EV DrivingFotogalleryNotizie autoVideoVolkswagen

Alternative all’auto elettrica? Potrebbero non esserci

Non esistono alternative all’auto elettrica. Secondo il professore Volker Quaschning, intervistato da Volkswagen, solo i veicoli EV possono combattere il cambiamento climatico.

Non esistono alternative all’auto elettrica per salvarci dai cambiamenti climatici. Volkswagen è tra i costruttori auto più convinti e promuove la mobilità elettrica, rigettando qualsiasi ipotesi alternativa. Per il colosso tedesco, infatti, non ci sono strade diverse a questo tipo di mobilità e a supporto di tale tesi ha pubblicato un’intervista a Volker Quaschning, professore di Sistemi di energie rinnovabili presso la Hochschule für Technik und Wirtschaft di Berlino che si occupa di approvvigionamento energetico sostenibile e accumulatori decentrati per l’energia fotovoltaica.

Il professore Volker Quaschning sostiene che per combattere il cambiamento climatico non esiste altra soluzione se non l’auto elettrica.

Volkswagen tiene ferma la validità dell’auto elettrica

Volkswagen è tra i costruttori più convinti che all’auto elettrica non c’è alternativa, come ha esposto il professor Volker Quaschning in occasione di un workshop di Volkswagen.

Volkswagen sta promuovendo la mobilità elettrica come nessun altro produttore. Siamo sulla strada giusta?

Adesso sappiamo quante emissioni di CO2 possiamo ancora produrre affinché venga rispettato l’Accordo di Parigi sul clima. Il budget dei Paesi europei si esaurirà al più tardi entro 20 anni, più probabilmente entro 10 anni. Da quel momento non potremo più produrre CO2 e dovremo quindi dire addio alla combustione di petrolio, gas e carbone. Con il passaggio alla mobilità elettrica, Volkswagen ha imboccato la strada giusta ma, secondo la mia opinione, piuttosto tardi.

professore tedesco Volker Quaschning parla di auto elettriche
Il professore tedesco Volker Quaschning parla di auto elettriche

La ID.3 è il primo modello a essere consegnato ai clienti con un bilancio neutro in termini di CO2. Questo requisito è indispensabile affinché la mobilità elettrica abbia un senso?

L’obiettivo della mobilità elettrica è quello di eliminare le ripercussioni sul clima. A tal fine, dobbiamo intervenire su due fronti: la produzione e il funzionamento. Per la ricarica abbiamo bisogno di energia solare ed eolica a sufficienza o anche di energia idroelettrica, come qui da voi in Svizzera. A causa della batteria di grandi dimensioni, la produzione di un’auto elettrica richiede un consumo elevato di energia, molto più di un veicolo con motore a combustione. Sotto questo aspetto, il bilancio di CO2 ha un peso maggiore. In tutta onestà dobbiamo dire però che la ID.3 non viene realmente prodotta con un bilancio neutro in termini di CO2, ma che in realtà molto viene compensato. La produzione potrà dirsi davvero a bilancio neutro per il clima soltanto quando gli stabilimenti saranno alimentati esclusivamente con energie rinnovabili.

La mobilità elettrica continua a non avere vita facile in Europa. Cosa bisogna fare affinché acquisti il giusto slancio?

Perché non ha vita facile? Perché i pregiudizi e le resistenze nei confronti della mobilità elettrica sono ancora numerosi. Eppure l’auto elettrica può davvero rappresentare un punto di svolta nella protezione del clima. Spesso la lotta al cambiamento climatico viene associata a un’idea di rinuncia. Al contrario, l’auto elettrica offre un vantaggio in termini di comfort e un maggior divertimento al volante.

Professore tedesco Volker Quaschning auto elettriche
Non ci sono alternative all’elettrico per Volker Quaschning

Un punto che si rivela spesso dolente è l’estrazione delle materie prime necessarie alla produzione della batteria.

Produrre un’auto comporta in genere un intervento notevole. Stiamo parlando di una tonnellata di acciaio, rame e molte altre risorse che estraiamo dalla terra. Al confronto, le quantità di materie prime necessarie a produrre una batteria non sono poi così diverse. Di conseguenza, chi è contrario allo sfruttamento delle materie prime per la realizzazione di un’auto elettrica di fatto dovrebbe rinunciare a possedere una qualsivoglia vettura. Peraltro, il consumo di acqua dovuto all’estrazione del litio di un intero pacco batteria è esattamente pari a quello che serve per la produzione di un chilo di carne bovina. Naturalmente questo non ci esonera dall’impegnarci affinché in futuro l’estrazione delle materie prime diventi più sostenibile.

Un altro argomento delicato è l’autonomia delle auto elettriche.

Esistono già veicoli elettrici con un’autonomia di 400 chilometri o più; anche la ID.3 può essere acquistata con pacchi batterie fino a 550 chilometri. Non vi è poi molta differenza da un’auto con motore a benzina, anche se naturalmente il processo di ricarica richiede più tempo rispetto al tradizionale rifornimento di carburante. L’auto elettrica mi permette però di ricaricare a casa, idealmente con corrente proveniente dal mio impianto fotovoltaico, così da evitare di dovermi fermare alla stazione di servizio. Un esempio pratico: in estate siamo andati in vacanza in Svizzera con la nostra auto elettrica. Lungo i 1.200 chilometri di tragitto abbiamo impiegato quasi due ore in totale per ricaricare. In un viaggio che supera le dieci ore si devono comunque mettere in conto delle pause simili.

Ci sono colonnine di ricarica a sufficienza?

In teoria è possibile ricaricare da qualsiasi presa di corrente; tuttavia, l’operazione richiederà più tempo. Al momento, in Europa centrale e settentrionale ci sono abbastanza stazioni di ricarica rapida, ma sarà cruciale consolidare la rete di ricarica di pari passo con la diffusione della mobilità elettrica. Anche per questo è positivo che Volkswagen sia scesa in campo con convinzione. In presenza di più fornitori, anche nel settore delle infrastrutture di ricarica si viene a creare concorrenza.

Nuova Volkswagen ID.4 GTX in ricarica
Anche la ricarica e l’autonomia per Volker Quaschning non sarà più un problem,a

Non vede alcuna alternativa all’auto elettrica?

Dal punto di vista della protezione del clima, assolutamente no. Con i motori a combustione non potremmo ottenere alcun guadagno in termini di efficienza che sia rilevante per la tutela del clima e l’alternativa menzionata di frequente, ossia l’idrogeno, di fatto è troppo inefficiente per le autovetture. Per funzionare, un’auto a idrogeno necessita quasi del triplo di corrente rispetto a una vettura elettrica. Inoltre, la tecnologia manterrà costi elevati anche in futuro e persino le stazioni di rifornimento hanno prezzi da capogiro. Pertanto, ritengo che l’auto a idrogeno possa diventare soltanto un prodotto di nicchia. Al contrario, l’idrogeno potrebbe essere impiegato laddove non è presente nessun’altra soluzione ragionevole: nel traffico aereo e navale oppure nell’industria siderurgica.

© TESTO intervista: Reto Neyerli, FOTO: Silke Reents

Foto Volkswagen ID.4 SUV elettrico

Potrebbero interessarti (anzi te li consiglio)

👉 Auto elettriche da comprare selezionate e provate
👉 Prezzi e caratteristiche auto elettriche
👉 Prezzi e caratteristiche auto ibride

👉 Video prove AUTO ELETTRICHE

👉 Quanto costa ricaricare l’auto elettrica
👉 Tutto sulla ricarica delle auto elettriche

👉 Ultime notizie batterie agli ioni di litio

Le prove di auto elettriche nuove!

👉 EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

👉 Listino prezzi VOLKSWAGEN 👉 Annunci usato VOLKSWAGEN

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM!


COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto