NewsPistaRacing

Tcs Ritiro Della Peugeot

Come è nata l’idea di correre con la Peugeot nel TCS? Nel 2016 è nato un nuovo Campionato Italiano Turismo, il CIT. Due categorie entrambe valevoli per il titolo italiano. La più potente TCR e quella più simile alla serie denominata TCS, alla quale decido di partecipare.Quest’ultima mi piace poiché prevede l’utilizzo di vetture strettamente di serie sulle quali è possibile intervenire SOLO su ammortizzatori, scarico e centralina.
Leggo attentamente il regolamento, mi interfaccio con professionisti esperti e decido di “preparare” nello spirito del campionato stesso, una Peugeot 308 Gti.
Decido di farla bene, di metterci tanti soldi ed ore di studio e lavoro. Prendo il meglio sul mercato, dal preparatore Procar Motorsport, agli ammortizzatori Ohlins, ai freni Brembo, allo scarico Supersprint e così via.
Dopo le prime 4 gare la nostra piccola 1.6 turbo si trova così in testa al Campionato Italiano Turismo TCS contro le più potenti 2.0 turbo quali Honda e Seat. Inaspettata situazione, ma frutto di tanti sforzi, di tanta passione, di esperienza mia (3 titoli italiani vinti in passato) e del mio compagno di avventura Renato Gaiofatto.

Massimo Arduini pilota team managerCosa ti ha fatto cambiare idea? 
Quando è arriva la notizia da parte della commissione tecnica che recita queste poche parole, in apparenza innocue ed insignificanti per molti E’ consentito il montaggio di un recuperatore di vapori e riflussi dell’olio motore, come indicato nell’Allegato J – art. 255.5.1.14, della capacità minima di 2 litri. Questo recipiente deve essere in materia plastica traslucida o deve avere un pannello trasparente. E’ possibile montare un separatore aria/olio all’esterno del motore (capacità massima 1 litro) secondo lo
schema 255-3 riportato nel medesimo articolo. Non può esserci un ritorno dell’olio dal recipiente recuperatore verso il motore che per gravità. “ “ Per decisione n° 7 del Bureau ACI Sport, sono inoltre introdotte due deroghe alla Seat Leon Cupra DSG/ST con l’adozione di paratie per il raffreddamento dei freni e l’adozione di cerchi da 19 x 8,5.
Vaschetta recupero olio motore
Il significato della parte riguardante il recupero vapori olio significa in effetti regalare almeno 40 cavalli ai miei diretti avversari (Seat NDR)!
In un Campionato Italiano all‘insegna del risparmio e dei pezzi di serie, ha inoltre senso autorizzare delle paratie per il raffreddamento dei freni come in Formula Uno?
Ha senso, logica e non ultimo etica, cambiare un regolamento dopo 4 gare?
Un regolamento è come un contratto ed i contratti vanno rispettati MA da ambo le parti. Ha senso snaturare un campionato dove non si poteva sostituire un solo bullone? Che credibilità possono pensare di avere i signori che hanno preso questa decisione?
Ma si rendono conto che con tale decisione hanno creato un pericolosissimo precedente ed hanno ucciso tale campionato?Max Massimo Arduini

Ci puoi spiegare tecnicamente nelle corse quali modifiche sono strettamente necessarie? Quando un motore viene spinto oltre i limiti di prestazioni che la casa costruttrice impone, tutti i componenti atti a mantenere le prestazioni costanti non risultano più sufficienti e, come di solito si fa sulle vetture da CORSA in accordo con i regolamenti tecnici, viene sostituito il radiatore dell’acqua, il radiatore dell’olio, e non ultimo viene modificato il sistema di ricircolo dei vapori dell’olio proprio perché quello di serie non è in grado di gestire il volume di gas prodotti da un motore da corsa.
Questa modifica, oltre a garantire un’efficacia migliore del gruppo motore, porta anche ad un incremento delle prestazioni dato che la miscela aria/benzina è sempre pulita e il rapporto stechiometrico sempre preciso. Ciò a differenza di quello che avviene nei motori STRADALI nei quali il dispositivo di ricircolo dei vapori olio è presente e funzionante. Infatti questi vapori vengono aspirati dal motore, bruciati per poi essere catalizzati dallo scarico, così da limitare l’inquinamento del motore stesso.

Allora la soluzione quale è? Se il motore preparato manda in protezione la centralina oppure si può rompere perché il sistema di recupero dei vapori dell’olio non è sufficiente, la soluzione non è sostituire il sistema ma semplicemente tornare qualche passo indietro con la preparazione fino a che il sistema di serie riesca a gestire l’incremento di prestazioni.
Qualunque macchina moderna che viene lanciata in 25 minuti di pista non darà nessun problema di affidamento per quanto riguarda il motore e tutti gli organi ad esso associati.

E quindi cosa avete deciso di fare?
Io ed il mio team abbiamo accettato tale regolamento, ci siamo conformati integralmente, abbiamo impiegato risorse economiche, accordi con sponsor, tempo per trovarci ed ora siamo talmente penalizzati?
Nel mio piccolo, mi considero un vero appassionato, uno che crede nei valori dello sport e della correttezza. Se qualcuno di lor signori riesce a darmi una risposta logica e sensata bene, altrimenti a malincuore ho deciso di abbandonare tale Campionato Italiano in testa e spero possa essere un insegnamento di correttezza per i giovani piloti.

Tags

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori.
Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4×4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell’anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo con Peugeot e nei monomarca con Seat e Renault.
Tra le tante auto speciali provate una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Simili

Close