Notizie auto

Nuova ondata Covid-19, imprese a rischio fallimento nell’automotive

In caso di nuovo lockdown per Coronavirus è a rischio di default il 15,5% delle imprese nel mondo dell’auto dove un’azienda su 5 potrebbe essere a rischio fallimento.

Una nuova ondata del Covid-19, insieme ad un altro lockdown, potrebbe avere effetti devastanti sopratutto sull’economia compresa quella italiana. Se la nuova chiusura dovesse durare altri sei mesi il 15,5% delle imprese italiane potrebbe essere a rischio di fallimento. La probabilità di questo scenario è “bassa”, secondo gli analisti di Cerved Rating Agency, ma gli effetti potenzialmente molto pesanti: con un peggioramento così marcato dello scenario macroeconomico e un elevato rischio Paese, la probabilità di default triplicherebbe (dal 4,9% attuale al 15,5%), con punte del 22% nelle costruzioni, del 19,1% in hotel e ristorazione, del 18,9% nei servizi turistici, del 18,6% nell’automotive.

Nuova ondata Covid-19, rischio fallimento anche per le aziende dell’auto

Secondo gli analisti, una nuova ondata di Covid-19 potrebbe causare il fallimento di 1 impresa su 5 nell’automotive. Sono i risultati dello studio “Evolution and impacts of the COVID-19 pandemic emergency on Italian non-financial corporates” di Cerved Rating Agency, agenzia di rating del Gruppo Cerved tra le prime in Europa che attribuisce il merito creditizio alle imprese sul territorio nazionale, su un campione di 30 mila società.

Nuova ondata Covid-19 rischio fallimento aziende dell'auto
Un nuova ondata di Covid-19 potrebbe portare al fallimento di un impresa su 5 nell’automotive

Un’analisi che aggiorna in senso peggiorativo la precedente, rilasciata a febbraio, in cui a rischio fallimento nel caso più drastico era un’azienda italiana su dieci.

Rischio economico nuova ondata Covid-19 con scenario più pessimistico

Secondo lo scenario più pessimistico il rischio economico per la nuova ondata del Covid-19 potrebbero colpire le costruzioni (22%), i servizi di alloggio e ristorazione (19,1%) e le attività di supporto al settore turistico (18,9%). Viceversa, quelli più resilienti, dunque con un rischio più basso, risulterebbero farmacie (6,5%), l’industria alimentare (6,8%), il commercio al dettaglio alimentare (7,9%).

Rischio economico nuova ondata Covid-19
Le imprese più piccole potrebbero essere colpite maggiormente dalla crisi economia derivante da una nuova ondata del Covid-19

La percentuale aumenterà in misura maggiore per le imprese piccole (dal 10,7% al 21% per le microimprese) e meno strutturate (28% per le imprese individuali); dal punto di vista geografico, la probabilità di default è attesa in forte crescita in tutta la Penisola, con un picco del 17,8% nel Mezzogiorno (dal 9,3%).

 Il Covid19 si è rapidamente diffuso in tutto il pianeta e gli effetti economici di questa emergenza sono già evidenti. Il conto finale dipenderà dall’evoluzione dell’epidemia: molti esperti paventano l’eventualità di nuove ondate del contagio in autunno e non è ancora chiaro se (e quando) sarà disponibile un vaccino.

Crisi economica post Coronavirus, come sarà?

Per tenere conto di questa incertezza, gli analisti di Cerved Rating Agency hanno elaborato tre diversi scenari correlati allo sviluppo della pandemia e dello scenario macroeconomico. Secondo lo scenario “soft”, al quale gli analisti attribuiscono una probabilità “alta”, non ci saranno nuove ondate di contagi e l’economia italiana riprenderà anche grazie a un’efficace azione di politica economica.

Probabilità Soft case scenario: Alta Intermediate case scenario: Media Hard case scenario: Bassa
Impatto Medio Medio-Alto Alto
Periodo di lockdown complessivo 1.5 mesi (non più chiusure dopo Maggio 2020) Dai 2 ai 4 mesi (seconda ondata COVID-19) Fino a 6 mesi (due o più ondate COVID-19)
Effetti delle misure anti COVID-19 Significativi Moderati Limitati
Contesto macroeconomico Pronto recupero dell’attività economica; limitato aumento del rischio Paese Lento recupero dell’attività economica; considerevole aumento del rischio Paese Depressione economica e elevato incremento del rischio Paese
Probabilità degli effetti economici derivanti da una nuova ondata del Covid-19

In base a quello “intermediate” (probabilità media), il sistema produttivo potrebbe affrontare una seconda ondata di contagi, che richiederebbe ulteriori lockdown (fino a 4 mesi) e che frenerebbe il recupero dell’attività produttiva. Infine, stando allo lo scenario più pessimistico, “hard” con una probabilità bassa, i lockdown potrebbero durare fino a sei mesi, con effetti depressivi sull’economia e un aumento del rischio Paese.

Coronavirus, una ulteriore ondata potrebbe decretare il fallimento dell'economia mondiale
Coronavirus, una ulteriore ondata potrebbe decretare il fallimento dell’economia mondiale

Gli scenari sono stati applicati al portafoglio di simulazione, costituito da circa 30.000 rating emessi recentemente da Cerved Rating Agency e sufficientemente rappresentativo del comparto delle aziende italiane, tramite l’adozione di un approccio di natura quali-quantitativa. Partendo da questi assunti, Cerved Rating Agency, insieme con il Dipartimento di Economia dell’Università di Genova, ha sviluppato un framework per la valutazione del merito creditizio dei soggetti valutati, che integra fattori legati alla domanda, all’offerta e alla struttura produttiva delle singole imprese con fattori di “new normal”, drivers che si ritiene potranno avere un impatto sulla resilienza delle aziende di fronte all’emergenza Covid19.

Coronavirus in foto come è fatto
Coronavirus in foto come è fatto

L’innalzamento del rischio si traduce in un aumento dei default attesi. In base alla gravità dello scenario, e stimando alle condizioni attuali una probabilità di default pari a 4,9%, si sale, nell’ipotesi soft, al 7,7%, al 9,7% in quella intermedia e arriva al 15,5% nello scenario hard.

CORONAVIRUS, Covid-19 cambia e diventa meno innocuo nella prossima stagione?

La speranza è che il Coronavirus sia mutato e si sia addolcito in vista dell’arrivo della prossima stagione: come tutti i virus anche il Covid-19 si evolve continuamente e secondo fonti diverse la versione mutata che ci ritroveremo potrebbe apportare all’uomo solo un semplice raffreddore.

Potrebbero interessarti (anzi te lo consiglio!):

👉 Leggi tutte le notizie sulla crisi nel settore automotive

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Ti è chiaro il concetto? Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button
Close