Auto Classiche & StoricheDSFotogallery

DS Pallas, nel 1964 arrivò un’auto di lusso raffinata

Nel 1964 sul mercato arrivò la DS Pallas, una vera e propria auto di lusso. Fu soprannominata la “Dea” in onore di Pallade Atena dea della guerra

La DS Pallas del 1964 è stata sicuramente un’auto di lusso della sua epoca, che aggiungeva dotazioni di gran classe alla giù lussuosa DS19 del 1955. La Dea era certamente un’auto di lusso per fascia di prezzo, prestazioni, comfort e spazio a bordo.

Tuttavia, alla metà del secolo passato, quando la Dea ha visto la luce, il mondo delle auto di lusso era popolato anche da grandi berline a passo lungo, con un comparto riservato ai privilegiati passeggeri che erano così separati dall’elemento imprescindibile di quella classe di vetture: l’autista.

DS19 Prestige la prima con il radiotelefono

Citroën nel 1959 presentò la DS19 Prestige, definita “un lussuoso ufficio viaggiante” e che spostava ancora avanti il calendario, essendo dotata, prima auto di serie al mondo, di radiotelefono, anche se inizialmente funzionante nella sola regione di Parigi.

Ma il mondo cambiava con grande rapidità ed una nuova generazione di clienti fece la sua comparsa nel mondo delle auto di lusso: i giovani professionisti, gli imprenditori, gli attori ed i cantanti delle nuove generazioni che certo amavano guidare (a volte anche in maniera spericolata) le proprie vetture. Questo nuovo fenomeno fece diventare superflua la presenza dello chauffeur al volante.

DS19 Pallas 1964, vista di profilo
DS 19 Pallas 1964

DS 19 Pallas 1964, il nome si ispira alla DEA Pallade

Questo cambiamento epocale, per il mondo dell’automobile, avveniva oltremanica nel 1965, ma Citroën aveva giocato d’anticipo ancora una volta, perché nel settembre del 1964 aveva già presentato una nuova, speciale, finitura per la sua DS 19: la Pallas.

Pallade Atena, dea della guerra e (soprattutto) della sapienza era la musa che ispirò l’allestimento “top di gamma” delle DS19 (poi anche per le DS20, 21 e 23, ma anche su GS, CX e persino su XM e C6). La DéeSse Pallas (la dea Pallade) era ancor più confortevole, grazie a sedili più ampi con schienali rialzati, una speciale illuminazione interna di grande effetto ed un miglior isolamento termico e acustico.

DS19 Pallas 1964, vista di profilo
Il nome della DS 19 Pallas si ispira alla mitologia greca

DS Pallas, una vera e propria auto di lusso

La DS Pallas era una vera e propria auto di lusso, con un abitacolo senza parti in metallo non rivestite, con un eccezionale interno in pelle pregiata, disponibile a richiesta, che conferiva alla flessuosa berlina un fascino da salotto di lusso ed anche con una presentazione esterna rivista, con la speciale tinta metallizzata Gris Palladium (riservata alle Pallas), con profili paracolpi in acciaio satinato, copricerchi specifici ed una coppia di proiettori addizionali a lunga portata con lampade allo jodio (non presenti, per ragioni di omologazione, nel nostro Paese).

La finitura Pallas, disponibile solo sulle berline DS e di serie sulle Cabriolet, accompagnò la Dea per tutto il resto della sua carriera, rappresentando per un certo periodo il sinonimo di “oggetto di lusso”, al punto che i giovani francesi tra la fine degli anni ‘60 e la metà dei ‘70, per indicare l’eleganza o la sontuosità di una qualsiasi cosa, erano soliti dire “c’est plus Pallas!”

DS19 Pallas 1964, abitacolo
Interni in pelle DS Pallas del 1964

Foto DS Pallas auto storica di lusso

Se sei interessato ad acquistare un’auto DS consulta anche tutte le news DS, il listino prezzi DS e gli Annunci auto usate DS.

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

👉 Lascia un commento sul nostro FORUM!

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button
Close