 1.997 cc ad iniezione diretta di benzina SKYACTIV-G e combina un basso attrito con una struttura interamente in lega leggera per fornire una grande erogazione di coppia ai regimi bassi e medi, accelerazione lineare ed un eccellente riduzione dei consumi. Caratterizzato da un sofisticato sistema di scarico 4-2-1, iniettori multiforo ed un design unico della cavità del pistone per contribuire ad eliminare il battito in testa, l’unità sviluppa 165/160 CV (AWD) a 6.000 giri/min e 210/208 Nm di coppia a 4.000 giri/min. Restituisce un consumo di carburante a ciclo combinato di 6,4 l/100 km e genera emissioni di CO2 pari a 149 g/km (cambio manuale, FWD), 6,5 l/100 km e 152 g/km (automatico, FWD), 6,8 l/100 km e 159 g/km (manuale, AWD) e 6,6 l/100 km e 155 g/km (automatico, AWD).
Il motore SKYACTIV-G1+ 2.5 litri a benzina è disponibile solo con cambio automatico abbinato alla trazione integrale i-ACTIV AWD.
Per l’installazione sul nuovo CX-5, il motore ha beneficiato di un nuovo sistema di disattivazione dei cilindri per significativi miglioramenti nel consumo di carburante. Questo risultato è ottenuto attraverso un meccanismo di commutazione nel sistema di recupero del gioco delle punterie idrauliche del primo e del quarto cilindro. Quando tutti e quattro i cilindri sono in funzione, questi servono come punto di perno per ogni bilanciere mentre i bracci azionano le valvole di aspirazione e di scarico. Applicando pressione al recupero del gioco delle punterie si commuta il fulcro lato valvola, arrestando il movimento della stessa per disattivare i due cilindri esterni. La disattivazione dei cilindri è più efficace a basse velocità, con un miglioramento dei consumi di circa il 20% durante la marcia ad una velocità costante di 40 km/h, e di circa il 5% ad una velocità costante di 80 km/h. Vengono anche diverse misure di miglioramento della combustione, e inedite innovazioni per ridurre ulteriormente attrito e rumorosità, aumentando così l’efficienza nei consumi. Con monoblocco di alluminio ed altri componenti leggeri, un contralbero di equilibratura che riduce la rumorosità cupa a bassa frequenza ed un rapporto di compressione 13:1, il motore aspirato da 2.488 cc ad iniezione diretta di benzina SKYACTIV-G1+ offre prestazioni dinamiche eccellenti e consumi ridotti, combinate ad una marcia particolarmente silenziosa.
Il motore sviluppa 194 CV a 6.000 giri/min e 258 Nm di coppia a 4.000 giri/min.
Equipaggiato con cambio automatico e trazione integrale i-ACTIV AWD, ha consumo nel ciclo combinato pari a 7,1 l/100 km e genera emissioni CO2 di 162 g/km.
Mazda Cx-5 prova primo contatto foto esterni colore rosso e grigio foto posteriore
Il motore diesel SKYACTIV-D 2.2 
ha una struttura totalmente in lega a basso coefficiente di attrito e leggera, iniezione diesel common-rail da 2.188 cc utilizza una varietà di sofisticate tecnologie che gli consentono di rispettare agevolmente i livelli di emissione delle stringenti norme Euro 6 senza alcun costoso sistema di post trattamento. L’impiego di iniettori piezoelettrici multi foro ad alta pressione capaci di attuare fino a 9 iniezioni per combustione e di pistoni ovali, facilita il raggiungimento della necessaria precisione d’iniezione del carburante e del rapporto di compressione di 14:1, richiesto per una combustione ideale; il più basso in assoluto tra tutti i motori diesel prodotti attualmente. L’unità sviluppa 150/175 CV a 4.500 giri/min e una coppia di 380/420 Nm a 1.800-2.600 / 2.000 giri/min. La sua configurazione a doppio turbo è concepita per garantire un ritardo minimo, una spinta possente ai medi regimi e limite di fuorigiri a 5.500 giri/min.
Il motore Skyactiv-D turbodiesel beneficia di tre eccezionali tecnologie Skyactiv-D – controllo sovralimentazione DE di alta precisione (High-Precision DE Boost Control), Natural Sound Smoother e  Natural Sound Frequency Control – per accentuare la prontezza di risposta del motore, aumentare la silenziosità e migliorare la qualità di marcia.
Mazda Cx-5 prova primo contatto foto vano motore skyactiv Mazda Cx-5 prova primo contatto colore rosso vista posteriore
Mazda CX-5 2017 | TECNOLOGIA – Sviluppato come parte della filosofia Proactive Safety di Mazda, il nuovo CX-5 è equipaggiato con una gamma migliorata ed ampliata di tecnologie di supporto alla guida i-Activsense di Mazda, avanzate ed innovative ed in grado di offrire prestazioni ai vertici della categoria in termini di sicurezza. A velocità superiori ai 60 km/h, il sistema di mantenimento della corsia (LAS) sfrutta la telecamera di rilevamento anteriore per monitorare le indicazioni stradali, supportando il conducente nella sterzata mediante assistenza nella coppia di sterzata. Il sistema avviso di fuoriuscita dalla corsia (LDWS) invece, prevede il cambio di corsia involontario avvisando il conducente del pericolo attraverso la vibrazione dello sterzo ed allarmi acustici.
Il sistema Advanced Blind Spot Monitoring con Rear Cross-Traffic Alert (ABSM con RCTA) di monitoraggio dei punti ciechi con avviso del traffico posteriore in uscita da parcheggio, sfrutta il radar ad onde millimetriche per monitorare i punti ciechi laterali e posteriori al nuovo CX-5, informando il conducente dei veicoli in avvicinamento quando, ad esempio, cambia corsia. Il sistema diventa operativo con velocità superiore a 30 km/h. Se il conducente attiva un indicatore di direzione mentre il sistema rileva la presenza di veicoli in avvicinamento da dietro, avvisa facendo lampeggiare un indicatore nel rispettivo retrovisore esterno ed emettendo un allarme acustico. Usa lo stesso sensore anche per la funzione RTCA, la quale tiene monitorati i dintorni del veicolo quando si esegue una retromarcia, allertando il conducente qualora rilevi la presenza di veicoli in avvicinamento dai lati.
Attiva a velocità superiori ai 65 km/h, la funzione di avviso di stanchezza del conducente (DAA) monitora l’angolo volante e la velocità veicolo, combinando queste informazioni con quelle ricevute dalla telecamera di rilevamento frontale per monitorare lo stato del conducente. Se il sistema dovesse rilevare eventuali cambiamenti degni di nota nel comportamento del conducente, consiglierà una pausa ogni due ore attraverso l’uso di entrambi gli allarmi, quello visivo e quello acustico.L’adozione di una telecamera di rilevamento anteriore affiancata al radar a onde millimetriche, già in dotazione nel sistema della precedente generazione, ha ampliato le funzionalità delle tecnologie i-Activsense di Mazda.Sia il Regolatore di velocità con sensore radar Mazda (MRCC – Mazda Radar Cruise Control) con funzione Stop and Go, che i Fari a LED adattivi (Adaptive LED Headlights – ALH) costituiti da 12 blocchi di LED, sono entrambi caratterizzati da funzionalità migliorate, mentre le funzioni di Supporto avanzato alla frenata in città (Advanced Smart City Brake Support – ASCBS) ed il sistema di riconoscimento della segnaletica stradale (Traffic Sign Recognition – TSR) sono disponibili per la prima volta nella gamma CX-5.Il nuovo CX-5 è anche caratterizzato dal sistema di frenata antibloccaggio delle quattro ruote (4W-ABS) con ripartitore elettronico di frenata (Electronic Brakeforce Distribution – EBD) ed assistenza alla frenata con controllo dinamico della stabilità (Brake Assist, Dynamic Stability Control – DSC), dal sistema di controllo trazione (Traction Control System – TCS), dal segnale di arresto d’emergenza (Emergency Stop Signal – ESS) e dal sistema di assistenza alla partenza in salita (Hill Launch Assist – HLA).
Monitor display nuovo Mazda Cx-5 prova primo contatto

VIDEO PROVA PRIMO CONTATTO MAZDA CX-5

Tags

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori.
Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4×4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell’anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo con Peugeot e nei monomarca con Seat e Renault.
Tra le tante auto speciali provate una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Simili

Close