Notizie auto

Sicurezza informatica, in auto

Mentre l'industria automobilistica europea si prepara per l'obbligo dei sistemi antivirus, le case e i produttori di software affrontano i maggiori costi e la complessità della conformità ai nuovi regolamenti europei sulla sicurezza informatica.

In risposta all’evoluzione tecnologica delle automobili e ai rischi emergenti di attacchi informatici, la Commissione europea ha introdotto nuovi regolamenti per migliorare e standardizzare la sicurezza informatica ed in particolare quella dei veicoli. Questi regolamenti, che entreranno in pieno vigore nel 2024, mirano a proteggere non solo gli occupanti del veicolo, ma anche gli altri utenti della strada per evitare anche pericolosi attacchi informatici che sfruttano le vulnerabilità esistenti sulle automobili.

La sicurezza informatica

La “sicurezza informatica” si riferisce alla pratica di proteggere i sistemi informatici, le reti, i dati e le risorse da minacce, accessi non autorizzati, danni o qualsiasi altro tipo di attività malevola che possa compromettere l’integrità, la confidenzialità o la disponibilità delle informazioni o dei servizi digitali. Questa attività è fondamentale nell’era digitale, in cui l’informazione e la tecnologia sono al centro di molte attività personali, aziendali e governative.

La sicurezza informatica è una sfida in continua evoluzione a causa della crescente complessità delle minacce informatiche. Gli esperti di sicurezza informatica lavorano costantemente per adottare nuove strategie e tecnologie per proteggere le informazioni e le infrastrutture digitali da attacchi e violazioni.
Una tematica delicata che riguarda anche le automobili sempre più dotate di sistemi informatici per la gestione digitale di informazioni e delle funzioni dell’auto stessa.

Sicurezza informatica sulle auto

La sicurezza informatica nelle auto, spesso chiamata “sicurezza informatica veicolare” o “sicurezza dei veicoli connessi“, riguarda l’applicazione di principi e pratiche di sicurezza informatica ai veicoli moderni, che sempre più incorporano tecnologie informatiche avanzate. Questa è diventata un’area di crescente importanza a causa della crescente complessità dei sistemi di controllo delle auto e dell’interconnessione con reti esterne, come Internet.

Ecco alcune delle principali preoccupazioni e considerazioni relative alla sicurezza informatica delle auto:

  1. Accesso non autorizzato: gli hacker potrebbero cercare di ottenere accesso non autorizzato ai sistemi informatici delle auto per scopi malevoli. Ciò potrebbe consentire loro di controllare il veicolo in modo remoto, influenzando la guida, il sistema di frenata o altre funzioni critiche.
  2. Protezione delle reti: le auto moderne sono spesso connesse a reti wireless o cellulari per scopi come l’aggiornamento del software, la navigazione e l’intrattenimento. È importante garantire che queste reti siano protette da accessi non autorizzati.
  3. Integrità dei dati: i dati provenienti dai sensori delle auto (ad esempio, sensori di velocità, telecamere, lidar) sono utilizzati per scopi di guida autonoma e sicurezza. È importante garantire l’integrità e la sicurezza di questi dati per evitare che siano manipolati da terzi.
  4. Aggiornamenti del software: è essenziale garantire che i sistemi informatici delle auto possano essere aggiornati in modo sicuro per correggere vulnerabilità e migliorare le funzionalità senza compromettere la sicurezza.
  5. Privacy dei dati: le auto moderne raccolgono una vasta quantità di dati sui conducenti e sul comportamento delle auto. È importante proteggere la privacy dei dati e garantire che siano utilizzati in modo appropriato.
  6. Collaborazione dell’industria: l’industria automobilistica, le autorità normative e gli esperti di sicurezza informatica lavorano insieme per sviluppare standard e linee guida per migliorare la sicurezza informatica nelle auto.
  7. Test di sicurezza: i produttori di auto conducono test di sicurezza informatica per identificare e risolvere vulnerabilità nei loro veicoli. Questi test includono spesso l’analisi dei rischi e delle minacce potenziali.

La sicurezza informatica delle auto è una priorità importante per garantire la sicurezza degli occupanti delle auto e la protezione delle infrastrutture stradali. Gli sforzi sono in corso a livello europeo per sviluppare normative e linee guida più rigorose e per migliorare la resilienza dei veicoli contro le minacce informatiche.

Nuove regole dalla UE per la sicurezza informatica sulle auto

Attualmente esistono standard internazionali, come la regolamentazione dell’UNECE e lo standard ISO/SAE 21434, che forniscono una guida per l’industria su come affrontare la sicurezza informatica nel settore automobilistico.

Le nuove norme della UE richiedono una serie di misure per garantire la sicurezza delle auto, compresi la gestione dei rischi lungo l’intera catena di approvvigionamento, il rilevamento e la risposta alle violazioni di sicurezza, e la fornitura di aggiornamenti software sicuri e costanti. Queste misure potrebbero richiedere la riscrittura di parti significative del codice software delle auto per prevenire la minaccia dei malware.

I nuovi regolamenti europei faranno sembrare le auto sempre più simili ai computer
I nuovi regolamenti europei faranno sembrare le auto sempre più simili ai computer

Tuttavia, la transizione verso la conformità a queste nuove norme non è priva di sfide. Le case automobilistiche e le aziende che producono chip e software per auto devono fare i conti con investimenti significativi. Ad esempio, le aziende leader del settore, Continental e Bosch, hanno rivelato che un’auto moderna può avere fino a 100 milioni di righe di codice software per gestire tutti i sistemi automatici e autonomi, che potrebbero dover essere analizzate e riscritte per soddisfare i requisiti dei nuovi regolamenti. Questi problemi emergono in un contesto in cui le auto moderne stanno diventando sempre più autonome, con nuove funzionalità che permettono ai veicoli di avviarsi, mettersi in moto, cambiare marcia e muoversi in autonomia.

Sicurezza informatica auto: la reazione del settore ai nuovi regolamenti

Tuttavia, come ha rilevato Thomas Schafer, CEO del Gruppo Volkswagen, la conformità ai nuovi regolamenti può essere costosa e complessa, tanto da influenzare le decisioni di produzione delle case automobilistiche.

Eric Dequi, esperto in sicurezza informatica di Stellantis, ha espresso il suo sostegno alla decisione, sottolineando l’importanza di soluzioni all’avanguardia per prevenire l’introduzione di malware attraverso gli aggiornamenti OTA​​.

Siamo dunque di fronte a un cambiamento significativo per l’industria automobilistica. Bisognerà attendere l’estate 2024 per vedere come i produttori di auto si adatteranno a questi nuovi standard e quale impatto avranno questi cambiamenti sulla sicurezza delle auto e sui costi per i consumatori​​.

Leggi anche:

Infotainment auto come funziona

→ Tutte le news sulle tecnologia auto

→ Cosa ne pensi? Fai un salto sulla discussioni sul FORUM!






ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Pulsante per tornare all'inizio

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto