Notizie auto

Incidente funivia Stresa, individuata la causa e arrestati i responsabili

Sull'impianto è avvenuta la rottura del cavo di trazione. Non sarebbe successo nulla se fossero scattato il sistema di sicurezza, il freno di emergenza a ganasce che secondo le indagini è stato manomesso per consentire l'utilizzo della funivia, altrimenti bloccata per un malfunzionamento non risolto.

Seguendo la vicenda dell’incidente della funivia di Stresa-Mottarone, già prima della confessione e conseguente arresto di 3 indagati, avevamo anticipato la causa della tragedia: a seguito della rottura dell’anello traente (causa scatenante) è risultato evidente che almeno uno dei due freni di emergenza della cabina (la numero 3 e sistema di sicurezza atto ad intervenire in casi del genere) non fosse nelle condizioni di poter fare il suo lavoro, ovvero per dirla chiaramente era “fuori uso”.

Incidente funivia di Stresa, arrestati i responsabili

La Procura della Repubblica di Verbania il 26 maggio ha arrestato tre responsabili per la strade di Stresa dove hanno perso la vita 14 persone: hanno confessato di aver lasciato volutamente inserita la ‘forchetta’ per impedire al freno d’emergenza di entrare in funzione. Se la forchetta non fosse stata lasciata inserita sul freno, l’impianto non avrebbe potuto funzionato (doveva essere messo fuori servizio) a causa di un problema tecnico sui meccanismi della funivia non risolto.

Tragedia di Stresa, chi sono i responsabili della strage

I tre responsabili della strage di Stresa sono il titolare della società Luigi Nerini, proprietario della Ferrovie del Mottarone, i due responsabili della struttura, il direttore Gabriele Tardini e il capo operativo del servizio Enrico Perocchio. A disporre il fermo è stato il procuratore della Repubblica di Verbania, Olimpia Bossi, che con il pm Laura Carrera coordinano le indagini. Un confronto di oltre dodici ore con dipendenti e tecnici dell’impianto che sono stati ascoltati in caserma a Stresa.

Le tre ordinanze di fermo riguardano titolare della società e due responsabili della struttura e si basano su un quadro fortemente indiziario, come specificato dal Procuratore Olimpia Bassi. I tre indagati sono accusati della tragedia e della manomissione del sistema frenante per consentire l’utilizzo della funivia altrimenti bloccata per un malfunzionamento non risolto. Questa procedure veniva utilizzata dalla riapertura dell’impianto avvenuta ad aprile 2021. La svolta nell’indagine spiega anche come possa essersi rotto il cavo traente, che è stato l’evento scatenante, il cui dimensionamento è tale da reggere 5 volte le forze per il quale è impiegato.

La ricostruzione dell’incidente della funivia VIDEO

La causa dell’incidente della funivia di Stresa, una forchetta blocca freni di emergenza fuori uso

La forchetta colorata di rosso impedisce alla “pinza” di chiudersi e serrare il cavo “portante” sul quale la cabina scorre. Dalle poche informazioni trapelate sembra che questi blocchi vengano inseriti la notte per far si che in caso di guasto notturno i tecnici possano comunque far salire o scendere la cabina (VUOTA) per gli interventi del caso, che ricordiamoci scorre liberamente sul cavo PORTANTE.

Il circuito idraulico che li tiene aperta la pinza lavora a circa 200 bar e funziona, semplificando moltissimo, come negli autotreni dove un calo di pressione provoca l’azionamento dei freni)
Non posso ne voglio fare ipotesi sul perché una cabina fosse con i forchettoni correttamente disarmati e l’altra no…

Vera causa incidente funivia di Stresa

E’ stato accertato, anche a seguito della confessione diretta dei responsabili che la causa dell’incidente sulla funivia di Stresa sia stata proprio questo blocco meccanico (forchetta) non rimosso, come invece avrebbe dovuto essere, dopo la sosta notturna per le operazioni diurne. Questi forchettoni sono i colore ROSSO proprio per esser ben visibili.

Nel disegno si vede il freno d’emergenza (semplificato) con i forchettoni di blocco, rossi, inseriti.

Forchette per bloccare il freno di emergenza della funivia e disattivarlo
Forchette per bloccare il freno di emergenza della funivia e disattivarlo

La cabina precipitata mostra la forchetta rossa inserita sul freno che quindi NON era operativo al momento del disastro. Sull’altra cabina i freni hanno invece funzionato: una cabina aveva i freni operativi e l’altra cabina stava lavorano con freni di emergenza disabilitati.

Quella sotto è una situazione corretta con le forchette rosse non operative e appoggiate sulla pedana superiore della cabina.

Una situazione corretta quando i forchettoni sono appoggiati sulla pedana.

Due foto prese dalle immagini dell’incidente mostrano con certezza che uno dei due forchettoni rossi di blocco del freno d’emergenza era inserito. Niente esclude che il secondo possa essersi sganciato durante la fase conclusiva dell’incidente.

Freno d'emergenza della funivia non operativo a causa della forchetta che ne blocca il funzionamento, la causa dell'incidente tragedia di Stresa
Il freno d’emergenza della funivia non era operativo a causa della forchetta inserita che ne blocca il funzionamento, questa la causa

Una immagine della cabina sulla funivia Stresa Alpino Mottarone
Una immagine della cabina sulla funivia Stresa Alpino Mottarone

Potrebbe interessarti, anzi te lo consiglio!

👉 Tutte le notizie di cronaca
👉 Furti auto
👉 Incidenti che hanno coinvolto auto
👉 Incendi e auto in fiamme

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM!

Commenta

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto