Notizie auto

Andamento spesa 2020 e previsioni, in calo consumi e prezzi

Pesanti cali per spesa e consumi di carburante in Italia, giù le richieste di benzina e gasolio. Come è andata e quali sono le previsioni future

Quale è stato l’andamento della spesa e dell’economia nell’anno della pandemia in cui il Covid-19 ha messo sotto scacco il mondo intero? Quali sono le conseguenze di questo Coronavirus sull’economia in Italia? E quali saranno le previsioni?

Andamento della spesa, come è andata nel 2020?

E’ sotto gli occhi tutti la crisi generale che sta colpendo la maggior parte delle attività economiche con un rallentamento generalizzato della spesa.
Tra le voci di spesa andiamo a scoprire cosa è successo nel settore auto ed automotive in particolare analizzando qualche dato sui dati di consumo del carburante.

Andamento spesa e consumi settore auto

Siamo nel settore auto, al quale siamo più vicini ovvero quello automotive, dove nel 2020 gli italiani hanno speso decisamente meno: anche l’acquisto di benzina e gasolio per autotrazione è sceso a 42,7 ovvero 15,3 miliardi in meno (-26,4%) rispetto ai 57,9 dell’anno precedente, 2019.  
 
La forte contrazione della spesa nel 2020 dovuta ai minori consumi ha portato inevitabilmente al calo dei prezzi. In perfetta sintonia con le leggi del mercato in base al quale a maggiore domanda si ha un alzamento dei prezzi e riduzioni degli stessi quando non c’è richiesta.

Andamento dei consumi auto 2020 vs 20219 e prezzi benzina diesel benzina

La quantità di carburante consumata per autotrazione nel settore auto ha registrato una contrazione del 17,8%, mentre il prezzo medio alla pompa è calato per la benzina dell’8,9% e per il gasolio del 10,9%.

Quando scede la spesa ne risentono tutti, le aziende ed i posti di lavoro collegati ma soprattutto, in questo caso dei carburanti, l’Erario che porta a casa una grande fetta (si parla del 60% medio sulle accise) incassando meno Iva e meno accise: solo con i carburanti per autotrazione lo Stato si è portato a casa “soltanto” 28,1 miliardi contro i 35,4 miliardi del 2019, 7,3 miliardi in meno.

Come va l’economia (ed il benessere degli italiani)

Se da una parte la diminuzione dei prezzi potrebbe essere vista positivamente per gli utenti ed utilizzatori finali non va bene per l’economia il calo di quasi il 18% dei consumi:

Un indicatore fortemente negativo sul reale impatto che la pandemia ha prodotto sull’economia italiana, impatto che in termini di Pil l’Istat stima in una contrazione dell’8,9%” come conclude Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor.

Questi dati sulla spesa per gasolio e benzina sono stati estrapolati dal Centro Studi Promotor dai dati ufficiali del Ministero dello Sviluppo Economico.

Cosa succederà all’economia italiana?

Aggiungo un paio video in cui si parla di cosa succederà all’economia, da ascoltare la previsione 2021 di Roberto Arditti: “Non abbiamo visto ancora nulla. L’anno economico più difficile per i conti italiani sarà il 2021. Non possiamo trasformare l’Italia in una platea di persone assistite, il primo bene da preservare è il sistema produttivo“, una intervista su la 7.

Cosa succederà all’economia italiana?

Cosa succederà all’economia italiana?

  

Commenta

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni riferimento dei "car enthusiast", appassionati di tecnica motoristica, performances e guida sportiva. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo nelle gare in pista. Tra le tante auto speciali provate: la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto