EV DrivingNotizie curiose autoVideo

Treno a levitazione magnetica, come funziona la tecnologia da 800 km/h

Napoli-Milano in 1 ora a 800 km/h! Come funzionano le tecnologie su rotaia che fanno volare i treni a sospensione magnetica utilizzate in Cina, Giappone e presto anche in Italia

Sembra uscito da una pellicola Sci-Fi eppure è tutto vero: il treno a levitazione magnetica con una tecnologia che presto farà parte delle nostre vite quotidiane. Questa soluzione permetterebbe di viaggiare su rotaia ad oltre 800 km/h! Il treno sarà guidato da remoto e in grado di coprire distanze come Napoli-Milano in un solo giro di orologio (1 ora!).

Treno a levitazione magnetica, come funziona?

Ideato nei primi anni ’10 del ‘900 dall’ingegnere americano di origine francese Emile Bachelet, il treno a levitazione magnetica, cosiddetto MagLev, è in grado di muoversi grazie all’attrito dell’aria sui binari generato dalla presenza di due cuscinetti magnetici dai poli opposti e di bobine elettrificate poste nelle pareti della guida e nel binario. Mantenere il treno sospeso in aria, seppure di pochi centimetri, non è assolutamente facile poiché entrano in gioco diverse forze da tenere in considerazione: gravitazionali, elettriche e magnetiche.

funzione treno a levitazione magnetica MagLev
Schema raffigurante la funzione di un treno MagLev

Oltre al raggiungimento di elevate velocità (parliamo di oltre 600 km/h di V/max) il punto forte del MagLev sarà la totale o quasi assenza di guasti meccanici. Questo sarà possibile grazie alla mancanza di attrito e vibrazioni generate dal movimento su rotaie, tipiche nei treni convenzionali, che spesso portano ad avere dei guasti meccanici ed anche a subire dei lunghi ritardi se questi danni subentrano durante una corsa. Con queste premesse il MagLev non solo risulterà un mezzo rapido capace di percorrere una destinazione da punto A a punto B in poco tempo, ma sarà anche un mezzo più sicuro.

Tecnologia del treno a lievitazione magnetica, 2 soluzioni

Tra i treni a levitazione magnetica troviamo i modelli ad alta velocità e a bassa velocità ed entrambi utilizzano tipologie ti movimento differente: EMS ed EDS.

  • Sospensione elettromagnetica (EMS): utilizza elettromagneti convenzionali montati sull’estremità di una coppia di strutture poste sotto il treno che avvolgono i fianchi e la parte inferiore della guidovia. I magneti, attirati verso i binari laminati in ferro, sorreggono il treno. Questo sistema però è instabile, perché bisogna controllare costantemente la distanza tra il treno e il binario, che deve essere sempre di 1 cm.
  • Sospensione elettrodinamica (EDS): il treno ottiene la levitazione sfruttando le polarità opposte dei magneti del veicolo e gli avvolgimenti siti sul binario, o viceversa. La forza repulsiva si sviluppa in conseguenza del movimento del veicolo e non è attiva a veicolo fermo.

Il treno a levitazione magnetica è già una realtà in Cina

Il MagLev (treno a levitazione magnetica) è già realtà in Cina, progettato dai ricercatori della Southwest Jiaotong University di Chengdu in collaborazione con China Railway Group e Crcc.
È presente sul territorio cinese, dal 2004, una linea lunga 33 chilometri che collega il centro della città di Shanghai col suo rispettivo aeroporto. Questa linea viene percorsa dal treno in 7 minuti e 20 secondi con una velocità massima di 501,5 km/h e una velocità media di 250 km/h.

Si prevede che con le nuove tecnologie ed i giusti sviluppi, si potrà viaggiare a 620 km/h fino ad arrivare ad 800 km/h. Secondo i primi calcoli, il MagLev potrebbe fare il suo debutto sul mercato mondiale entro i prossimi sei anni cambiando radicalmente le nostre vite ponendo a portata di mano distanzhe che, fino adesso, rimangono impensabili.

Potrebbero interessarti anche questi argomenti

👉 Mezzi di trasporto pubblico
👉 Mobilità Sostenibile
👉 Tecnologia applicata all’auto ed ai trasporti

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

 👉 Lascia un commento sul nostro FORUM!

Commenta

Raffaello Caruso

Mi presento: sono Raffaello Caruso, classe '94 di Catanzaro studente presso l'Università degli Studi "L'Orientale" di Napoli, e da sempre sono un grande appassionato di motori. Coltivo questa grande passione dall'età di 3 anni grazie a mio padre che da sempre mi ha istruito nel "culto dei motori" e, sempre grazie a lui, all'età di 8 anni ho partecipato in maniera agonistica a diverse competizioni di GoKart. Seguo assiduamente ogni competizione motoristica a quattro ruote, soprattutto la F1 di cui sono grande appassionato.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto