Dakar RallyRacingSuzuki

Dakar 2024, Suzuki al via con un prototipo ad idrogeno

Suzuki partecipa alla Dakar 2024 schierando un prototipo ad idrogeno nella categoria "Mission 1000 Challenge" del Programma Dakar Future.

Suzuki partecipa alla Dakar 2024 in Arabia Saudita con il prototipo a idrogeno HySE-X1 nella categoria “Mission 1000 Challenge” del Programma Dakar Future. Questa categoria mira a promuovere tecnologie di propulsione a zero emissioni, come i motori a idrogeno, gli ibridi elettrici o i biocarburanti. Il Rally Raid si svolge dal 5 al 19 gennaio 2024.

Suzuki alla Dakar 2024

Suzuki alla Dakar 2024 schiera il prototipo ad idrogeno HySE-X1. La partecipazione è importante perché permette alla Casa giapponese di testare questa tecnologia ad idrogeno in un contesto molto duro. Il prototipo HySE-X1 che partecipa all’evento si basa su un telaio costruito da Overdrive Racing (Racing Team, partner di HySE, con sede in Belgio) con un layout modificato per ospitare un serbatoio di idrogeno e un sistema di alimentazione.

Prototipo Suzuki ad idrogeno HySE-X1
Prototipo Suzuki ad idrogeno HySE-X1

Il prototipo è spinto dal motore a idrogeno sviluppato da HySE per le moto, che l’ente sta attualmente utilizzando nelle sue attività di ricerca. Il rifornimento di idrogeno e la manutenzione sono eseguiti da Overdrive Racing.

Prototipo Suzuki ad idrogeno, caratteristiche

Il prototipo HySE-X1 vanta di serie dei dati tecnici rilevanti. La sua dimensione complessiva è di circa 3,530 mm in lunghezza, 2,070 mm in larghezza e 1,700 mm in altezza. Il veicolo ha un peso approssimativo di 1.500 kg. Il motore utilizzato è un motore 4 tempi raffreddato a liquido con 16 valvole DOHC e una cilindrata di 998 cm3. Questi dati forniscono un’idea delle specifiche e delle dimensioni di base del veicolo HySE-X1.

La mobilità del futuro secondo Suzuki

Alla Dakar, Suzuki ha l’opportunità di testare tecnologie che rientrano nella strategia per la mobilità del futuro. Questa strategia comprende elettrificazione, biocarburanti, riutilizzo delle batterie e supporto a start-up innovative, tra cui consegne autonome, utilizzo dello spazio aereo ed esplorazione spaziale, nonché mezzi di supporto per cittadini vulnerabili.

mobilità del futuro secondo Suzuki
La strategia Suzuki per il futuro, oltre all’elettrico, comprende anche l’idrogeno ed i biocarburanti

Un elemento chiave in questa strategia è anche l‘idrogeno, che ha portato alla formazione del consorzio HySE, composto da Suzuki, Kawasaki, Honda, Yamaha e Toyota. La Dakar rappresenta una tappa pratica per la realizzazione dei programmi di ricerca di HySE attraverso il motorsport, in particolare, ed è uno dei rally più impegnativi al mondo.

Leggi anche:

Tutte le novità, prove auto su SUZUKI
Video auto Suzuki provate
→  Listino prezzi Suzuki

Attività in fuoristrada e 4×4

Se sei appassionato di fuoristrada, trazione integrale ed avventure in fuoristrada non perdere il magazine ELABORARE4x4 elaborare.com/4×4-abbonamento

ELABORARE 4x4 magazine
ELABORARE 4×4 magazine

→ Cosa ne pensi? Fai un salto sulla discussioni sul FORUM!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Redazione NEWSAUTO

La squadra di NewsAuto.it si compone di un gruppo di appassionati collaboratori, esperti conoscitori del mondo delle automobili, della tecnica motoristica e del mercato italiano. Le prove delle vetture vengono eseguite da tester collaudatori esperti e piloti. Il nostro team include giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi e operatori video, tutti uniti dalla passione per l'automobilismo e impegnati ad offrire informazioni dettagliate e approfondite sulla vasta gamma di veicoli presenti sul mercato.
Pulsante per tornare all'inizio

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto