24 Ore di Le Mans 2015 Nissan

La Nissan GT-R LM Nismo macina chilometri portando a termine la gara d’esordio nella 24 Ore di Le Mans 2015. Le tre Nissan corrono rispettivamente per 10, 23 e 24 ore. Nella categoria LM P2 i motori nipponici nelle prime 6 posizioni.

15 giugno, 2015

24 ORE DI LE MANS 2015   ► ORDINE D’ARRIVO 

Alla 24 Ore di Le Mans 2015 ha debuttato la Nissan GT-R LM Nismo. Nell’arduo tentativo di accedere alla massima categoria di endurance, Nissan aveva come obiettivo quello di tagliare il traguardo con una delle sue tre vetture. La Nissan #22 GT-R LM Nismo pilotata da Harry Tincknell (GB), Michael Krumm (GER) e Alex Buncombe (GB) è passata sotto la bandiera a scacchi alle ore 15 di domenica pomeriggio, portando a termine la gara più prestigiosa del mondo contro tutti i pronostici.

24 ORE LE MANS 2015 NISSAN – Nelle prime dieci ore le tre GT-R LM Nismo hanno accumulato chilometri, completando tutte oltre 100 giri di pista dei 13,629 chilometri complessivi del circuito di Le Mans. Non sono mancati momenti di grande tensione per la vettura #22 che, oltre ad affrontare i problemi tipici delle fasi iniziali di qualsiasi progetto, ha dovuto vedersela anche con i detriti in pista. Il momento più drammatico è stato poco dopo lo scoccare della nona ora di gara, quando la vettura di Tincknell ha colpito un grosso detrito mentre sfrecciava a 340 km orari in direzione della curva Indianapolis. La 24 Ore di Le Mans è una grande sfida per qualsiasi casa automobilistica, ma debuttare in questa gara è un’impresa a dir poco titanica. Il Team di Nissan Nismo ha lavorato senza sosta in vista di questo obiettivo sin dalla fine del 2014, quando la GT-R LM Nismo è entrata in pista per la prima volta. Per una vettura che è ancora nella fase iniziale dello sviluppo, il forte impegno del team ha fatto della gara di Le Mans anche l’occasione per raccogliere un’enorme mole di dati ed esperienza.

24 ORE LE MANS 2015 INCIDENTE NISSAN – Il primo incidente serio si è avuto intorno alla decima ora di gara, quando la Nissan #21 ha perso una ruota e, nonostante gli sforzi del nipponico Tsugio Matsuda, non è riuscita a rientrare ai box. Prima del pilota giapponese, si erano succeduti al volante lo spagnolo Lucas Ordonez e il russo Mark Shulzhitskiy. L’uscita più amara è stata forse quella della Nissan #23, che si è ritirata per un problema alle sospensioni. Jann Mardenborough (GB) e i compagni di squadra Max Chilton (GB) e Olivier Pla (FRA) avevano subito un ritardo iniziale a causa di problemi alla frizione, ma hanno proseguito con determinazione la gara ed erano ormai vicini al traguardo, quando Mardenborough è stato costretto ad abbandonare il circuito ad appena un’ora dalla fine.

24 ORE LE MANS 2015 NISSAN LM P2 – Parallelamente al neonato programma LM P1, Nissan ha fornito il motore a molte squadre della categoria LM P2 di Le Mans, che sono state l’orgoglio della casa nipponica conquistando le prime sei posizioni della classifica finale di categoria. Al primo posto, la #47 KCMG Oreca-Nissan, seguita dalla JOTA Sport Gibson-Nissan, vincitrice dello scorso anno, e dalla #26 G-Drive Ligier-Nissan, terza classificata. Gaetan Paletou, debuttante in pista per le LM P2, purtroppo non è riuscito a gareggiare perché la sua auto si è ritirata prima del suo turno al volante.

24 ORE DI LE MANS 2015   ► ORDINE D’ARRIVO 

Tutto su Pista

Tutto su 24 ORE

Tutto su gara di durata

Tutto su Le Mans

Tutto su Nissan

Seguici su Youtube

Seguici in TV

newsautoTV logo
fiat 500 forever young su newsautoTV