IntervisteNews

GROUPE PSA Italia – intervista al direttore generale Massimo Roserba

A tu x tu con GROUPE PSA fiore all'occhiello anche per l'Italia: rappresenta una importante risorsa per l'economia del nostro paese

Non c’è dubbio. GROUPE PSA è un fiore all’occhiello del nostro paese, una di quelle aziende che rappresenta una grande risorsa per l’economia italiana con importanti fatturati e posti di lavoro dalla sede centrale milanese alla rete periferica dei concessionari sparsi su tutto il territorio nazionale.
Ne parliamo con Massimo Roserba Direttore Generale di GROUPE PSA Italia. 

D Direttore, Il 2017 è stato per Groupe PSA Italia un anno decisamente positivo in termini di risultati commerciali, con due prestigiosi premi come Auto dell’anno 2017 per Peugeot 3008 e Auto Europa per Citroën C3, oltre all’inserimento di Citroën C3 Aircross fra le sette finaliste di Auto dell’anno 2018.
Quanto è importate l’italia per GROUPE PSA? 

R – All’interno di Groupe PSA, l’Italia riveste un ruolo importante in quanto è il primo contributore in termini di business in Europa, dopo la Francia. Groupe PSA Italia è oggi una realtà solida che contribuisce attivamente all’economia nazionale: con un fatturato di 2,7 miliardi di euro nel 2016, è tra le prime 90 realtà della Penisola.
Il nostro Paese, inoltre, è uno dei principali fornitori di componenti all’apparato industriale di Groupe PSA, per un totale di 430 milioni di euro. Questo fatturato è realizzato attraverso attraverso 82 aziende altamente specializzate, di piccole e medie dimensioni, che rappresentano un tessuto economico prezioso e ramificato in tutta la Nazione.

D Quali sono i numeri sul fronte dipendenti e collaboratori? 
RNel suo complesso, il Gruppo può contare su ben 8.000 collaboratori (tra diretti ed indiretti), distribuiti su una rete di concessionarie e officine autorizzate dei marchi Citroën, DS Automobiles e Peugeot, rete costituita da 1.200 punti di contatto che supportano un parco circolante di tre milioni di veicoli, l’8% del totale.

D Un apporto importante per l’economia italiana passa anche per la pubblicità.
Di che investimento parliamo? 

RL’impatto del Gruppo in Italia non si limita al comparto economico-produttivo ma coinvolge anche il settore pubblicitario, dove Groupe Psa è uno tra i principali spender in spazi pubblicitari. Con 60 Milioni di euro investiti nel 2016 (dati Nielsen) è il terzo player nel settore automotive e tra i primi dieci in assoluto.
D – Avete stretto partnership particolari con aziende italiane?

RDal 1981 Groupe Psa ha una partnership industriale con FCA Group per quanto riguarda la produzione di veicoli commerciali nel sito produttivo di Sevel Sud (Chieti). Nel complesso industriale, il più importante in quest’area geografica, sono impiegate oltre 6.000 persone.

D – Obbiettivi per il futuro? 
RIn futuro Groupe PSA vuole continuare ad essere una risorsa importante per l’economia italiana, portando a compimento gli obiettivi di Push to Pass, il piano di performance e crescita organica redditizia lanciato nel 2016. Infatti, l’ambizione di diventare entro il 2021 il fornitore di servizi di mobilità preferito dai clienti, permetterà di sviluppare nel nostro Paese ulteriori aree di business, sfruttando le grandi potenzialità offerte dal digitale e dando così spazio a nuove figure professionali.

Tags

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo con Peugeot e nei monomarca con Seat e Renault. Tra le tante auto speciali provate una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.
Close