MercatoNotizie auto

Crisi chip e semiconduttori, la soluzione con il Chips Act

L'Unione Europea con il Chips Acts ha la soluzione alla crisi dei chip, che ha paralizzato l'industria automobilistica, investendo decine di miliardi di euro per rafforzare la sua industria dei chip.

La Commissione Europea ha trovato la soluzione alla crisi dei chip, adottando un importante provvedimento con l’intenzione di riuscire a far fronte alla carenza di semiconduttori e rafforzare la leadership tecnologica dell’Europa, rendendola più forte e indipendente dai mercati asiatici.

Il Collegio dei commissari ha presentato l’European Chips Act, che combina gli investimenti, il quadro regolatorio e i partenariati strategici necessari per rendere l’Europa leader in un mercato così importante”.

Lo ha annunciato durante una conferenza stampa poche ore fa il presidente del massimo organo esecutivo della Ue, Ursula von der Leyen.

Crisi chip quando finisce?

La crisi dei chip e semiconduttori ha paralizzato il mercato auto soprattutto in Europa e la domanda ricorrente è quando finisce? L’importante intervento europeo punta a rendere indipendente il Vecchio Continente dall’Asia, che detiene la maggior parte delle materie prime necessarie per lo sviluppo dei semiconduttori, vitali nelle auto moderne.

Chips Act, soluzione alla crisi dei semiconduttori?

L’EU Chips Act, la possibile soluzione alla crisi dei semiconduttori, si basa sui punti di forza dell’Europa e affronta le attuali debolezze. L’obiettivo è quello di creare un fiorente settore dei semiconduttori dalla ricerca alla produzione e una catena di approvvigionamento resiliente. 

crisi dei semiconduttori auto
Con il Chips Acts l’Europa stanzia oltre 43 miliardi di euro per porre fine alla crisi dei semiconduttori

Sulla carta mobilita oltre 43 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati ​​e stabilisce misure per prevenire, preparare, anticipare e rispondere rapidamente a qualsiasi futura interruzione delle catene di approvvigionamento, insieme agli Stati membri e partner internazionali. Consente all’UE di realizzare la sua ambizione di raddoppiare la sua attuale quota di mercato al 20% entro il 2030.

Chips Act, pro e contro

Un problema che si sono posti alcuni Paesi sono gli importi effettivi disponibili per questo sforzo vitale. Dei 43 miliardi di euro, solo 2,875 miliardi di euro proverranno dal bilancio comunitario, principalmente attraverso il trasferimento di risorse da altri settori.

Il resto proverrà dalla spesa degli Stati membri (compresi programmi come il Fondo di coesione e l’RRF), ma anche da investimenti privati ​​che dovrebbero essere mobilitati. Un gruppo di Paesi, nel frattempo, guidato dai Paesi Bassi, è preoccupato per la logica generale del piano della Commissione. 

Come sottolineano i diplomatici di questi paesi, l’Europa è già una forza trainante in alcuni aspetti della filiera dei semiconduttori. “È qui che dobbiamo concentrarci, non sul tentativo di avere una quota dell’intero spettro“, spiegano. Lo stesso campo contesta anche la motivazione per spendere ingenti somme per attirare nell’UE aziende non europee per la produzione di microprocessori.

Crisi chip e semiconduttori produzione auto ferma
Il Chips Act dell’Europa potrebbe portare ad una rapida soluzione della crisi dei chip

I commissari in conferenza stampa hanno però sottolineato che l’autosufficienza non è l’obiettivo. Il vicepresidente esecutivo ha affermato che una missione del genere richiederebbe 240-320 miliardi di euro di investimenti, mentre è in dubbio che ci sia capacità produttiva all’interno dell’UE.

Chip Acts, chi è contrario?

Le preoccupazioni nel blocco degli “amici del mercato unico” (Paesi Bassi, Paesi nordici, Paesi baltici, Repubblica Ceca, Polonia) sono esacerbate anche dall’esenzione dalle norme sugli aiuti di Stato per sovvenzionare nuovi impianti. 

Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva per un’Europa pronta per l’era digitale, ha cercato di dissipare i timori di distorsione sottolineando che le sovvenzioni sarebbero state solo per attività “prime nel loro genere”, in modo che la concorrenza non sarebbe stata influenzata per definizione. L’approvazione, ha aggiunto, dipenderà anche dalla proporzionalità dell’aiuto e va anche visto che questa attività avrà un impatto positivo in tutta Europa.

Chips Act crisi chip semiconduttori produzione auto
Il Chips Act è osteggiato dai paesi del nord europea guidati dai Paesi Bassi

Il blocco olandese esprime anche timori per le possibili conseguenze del meccanismo di monitoraggio delle esportazioni della Commissione per il settore, simile al meccanismo di autorizzazione istituito all’inizio del 2021 per l’esportazione dei vaccini Covid-19. L’estensione di tali meccanismi a diversi settori mina le argomentazioni dell’UE. che è una forza che sostiene il libero scambio, mentre lo espone alle ritorsioni di tutti i principali paesi produttori, secondo i suoi critici.

Chips Act, Ursula von der Leyen: “L’Europa sarà leader nei semiconduttori”

Nell’illustrare il cosiddetto “Chips Act” la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha dichiarato: “L’European Chips Act cambierà le regole del gioco per la competitività globale del mercato unico europeo. A breve termine, aumenterà la nostra resilienza alle crisi future, consentendoci di anticipare ed evitare interruzioni della catena di approvvigionamento.

E a medio termine, contribuirà a rendere l’Europa un leader industriale in questo settore strategico. Con l’European Chips Act, stiamo mettendo in evidenza gli investimenti e la strategia. Ma la chiave del nostro successo risiede negli innovatori europei, nei nostri ricercatori di livello mondiale, nelle persone che hanno fatto prosperare il nostro continente nel corso dei decenni”.

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea
Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, illustra il Chips Act

Margrethe Vestager , vicepresidente esecutiva per un’Europa pronta per l’era digitale, ha aggiunto: “I chip sono necessari per la transizione verde e digitale e per la competitività dell’industria europea. Non dovremmo fare affidamento su un paese o un’azienda per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento. Dobbiamo fare di più insieme – nella ricerca, nell’innovazione, nella progettazione, negli impianti di produzione – per garantire che l’Europa sia più forte come attore chiave nella catena del valore globale. Ne beneficeranno anche i nostri partner internazionali. Lavoreremo con loro per evitare futuri problemi di fornitura”.

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 Crisi nel settore automotive
👉 Lavoro nel settore automotive

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Jacopo Romanelli

Sono Jacopo e da quando sono nato ho un cervello con quattro ruote. Spero di potervi intrattenere tramite la lettura dei miei articoli e cercare di rendervi partecipi di tutto quello che succede nel mondo dei motori

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto