Auto Classiche & StoricheClasse CMercedes-Benz

Mercedes-Benz 190 serie W201

Serie in produzione fino al 1993 che poi lasciò spazio all'attuale Classe C. Ora è un'auto storica super ricercata dai collezionisti

MERCEDES-BENZ 190 SERIE W201 – La Mercedes-Benz Classe C festeggia 35 anni, era l’8 dicembre del 1982 quando la casa tedesca presentò la serie W 201, il modello coprotagonista della storia di Classe C, che entrò in scena nel 1993. Parliamo di una berlina all’avanguardia che conquistò il mercato anche grazie ai successi sportivi in versione Sport-Prototipo nel Campionato DTM. La W 201 oggi invece rappresenta un modello molto ricercato dai collezionisti di auto storiche.

La mitica seria W 201, prodotta dal 1982 al 1993 in 1.879.630 esemplari, inizio con il debutto dei modelli Mercedes-Benz 190 e 190 E. La serie, ribattezzata dal pubblico ‘190’ o ‘Baby-Benz’, celebra il suo debutto con due modelli di motori a benzina quattro cilindri: 190 è il nome assegnato alla versione a carburatore che inizialmente vanta 66 kW (90 CV) di potenza. La 190 E con iniezione di benzina eroga invece 90 kW (122 CV).

FOTO Mercedes-Benz 190 serie W201

Mercedes-Benz 190 serie W201

Successivamente, Mercedes-Benz continua a potenziare la gamma, proponendo una vasta serie di modelli innovativi. Tra questi la 190 D (53 kW/72 CV, dal 1983), soprannominata ‘Flüster-Diesel’ (letteralmente ‘diesel che sussurra’) essendo la prima vettura di serie con motore dotato di incapsulamento insonorizzante. Dal 1986 con il cinque cilindri 190 D 2.5 Turbo (90 kW/122 CV) vennero introdotte nuove potenze, che fino all’autunno del 1987 furono riservate solo al mercato americano. Per il potente sei cilindri 190 E 2.6 (122 kW/166 CV, sempre dal 1986) gli ingegneri riuscirono a vincere la sfida tecnica di installare il sei cilindri in linea M 103 nel vano motore della W 201.

Con l’innovativa tecnologia a quattro valvole, la 190 E 2.3-16 (136 kW/185 CV) consegue una serie di successi sportivi già prima della sua presentazione nell’autunno 1983: sul circuito della cittadina pugliese di Nardò, tre prototipi stabilirono infatti diversi record mondiali sulla lunga distanza (25.000 km, 25.000 miglia e 50.000 km) con velocità medie di quasi 250 km/h.Mercedes-Benz 190

Mercedes-Benz 190 serie W201 nel DTM

Anche in occasione dell’inaugurazione del nuovo Nürburgring, la 190 E 2.3-16 impressionò tutti. Il 12 maggio 1984, 20 piloti consacrano il nuovo circuito con una gara al volante di questa vettura. A vincere fu l’indimenticato pilota brasiliano Ayrton Senna, all’epoca ancora poco conosciuto. Il modello top di gamma della serie fu infine la berlina sportiva high performance 190 E 2.5-16 Evolution II (173 kW/235 CV). Questa servi anche come base per la fortunata Sport-Prototipo che dal 1990 in poi gareggia nel DTM.

I trionfi della Casa di Stoccarda nel Campionato Tedesco Turismo DTM degli anni Ottanta e Novanta sono legati a filo doppio alla W 201: dal 1988 al 1993 vennero impiegate con successo nel DTM vetture Sport-Prototipo sulla base di questa serie con il supporto della fabbrica. In questo periodo, Mercedes-Benz conquistò due Campionati Costruttori (1991 e 1992) e nel 1992 Klaus Ludwig si laureò campione DTM al volante della 190 E 2.5-16 Evolution II.

Nel 1985, la 190 E 2.3-16 ricevette inizialmente l’omologazione per le competizioni dei gruppi A ed N. È con questo modello che nel 1986 i team privati iniziarono a gareggiare nel DTM e Volker Weidler si classifica immediatamente secondo. La stagione 1988 invece segnò il ritorno ufficiale di Mercedes-Benz al Motorsport. In quest’anno, Roland Asch si laureò vicecampione nel DTM. A partire dal 1989 fece il suo ingresso nel DTM la Sport-Prototipo 190 E 2.5-16 Evolution, seguita, a partire dal 1990, dalla 190 E 2.5-16 Evolution II. Nella stagione 1993 venne infine impiegata la AMG-Mercedes 190 Classe E 1 – e anche in questo caso si tratta di una vettura basata sulla W 201. Le ulteriori vetture DTM della Stella hanno portato avanti questa storia di successo in modo semplicemente esemplare.Mercedes-Benz 190

Mercedes-Benz 190 serie W201 il progetto

La classe compatta del 1982 fu il simbolo della sicurezza. Gli ingegneri che lavorarono al suo sviluppo lavorarono molto sui sistemi di sicurezza attiva e passiva portandoli ad un elevato grado di affidabilità. Uno dei fiori all’occhiello in questo processo è lo sviluppo delle sospensioni posteriori multilink con cinque bracci sottili per ogni lato progettate da Kurt Enke, Alf Müller e Manfred von der Oheche ad oggi rappresentano in tutto il mondo lo stato dell’arte nella costruzione di autoveicoli.Mercedes-Benz 190

A livello di sicurezza passiva, decisiva fu la combinazione di struttura leggera ed elevata sicurezza in caso di impatto. La struttura del tetto del Mercedes-Benz 190 serie W 201 con i longheroni longitudinali posizionati verso l’esterno, grazie a peso ridotto e straordinaria stabilità, diventò il modello da imitare per le altre serie Mercedes-Benz. Per la prima volta vene adottato a bordo delle compatte anche una struttura a forcella con deformabilità definita dei supporti a forcella conici in lamiere ad alta resistenza – per un eccellente comportamento di crash soprattutto in caso di impatto frontale asimmetrico.

Anche il design della W 201, sviluppato dal team a cui a capo ci fu Bruno Sacco, diventò un punto di riferimento. Fondando un segmento completamente nuovo all’interno di Mercedes-Benz, questa serie si distinse per la modernità delle linee. Al contempo, la berlina è concepita per offrire prestazioni aerodinamiche ottimali. Con un coefficiente cx=0,34, fu infatti la vettura che, al momento del lancio nel 1982, vantò la migliore aerodinamica di tutte le berline Mercedes-Benz.Mercedes-Benz 190

Tags

Redazione Web

La Redazione WEB di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, di tecnica motoristica e del mercato italiano.
Le prove delle auto sono realizzate dal Test Team di cui fanno parte tester/piloti che vantano una elevata sensibilità grazie ad una lunga esperienza di guida maturata su strada ed in pista dopo anni di prove realizzate anche per magazine Elaborare GT Tuning Sport Racing ed Elaborare 4×4. Dello staff fanno parte fotografi ed operati video professionali. Lo staff si avvale di strumenti di misura dedicati per i rilevamenti delle prestazioni e dei consumi.

Articoli Simili

Vedi Anche

Close
Close