Notizie auto

Allarme rischi con le auto sempre più connesse

Connettere la nostra auto a internet comporta talvolta dei rischi che possono coinvolgere la sicurezza degli occupanti

Negli ultimi anni il mondo dell’auto ha avuto un’evoluzione impressionante con i veicoli di ultima generazione sono sempre più connessi: dai sensori all’assistente di parcheggio, fino ai sistemi di infotainment con le loro innumerevoli funzionalità e servizi gestibili da remoto con le rispettive App.

I rischi dell’auto connessa

Tutta questa innovazione tecnologica comporta però anche dei rischi che possono ripercuotersi sulla salvaguardia delle automobili, dei proprietari ma anche dei passeggeri.

Auto sempre più connesse tanti benefici ma anche rischi
Auto sempre più connesse tanti benefici ma anche rischi

Condividere i dati sul traffico, suggerire deviazioni al percorso in modo da saltare le code, accendere l’aria condizionata qualche minuto prima di salire a bordo; sono alcune delle caratteristiche della connected car una delle più grandi sfide per l’industria automotive. Occorre quindi che i costruttori adottino soluzioni e tecniche di protezione per impedire a malintenzionati esperti di accedere da remoto alle nostre auto per attivare funzionalità inaspettate che potrebbero avere impatto sulla sicurezza alla guida.

Tutte le funzionalità dell’auto sono gestite da centraline elettroniche (ECU) collegate come una vera e propria rete di computer. In passato, la sicurezza di queste centraline era garantita dalla totale disconnessione con il resto del mondo, come quando i vecchi pc non erano connessi alla rete internet.

Auto connessa a internet, dove è il rischio

Ai nostri giorni, le auto sono connesse a internet attraverso reti Wifi 3G e 4G. In particolare, i sistemi di infotainment sono anche connessi internamente alla rete CAN.  

Sono proprio i sistemi di infotainment che, essendo connessi sia ad Internet che alla rete CAN, forniscono il punto di accesso per possibili attacchi informatici alle auto.

Le funzioni delle automobili possono essere oggi controllate sempre più da remoto e tramite sistemi digitali: per questo motivo, le auto connesse stanno diventando bersaglio di attacchi informatici con tutti i rischi da non sottovalutare.

Minacce informatiche per scardinare l’auto

Di recente a Milano Trend Micro ha analizzato le nuove minacce informatiche che i veicoli possono subire. Questi attacchi potrebbero essere lanciati da remoto contro i veicoli delle vittime, ma anche dall’interno di questi ultimi.

Tali attacchi possono avere diversi scopi. Infatti, la possibilità di ottenere da remoto informazioni sensibili inerenti alla rete di comunicazione interna dell’auto (utilizzo dei freni, dell’acceleratore, dell’ABS ecc..) apre una serie di scenari inimmaginabili solo fino a qualche anno fa.

Che rischi si corrono con l'auto sempre più connessa?
Che rischi si corrono con l’auto sempre più connessa?

I controlli delle auto stanno diventando sistemi cyber-fisici sempre più complessi con sensori multipli, controlli, applicazioni e moduli di comunicazione che interagiscono con altri veicoli e il loro ambiente.

Come proteggere noi e la nostra auto

Maggiore sicurezza sulle auto connesse

Secondo i garanti, il costruttore del veicolo e il fornitore devono prestare massima sicurezza: i servizi devono essere particolarmente “blindati” oltre che non raccogliere, ad esempio, dati sulla posizione, tranne quando ciò risulti assolutamente necessario ai fini del trattamento.

Possiamo dire quindi che il protagonista principale di questo cambiamento dovrà essere sicuramente la sicurezza del computer di bordo ma anche i programmatori dei vari algoritmi avranno un ruolo fondamentale in quanto dovranno rispettare le indicazioni fornite in materia di trattamenti di dati interni ed esterni al veicolo.

In tutto il mondo, le spedizioni di autovetture con connettività integrata raggiungeranno i 125 milioni nel 2022 e il futuro è rappresentato da veicoli completamente autonomi. Questo progresso comprenderà cloud, IoT, 5G e altre tecnologie chiave, che rappresenterà però anche un’enorme superficie di attacco, costituita da milioni di endpoint e utenti finali.

I rischi dell’auto connessa sono spiegati in questo video

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM!

Commenta

Flavio De Juliis

Mi chiamo Flavio e sono laureato in Scienze Politiche. Fin da piccolo ho sempre coltivato la passione per le auto. Sono stato sempre affascinato dai dettagli, interessandomi alle uscite dei nuovi modelli, e tenendomi sempre aggiornato riguardo alle novità del mercato automobilistico. Ho lavorato per un periodo nel settore commerciale di Mercedes Benz Roma. Attualmente gestisco un b&b a Roma. Appassionato di viaggi sempre pronto a esplorare nuovi posti e nuove realtà.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto