4x4 fuoristrada RacingOff RoadRacingVideo

Tunisia Desert Challenge 2022, percorso, programma rally-raid

Il Tunisia Desert Challenge è il secondo rally-raid più grande al mondo dopo la Dakar. Quest’anno il percorso della gara si sviluppa tra le leggendarie dune del deserto di El Borma.

Dopo una prima edizione di successo nel novembre dello scorso anno, il Tunisia Desert Challenge torna nel paese nordafricano. La ricetta del rally-raid off road rimane la stessa: nessun loop intorno a Douz ma una gara lineare con 8 tappe nel deserto, 2.600 chilometri cronometrati e nessun collegamento.

E c’è di più: oltre un decennio dopo l’Optic2000 e il Rallye de Tunisie, il TDC è il primo grande rally ad essere permesso nelle leggendarie dune di El Borma.

Tunisia Desert Challenge data 2022

A soli 6 mesi dalla precedente edizione, il secondo Tunisia Desert Challenge si svolgerà dal 21 al 29 aprile 2022 superando il rally 2021 su ogni fronte: più partecipanti, più chilometri e, soprattutto, ancora più dune. Il Tunisia Desert Challenge inizierà con le verifiche tecniche e un prologo sull’isola di Djerba il 20-21-22 aprile.

Tunisia Desert Challenge data, in programma dal 21 al 29 aprile 2022
Il Tunisia Desert Challenge è in programma dal 21 al 29 aprile 2022

Con una carovana composta da più di 930 persone provenienti da 30 diverse nazionalità, il Tunisia Desert Challenge è il secondo evento rally-raid più grande del mondo, dopo la Dakar.

Tunisia Desert Challenge percorso nel deserto di El Borma

Il percorso del Tunisia Desert Challenge si snoda all’interno del deserto di El Borma. “Dopo lunghe trattative e l’aiuto dei ministri di Turismo e Ministro della Gioventù e dello Sport, siamo la prima organizzazione, a più di un decennio dall’ultimo evento, a cui è stato concesso il permesso di includere le magiche dune di El Borma nella gara” – commenta soddisfatto Gert Duson, organizzatore e ideatore del Tunisia Desert Challenge (e del Morocco Desert Challenge).

Tunisia Desert Challenge percorso deserto di El Borma
Il Tunisia Desert Challenge si corre nel deserto di El Borma, a sud della Tunisia

Questa leggendaria regione nel sud della Tunisia è un’area militare conosciuta per i suoi numerosi giacimenti di petrolio e gas. La regione era un tempo il campo di battaglia di leggendari rally-raid come l’Optic2000 e il Rallye de Tunisie, ma negli ultimi dieci anni è stata completamente inaccessibile a qualsiasi evento motoristico.

Tunisia Desert Challenge programma gara

“Dopo il prologo sull’isola di Djerba, la prima tappa porterà i partecipanti al bivacco nella “zona proibita”, vicino a Kambout. Il giorno dopo il divertimento avrà davvero inizio nelle dune dell’estremo sud” – assicura Duson. Dopo un’altra notte in questo bivacco, la carovana si sposterà all’oasi di Ksar Ghilane da dove si continuerà per Douz. A concludere il rally altre due tappe (e notti) nel mitico bivacco di Star Wars, vicino a Nefta. “Per l’edizione 2021 del TDC, ci siamo attenuti al principio del coast-to-coast del MDC e abbiamo finito a Monastir.

Tunisia Desert Challenge programma gara
Il Tunisia Desert Challenge si conclude nel mitico bivacco di Star Wars

Per raggiungere questa città, i partecipanti hanno avuto solo una breve ottava tappa, seguita da un lungo trasferimento. Eravamo convinti di poter fare meglio. Ecco perché abbiamo deciso di finire con una tappa impegnativa di 300 km che arriva nella splendida cornice del bivacco di Star Wars il 29 aprile, dove si svolgerà anche la cerimonia di premiazione. E per permettere poi a tutti di tornare a casa in modo confortevole, abbiamo noleggiato 3 aerei in partenza da Tozeur, a soli 30 km dal bivacco” – prosegue l’organizzatore.

Tunisia Desert Challenge auto

L’edizione 2022 del Tunisia Desert Challenge non sarà solo più impegnativa della precedente. Anche lo schieramento dei partecipanti non è di quelli che passa inosservato: allo start a Djerba ci sono più di 200 veicoli da competizione tra cui 72 auto e buggy, 60 SSV, 16 camion da corsa e 55 fra moto e quad.

Per le vetture, la sfida principale sarà probabilmente quella combattuta tra i 5 buggy Optimus di MD Rallye Sport, i 4 sudafricani Red-Lined Nissan Navarra e le molte Toyota Overdrive.

Tunisia Desert Challenge auto
Al via del rally-raid ci sono 72 auto e buggy

A meno che, naturalmente, il team 4×4 Ermelo, con la sua impressionante ASX di Mitsubishi, non si aggiudichi la vittoria, proprio come avvenuto l’anno scorso. A dire la loro ci saranno inoltre anche alcuni dei 10 Bowlers iscritti, di cui 8 con l’assistenza della squadra belga Desert Foxx.

Tunisia Desert Challenge categoria SSV

Gert Duson: “La competizione sarà agguerrita anche nella categoria SSV. Ai nastri di partenza abbiamo alcune delle squadre più forti e professionali come South Racing schierata non solo con quattro Can-Am T4 di fabbrica, ma anche 6 SSD privati costruiti da loro. Dalla Francia arrivano anche altri  concorrenti di questa classe, grazie a team come Xtreme+ (Polaris) e Pinch Racing.

In gara ci sono anche 60 SSV

Dall’Olanda saranno presenti i tre bellissimi T3 Proto di Arcane Factory Racing così come il mega team olandese QFF che offre assistenza a più di 20 Can-Am X3. Insomma, una bella sfida agguerrita”.

Tunisia Desert Challenge truck

In categoria truck il numero di partecipanti è più che raddoppiato rispetto al 2021. Saranno infatti 16 i camion da corsa (non di assistenza veloce) che si daranno battaglia l’uno con l’altro nello splendido Sahara tunisino.

16 truck si sfidano all’interno della categoria riservata ai camion

Tra questi Eimbert Timmermans, che ha vinto l’edizione 2021 con il suo impressionante DAF Torpedo. Quest’anno gareggerà con squadre provenienti da Italia (3 camion), Olanda (4), Belgio (5), Regno Unito (1), Spagna (1) e Ungheria (1). Tre saranno invece gli equipaggi dall’Italia, tutti schierati con i colori del Team Orobica Raid (oltre a Calabria-Calubini, anche Claudio Bellina, Andrea Bellina e Mauro Longa su Iveco Powerstar e Giuseppe Fortuna con Giulio Verzelletti su Mercedes Unimog 400).

Tunisia Desert Challenge italiani al via

Nella seconda edizione del Tunisia Desert Challenge, in programma dal 21 al 29 aprile, a sfidare gli altri camion fra le dune di El Borma c’è anche Paolo Calabria, driver bresciano, già sul podio dello scorso anno (terzo piazzamento in categoria truck) con il suo MAN Tga 480, del Team Orobica Raid con il numero #505.

Fra i successi riportati dal pilota bresciano ci sono fra l’altro due primi podi conquistati alla Baja di Pordenone, nel 2012 e 2013, in categoria truck, alla guida di un Mercedes Unimog.

Paolo Calabria pilota italiano al via del Tunisia Desert Challenge nella categoria truck
Paolo Calabria pilota italiano al via del Tunisia Desert Challenge nella categoria truck

La partecipazione alla penultima Dakar, quella del gennaio 2021, non è stata purtroppo delle più fortunate per via di noie meccaniche al mezzo che hanno costretto Calabria a ritirarsi al quarto giorno di gara, ma lo stop anticipato non ha certo diminuito la voglia di rimettersi in gioco.

Truck MAN Tunisia Desert Challenge, caratteristiche

Il truck #505 ai nastri di partenza del TDC 2022 è un prototipo 4×4 motorizzato MAN 12.800 cc. con una potenza di 800 CV, ammortizzatori Reiger e cambio ZF Ecomat in sostituzione di quello meccanico.

MAN Tga 480, del Team Orobica Raid di Paolo Calabria al via del Tunisia Desert Challenge
MAN Tga 480, del Team Orobica Raid di Paolo Calabria al via del Tunisia Desert Challenge

In sostanza, si tratta dello stesso cambio utilizzato da molti team ufficiali poiché, senza frizione, permette di effettuare cambiate particolarmente veloci, con notevole vantaggio soprattutto quando si è impegnati nella guida fra le dune.

Non essendo però un tipo di cambio normalmente accoppiato ad un motore come quello che alimenta questo truck prototipo, è stato necessario realizzare un’apposita centralina.

Paolo Calabria ha partecipato anche alla Dakar nel 2021
Paolo Calabria ha partecipato anche alla Dakar nel 2021

Calabria e Calubini, così come gli altri due camion in gara con i colori del Team Orobica Raid, si avvarranno dell’assistenza del MAN di Stefano Corsini e Luca Polini.

Tunisia Desert Challenge moto e quad

Nella categoria moto e quad sarà una sfida quasi tutta francese con il 40% dei partecipanti di origine francese, rappresentati principalmente da Nomade Racing, RS Concept e alcuni team più piccoli.

Al Tunisia Desert Challenge si sfidano anche 55 fra moto e quad

Da non sottovalutare neppure l’inglese Desert Rose Racing alla partenza con 7 piloti.

Video Tunisia Desert Challenge 2022 trailer

Tunisia Desert Challenge 202 VIDEO trailer

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

Se sei appassionato di fuoristrada, trazione integrale ed avventure in fuoristrada non perdere il magazine ELABORARE4x4 in edicola. Puoi ordinarlo comodamente da casa, ti arriverà in pochi giorni.

?#FUORISTRADA DOC!!! ? ELABORARE 4×4 Prenotalo #SUBITO te lo portiamo direttamente a casa! ? ABBONATI elaborare.com/4×4-abbonamento

ELABORARE 4x4 magazine
ELABORARE 4×4 magazine

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Sonja Vietto Ramus

Appassionata di fuoristrada e Africa, giornalista e fotografa free lance, dal 1998 lavoro per riviste italiane e straniere di off road e per siti web di motori e viaggi. Press Office per squadre corse e campionati, ho viaggiato in Europa, Africa, America, Asia e Medio Oriente realizzando reportage fotografici su rally-raid, viaggi e raid a trazione integrale. In Italia e all’estero mi sono inoltre occupata della comunicazione di team e piloti, fra cui Miki Biasion e Kenjiro Shinozuka, seguendoli sui campi di gara e in occasione di test drive.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto