EV DrivingNotizie auto

Stop auto elettriche per la crisi energetica?

In Svizzera la Commissione Federale tocca il problema della notevole richiesta di energia elettrica per la ricarica delle auto elettriche che potrebbero essere coinvolte nelle misure restrittive. Chi è pro e chi è contro.

Con la crisi energetica e la sempre maggiore diffusione di auto elettriche, salgono le preoccupazioni a livello globale per quanto riguarda le possibili carenze di energia elettrica. Diversi Paesi stanno attuando misure di prevenzione, tra cui la Svizzera, che sta pianificando tagli di energia nel periodo invernale 2022-2023 che potrebbero interessare anche le auto elettriche. Ci sarà uno stop?

Stop alle auto elettriche per la crisi energetica?

Secondo il presidente di Auto-SchweizAlbert Rösti, il prossimo inverno 2022-2023 sarà decisivo anche per il futuro della mobilità elettrica elvetica.

Le misure di risparmio non dovrebbero penalizzare coloro che sono stati pionieri negli ultimi anni, scegliendo un’auto elettrica efficiente“.

L’energia elettrica per il prossimo inverno deve quindi essere garantita, sia attraverso misure efficaci sul lato della produzione sia attraverso risparmi ragionevoli sul lato dei consumi. A medio-lungo termine, è fondamentale favorire l’espansione della produzione domestica di elettricità per renderci il più indipendenti possibile e disporre di energia sufficiente, anche per i nostri veicoli“.

Riduzione dei consumi di energia elettrica

Laurianne Altwegg, vicepresidente della Commissione federale per l’energia elettrica, ha affermato che non dovrebbero verificarsi interruzioni, ma è necessario essere preparati ad una riduzione dei consumi di energia elettrica. Ed oltre a discutere sul risparmio di energia derivata da un uso contenuto dei vari elettrodomestici, si è parlato anche delle auto elettriche.

La crisi energetica non penalizzi le auto elettriche
La crisi energetica non penalizzi le auto elettriche

Secondo quanto riferito dalla Commissione, un’auto elettrica che percorre in media 20.000 km all’anno potrebbe consumare 4.000 kWh di elettricità, quasi il doppio del consumo medio annuo di elettricità di una famiglia. La soluzione, quindi, potrebbe essere quella di lasciare la propria vettura dentro al garage.

Divieto circolazione auto elettriche?

La Svizzera sta valutando un divieto alla circolazione delle auto elettriche? La risposta è no. Secondo uno studio condotto dall’Ufficio federale dell’energia, le 70.000 auto elettriche attualmente in circolazione in Svizzera costituirebbero meno dello 0,4% del consumo di elettricità del Paese.

Come ha affermato Albert Rösti, “la possibilità di un divieto temporaneo di circolazione mi trova estremamente contrario, la libertà di movimento individuale è fondamentale. Chi ha un’auto elettrica deve potersi recare al lavoro come tutti, una discriminazione di questo tipo non è concepibile, se c’è da risparmiare, lo si faccia su riscaldamento e illuminazione“. 

La soluzione, secondo Rösti, sarebbe quella di introdurre una tassa sulla circolazione e con i guadagni incassati, investire su infrastrutture elettriche.

In questo modo si può evitare un collo di bottiglia che, in futuro, bloccherà il pieno sviluppo della mobilità elettrica.”

Soluzione crisi energetica?

Tutto questo sembra assurdo: stiamo patendo (soprattutto le aziende) aumenti indiscriminati ed incontrollati sulle bollette, mentre il costo della materia prima alla fonte è pressoché rimasto invariato, a dispetto dei valori di riferimento della borsa di Amsterdam.

I grossi profitti li stanno registrando aziende che commercializzano l’energia, vedi ENI, con sede in Olanda. Sul lastrico ci sono le aziende che si sono ritrovate a fronteggiare un costo dell’energia aumentato di 5/6 volte; fatture dell’energia elettrica da 1.500 euro sono arrivate a 4/6.000 euro ed in alcuni casi anche cresciute di 6/8 volte.

Speriamo che, al più presto, i mercati dell’energia trovino un nuovo equilibrio (serve la pace) affinché i prezzi di gas e corrente tornino ad essere ragionevoli. E’ auspicabile, il prima possibile, una soluzione della crisi energetica perché, con l’inverno, si prevede una moria generale delle attività produttive. La soluzione non è quella di razionarne i consumi, ma affrontare il problema alla fonte.

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 Auto elettriche da comprare selezionate e provate
👉 Prezzi e caratteristiche auto elettriche
👉 Prezzi e caratteristiche auto ibride

👉 Video prove AUTO ELETTRICHE

👉 Quanto costa ricaricare l’auto elettrica
👉 Tutto sulla ricarica delle auto elettriche
👉 Tariffe ricarica auto elettriche

👉 Colonnine auto elettriche in autostrada
👉 ultime notizie batterie agli ioni di litio

Le prove di auto elettriche nuove!

👉 EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Jacopo Romanelli

Sono Jacopo e da quando sono nato ho un cervello con quattro ruote. Spero di potervi intrattenere tramite la lettura dei miei articoli e cercare di rendervi partecipi di tutto quello che succede nel mondo dei motori

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto