Alpine-RenaultFotogalleryPistaRacing

Alpine A424 alla 24 ore di Le Mans 2024

L’A424 l'Hypercar da corsa di Alpine ha corso alla 24 Ore di Le Mans del 2024 ottenendo buone prestazioni in gara ma con un amaro finale

L’Alpine A424 rappresenta un nuovo capitolo nella storia di Alpine nel mondo delle corse endurance. Con il suo design innovativo, la sua tecnologia all’avanguardia e il talento del suo team, Alpine ha tutte le carte in regola per diventare protagonista di questo sport negli anni a venire. Dopo la partecipazione ai primi tre round del Campionato Mondiale di Endurance FIA (FIA WEC), l’Alpine Endurance Team ha partecipato per la prima volta alla 24 Ore di Le Mans con la nuovissima A424. La gara per il team francese si è tuttavia conclusa con un bilancio agrodolce. Da un lato, l’Hypercar francese ha dimostrato un potenziale eccezionale, conquistando il quinto posto nell’Hyperpole con Paul-Loup Chatin e lottando per il podio nelle prime ore di gara. Dall’altro, un doppio ritiro per problemi meccanici ha vanificato le ambizioni del team, lasciando un velo di amarezza al termine di un weekend ricco di emozioni.

Classifiche 24H Le Mans 2024
Tutti gli articoli che parlano della Le Mans

Alpine A424 caratteristiche della Hypercar

L’Alpine A424 rappresenta il ritorno del marchio francese al top dell’endurance automobilistica, dopo l’esperienza in LMP2 con la A470. Progettata e sviluppata da Alpine in collaborazione con il team Signatech, l’A424 si distingue per la sua tecnologia ibrida all’avanguardia e per un design aerodinamico altamente efficiente. Degna erede della Renault Alpine A442 che conquistò la 24 Ore nel 1978, la A424 eredita da questa la scelta ingegneristica di adottare un singolo turbo per il suo motore V6 da 3,4 litri progettato a Viry-Châtillon e abbinato al sistema ibrido della categoria LMDh con batteria sviluppata da Williams. Dal punto di vista estetico l’Hypercar prefigura la futura firma luminosa di Alpine su un frontale, mentre il posteriore rivela 2 A a forma di freccia sui fari.

Alpine A424 #36, Hypercar Alpine Endurance Team, Le Mans 2024
Alpine A424 #36, Hypercar Alpine Endurance Team, Le Mans 2024

In particolare il propulsore a V di 90 gradi da circa 500 kW/675 CV è collocato in posizione centrale-longitudinale su un telaio realizzato in collaborazione con Oreca. Il cambio è un Xtrac sequenziale a 7 rapporti, mentre la MGU ibrida sviluppa 50 kW. L’auto misura 5 metri in lunghezza, 2 m in larghezza ed è alta 1,06 m con un passo di 3,15 m e un peso che secondo il BoP è di 1.030 kg. I dischi freno in carbonio vengono morsi da pinze monoblocco a 6 pistoncini, mentre le sospensioni sono di tipo push-rod. Infine i pneumatici sono forniti da Michelin, per tutti i team, e montati su cerchi da 18 pollici dal costo di oltre 2.000 euro l’uno!

Dalle qualifiche al warm-up

Le qualifiche di mercoledì hanno subito messo in luce il potenziale dell’A424. Paul-Loup Chatin ha conquistato l’Hyperpole con un giro magistrale, si è piazzato al quarto posto mentre Nicolas Lapierre è arrivato nono su ventitré Hypercar iscritte al Campionato. Altro risultato di rilievo l’ha portato a casa al giovedì sempre Paul-Loup Chatin riuscendo a piazzare la A424 numero 35 sul quinto posto della griglia di partenza, confermando le aspettative del team e accendendo l’entusiasmo dei tifosi. In parallelo Alpine ha presentato alla stampa la nuova A290, la prima compatta elettrica stradale della Casa francese.

La parata dei piloti Alpine alla 24 Ore di Le Mans 2024
La parata dei piloti Alpine alla 24 Ore di Le Mans 2024

Al venerdì i piloti si sono potuti prendere un attimo di riposo accolti dal calore del pubblico con la parata pomeridiana che si è svolta nel centro città di Le Mans. Durante l’evento una ventina di Alpine guidate da clienti, dalla prima A106 alle ultime A110, hanno accompagnato lo sfilare dei piloti a bordo di vetture classiche. Ad arricchire questa cornice di festeggiamenti ci ha pensato anche la concept car Alpine Alpenglow, una supercar alimentata a idrogeno, che ha sfilato anch’essa tra le tribune allestite per l’occasione. Infine, il sabato a mezzogiorno, le due Alpine A424 guidate da Charles Milesi e Nicolas Lapierre sono scese nuovamente in pista per affrontare i quindici minuti di warm-up e acquisire ulteriori dati per apportare le ultime regolazioni.

Alpine AlpenGlow alimentata a idrogeno esposta a Le Mans 2024
Alpine AlpenGlow alimentata a idrogeno esposta a Le Mans 2024

Alpine A424 in gara a Le Mans

La gara è iniziata sabato alle 16:00 con il via dato dall’ex calciatore Zinedine Zidane, ambasciatore del programma Alpine per le pari opportunità, che ha percorso un giro di pista a bordo della nuova Renault Rafale salutando il folto pubblico dagli spalti. Dai box non è mancato il sostegno di Luca de Meo, CEO del Gruppo Renault, e dei piloti di BWT Alpine F1 Team, Pierre Gasly ed Esteban Ocon. Charles Milesi sulla #35 e Nicolas Lapierre, al volante della #36, sono partiti con una certa prudenza ma mantenendo un buon ritmo di gara. In particolare, Lapierre è risalito dalla nona alla quarta posizione nei primi due stint. La pioggia immancabilmente ha fatto la sua comparsa sul calar della sera; così il team ha deciso di togliere le gomme slick e mettere quelle da bagnato, in anticipo rispetto agli altri, scelta che però li ha rallentati vista la poca pioggia iniziale.

Alpine A424 a Le Mans 2024 durante la pioggia
Alpine A424 a Le Mans 2024 durante la pioggia

Paul-Loup Chatin sulla numero 35 e Mick Schumacher (figlio di Micheal) sull’altra hanno preso il volante per il terzo stint, mantenendosi vicini al gruppo di testa. Ferdinand Habsburg e Matthieu Vaxiviere li hanno rispettivamente sostituiti, ma la sfortuna ha colpito la #35: un guasto al motore ha causato il ritiro della vettura alle 20:46. La #36, con Matthieu Vaxiviere e poi Nicolas Lapierre al volante, ha continuato la sua corsa, avvicinandosi alla top ten. Tuttavia, anche questa vettura è stata vittima dello stesso problema meccanico, costringendola al ritiro alle 21:36.

Alpine A424 numero 36 davanti alla 35 che si è ritirata
Alpine A424 numero 36 davanti alla 35 che si è ritirata

Futuro in crescita per Alpine nel WEC

Nonostante la delusione per i ritiri, Alpine Endurance Team può comunque trarre spunti positivi da questo debutto alla 24 Ore di Le Mans. L’Hyperpole conquistata e il ritmo promettente dimostrato in gara sono la prova del potenziale dell’A424. Con la conoscenza inestimabile sul funzionamento dell’A424 in condizioni di gara, il team è già al lavoro per analizzare le cause dei problemi meccanici e ha individuato le aree su cui è necessario intervenire per migliorare l’affidabilità della vettura. I prossimi appuntamenti del Campionato Mondiale FIA di Endurance saranno l’occasione per riscattare la delusione di Le Mans e centrare risultati importanti. Appuntamento con l’Alpine Endurance Team alla 6 Ore di San Paolo (12-14 luglio), quinto round della stagione 2024 del Campionato Mondiale FIA di Endurance.

Il calciatore e ambasciatore Alpine Zinedine Zidane da il via alla 24 ore di Le Mans 2024
Il calciatore e ambasciatore Alpine Zinedine Zidane da il via alla 24 ore di Le Mans 2024

Alpine A424 SCHEDA TECNICA

  • Struttura: scocca in carbonio e nido d’ape
  • Carrozzeria: carbonio
  • Sospensioni: a doppio triangolo push-rod
  • Sterzo: servosterzo elettrico
  • Lunghezza: 5.000 mm
  • Larghezza: 1.998 mm
  • Altezza: 1.058 mm
  • Passo: 3.148 mm
  • Massa: circa 1.030 kg (secondo il BOP)

Motore

  • Configurazione: V6 monoturbo a 90°
  • Cilindrata: 3.400 cm3
  • Potenza massima: circa 500 kW / 675 CV (secondo il BOP)
  • Regime massimo: circa 9.000 giri/min
  • Ibridazione: Bosch standard / 50 kW
  • Lubrificazione: carter a secco / pompa a olio a stadi
  • Centralina elettronica: Marelli

Trasmissione

  • Marca: Xtrac
  • Tipo: trasversale
  • Cambio marce: paddle al volante e comando pneumatico
  • Rapporti: 7 + retromarcia

Ruote

  • Pneumatici anteriori: Michelin 29-71/R18
  • Pneumatici posteriori: Michelin 34-71/R18
  • Cerchi anteriori: 12.5’’x18’’
  • Cerchi posteriori: 14’’x18’’

Freni

  • Dischi: ventilati in carbonio
  • Pinze: monoblocco a 6 pistoncini

Sicurezza

  • Cintura: a sei punti, adatta per il sistema Hans
  • Serbatoio: flessibile e sicuro con sistema di riserva integrato 

Foto Alpine A424 a Le Mans

Leggi anche:

Alpine A290

Alpine Alpenglow ad idrogeno

→ Tutte le news dal marchio Alpine

→ Cosa ne pensi? Fai un salto sulla discussioni sul FORUM!






ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Pulsante per tornare all'inizio

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto