GUIDE CONSIGLI AUTONotizie auto

Nuova tabella risarcimento lesioni personali, arriva quella unica

Arriva la tabella Unica Nazionale per il risarcimento da circolazione stradale dei danni non patrimoniali, ovvero alla salute, per le cosiddette "macro permanenti" da 10 punti percentuali fino a 100. Garantirà alle vittime dei sinistri un equo risarcimento del danno subito da Nord a Sud

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera allo schema di legge che regolamenta il risarcimento del danno non patrimoniale derivante da lesioni di non lieve entità, comunemente definite come macrolesioni. Questa normativa si occupa di considerare sia gli aspetti biologici che quelli morali della vittima. Con l’istituzione di una tabella unica nazionale di riferimento si vuole garantire alle vittime di incidenti il diritto a un risarcimento completo ed equo per il danno subito dalle assicurazioni e soprattutto una uniformità di trattamento per i consumatori (da Nord a Sud) che consentirà gli stessi livelli di risarcimento in tutta Italia.

Lesioni nel sinistro stradale

Un sinistro stradale può causare un danno alla salute di un individuo, ovvero possono residuare delle lesioni alla persona che comportano un danno biologico, una lesione dell’integrità fisica o psichica del soggetto, lesioni che possono essere temporanee o permanenti, ovvero menomazioni che incidono sulla integrità psico-fisica del danneggiato per tutto il resto della sua vita.

Risarcimento lesioni permanenti

La gravità delle lesioni permanenti sino ad oggi ha comportato un differente meccanismo di risarcimento del danno. Infatti, per le lesioni di lieve entità – ovvero sino a nove punti percentuali – vi è un meccanismo certo per stabilire il risarcimento; la norma di riferimento è l’art. 139 del Codice delle Assicurazioni (d. lgs. n. 209/2005) che ha introdotto un meccanismo di liquidazione del risarcimento, basato su una tabella predisposta con decreto del Presidente della Repubblica (previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, di concerto con quelli del lavoro e delle politiche sociali, della giustizia e delle attività produttive) aggiornata periodicamente secondo gli indici Istat, con decreto emanato annualmente dal Ministero dello sviluppo economico.

Tabella risarcimento lesioni personali

Sino ad oggi invece per le lesioni gravi, ovvero le cosiddette macro permanenti (da 10 punti percentuali sino a 100), il risarcimento si basava sulle tabelle redatte dai singoli Tribunali, marcando ingiuste differenze per lesioni di medesima entità fra danneggiati residenti in Regioni diverse. Tale meccanismo ha evidenziato la possibilità di incomprensibili disparità fra una Regione e l’altra e tra un foro e l’altro, tanto da venir definito “forum shopping”. Pertanto già la Suprema Corte di Cassazione nel 2011, volendo ribadire l’esigenza del rispetto del principio fondamentale di eguaglianza, aveva stabilito che le tabelle del Tribunale di Milano o Roma fossero le più idonee ad assicurare l’equità nel risarcimento del danno da sinistri stradali.

Un esempio di tabella di risarcimento per lesioni personali del Tribunale di Roma di un cinquantenne
Un esempio di tabella di risarcimento per lesioni personali del Tribunale di Roma di un cinquantenne

Tabella unica nazionale

L’esigenza di assumere un parametro unico, “tabella unica nazionale“, dunque, ha trovato asilo nell’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri lo scorso 16.1.2024 dello schema DPR recante la “Tabella delle menomazioni all’integrità psicofisica comprese fra 10 e 100 punti” che disciplina il risarcimento del danno non patrimoniale per le macro lesioni inteso sia nella componente biologica, che in quella morale.

La Tabella Unica Nazionale per le macro-lesioni stabilisce un valore pecuniario certo da attribuire a ogni singolo punto di invalidità (danno biologico) e tre ulteriori tabelle per il risarcimento del danno morale, con una diretta proporzionalità con il grado di invalidità e una inversa con l’età del danneggiato.

Cosa cambia

La principale differenza con le precedenti tabelle è che l’incremento del valore economico del punto rispetto alla percentuale di invalidità è calcolata in base ad un suo moltiplicatore più che proporzionale rispetto all’aumento percentuale assegnato ai postumi. Il danno non patrimoniale viene separato e valutato nelle due componenti di danno biologico da una parte e danno morale dall’altra.

Quest’ultimo definito in giurisprudenza come “pecunia doloris”, inteso come danno da sofferenza e turbamento dell’animo, è una delle novità della riforma. Vi è un moltiplicatore per stabilire il danno morale con cui vengono incrementati i valori del danno biologico in una percentuale progressiva per ogni singolo punto di invalidità; l’uso del moltiplicatore è ammesso solo a seguito di prove e allegati rigorosi, mentre in precedenza, seppure suscettibile di una qualche personalizzazione, era stabilito in percentuale rispetto al danno biologico.

Risarcimento unico da Nord a Sud per ridurre il costo delle polizze assicurative?

Con la tabella unica si cerca di mettere anche un freno ai rincari della RC Auto per i quali il Garante per la sorveglianza dei prezzi, su indicazione del Ministero del Made in Italy, ha convocato per il 14 Febbraio p.v. la commissione di allerta rapida di sorveglianza dei prezzi sul settore assicurativo. La riunione approfondirà le dinamiche dei costi, che negli anni hanno portato ad un aumento costante a carico dei consumatori.

Questa riforma, astrattamente, dovrebbe garantire alle vittime un risarcimento certo ed equo e nel contempo dovrebbe condurre ad una razionalizzazione dei risarcimenti con conseguente riduzione dei risarcimenti assicurativi e forse anche riduzione del costo della polizza.

Come sempre il timore dell’uomo medio è quello che le riforme legislative quando riguardano, anche solo incidentalmente, Banche o Assicurazioni finiscano per non aiutare il consumatore o il cittadino.
Solo il disvelamento delle tabelle e l’applicazione pratica di queste, potrà fugare ogni sospetto.

Nuova tabella risarcimento lesioni personali

Aggiorneremo l’articolo appena sarà definita e disponibile la nuova tabella unica per il risarcimento delle lesioni (macrolesioni) personali alle vittime degli incidenti stradali.






ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Pulsante per tornare all'inizio
error: © Contenuti coperti da Copyright

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto