Formula 1

F1 2015 Gp Spagna Mercedes domina [classifiche]

F1 2015 GP SPAGNA ORDINE D’ARRIVO – STRATEGIA PIRELLICLASSIFICHE 2015 – CALENDARIO F1 2015

Mercedes vittoria schiacciante al Gran Premio di Spagna di Formula 1, nella prima gara europea del mondiale 2015. I tedeschi fanno doppietta con Nico Rosberg e Lewis Hamilton facendo il vuoto dietro di loro. La Ferrari, nonostante il terzo gradino del podio e le nuove novità aerodinamiche, ne esce abbastanza ridimensionata nel confronto con le frecce d’argento, visti i 45 secondi di ritardo accumulati sotto la bandiera a scacchi. Giù dal podio la Williams di Bottas che riesce a tenere dietro la seconda Ferrari di Kimi Raikkonen. Il Gp di Spagna, vinto fin troppo facilmente da Nico Rosberg, al suo primo successo stagionale, che partiva in pole position, non ha riservato particolari emozioni, anzi è stato lo spot perfetto della “Formula noia”. Le uniche emozioni della corsa si sono concentrate alla partenza grazie al buon scatto di Vettel dalla seconda fila che gli ha permesso di scavalcare Lewis Hamilton che invece partiva secondo in prima fila. Il tedesco della Ferrari, con caparbietà, è riuscito nell’impresa di tenere dietro l’inglese della Mercedes per ben 40 giri, fino al cambio di strategia del campione del mondo che è passato dalle due alle tre soste. Una scelta azzeccata e vincente perché gli ha permesso di scavalcare facilmente Vettel. L’idolo di casa Fernando Alonso, che tornava sul circuito dove quest’inverno è stato il protagonista di un incidente ancora avvolto nel mistero, invece è stato tradito nuovamente dalla sua McLaren-Honda che l’ha costretto al mesto ritiro al 26esimo giro.

Ordine d’arrivo GP Spagna Montmelò 2015
1. Nico Rosberg (Mercedes) 1h 41:12.555
2. Lewis Hamilton (Mercedes) +17.551
3. Sebastian Vettel (Ferrari) +45.342
4. Valtteri Bottas (Williams-Mercedes) +59.217
5. Kimi Räikkönen (Ferrari) +1:00.002
6. Felipe Massa (Williams-Mercedes) +1:21.314
7. Daniel Ricciardo (Red Bull-Renault) 1 giro
8. Romain Grosjean (Lotus-Mercedes) 1 giro
9. Carlos Sainz (Toro Rosso-Renault) 1 giro
10. Daniil Kvyat (Red Bull-Renault) 1 giro
11. Max Verstappen (Toro Rosso-Renault) 1 giro
12. Felipe Nasr (Sauber-Ferrari) 1 giro
13. Sergio Pérez (Force India-Mercedes) 1 giro
14. Marcus Ericsson (Sauber-Ferrari) 1 giro
15. Nico Hülkenberg (Force India-Mercedes) 1 giro
16. Jenson Button (McLaren-Honda) 1 giro
17. Will Stevens (Marussia-Ferrari) 3 giri
18. Roberto Merhi (Marussia-Ferrari) 4 giri

(Ritirati)
19. Pastor Maldonado (Lotus-Mercedes)
20. Fernando Alonso (McLaren-Honda)

GP SPAGNA – La Mercedes continua a dominare il mondiale di Formula 1, nel 2015 4 vittorie e 3 doppiette in 5 gare disputate. La Ferrari che sembrava poter infastidire lo squadrone tedesco sul circuito di Barcellona ne esce ridimensionata. Nonostante il terzo posto di Sebastian Vettel il divario dal vincitore Rosberg è stato troppo ampio. Appunto il tedesco vince il gran premio spagnolo partendo dalla pole ed infliggendo un ritmo forsennato a tutti i suoi inseguitore. Neanche Lewis Hamilton gli ha opposto resistenza perché alla partenza è stato scavalcato dalla Ferrari di Vettel che poi l’ha tenuto dietro per ben 40 giri. Il sorpasso però è avvenuto ai box grazie al cambio di strategia dalle 2 alle 3 soste, decisa anche per colpa dell’inconveniente della posteriore sinistra al primo stop. Il tedesco, montando le gomme dure, ha poi inflitto alla gara un ritmo infernale che gli ha permesso dapprima di scavalcare e poi di distanziare la Ferrari dell’ex pilota Red Bull. Il risultato spagnolo fa storcere il naso ai tecnici di Maranello che hanno visto crescere il loro distacco dalla Mercedes, nonostante il nuovo pacchetto aerodinamico che debuttava proprio a Barcellona. Tante nuove soluzioni che non hanno avuto l’effetto sperato su di una pista dove i tecnici sperano di andar forte per essere sicuri di non aver problemi per il resto del mondiale. La Ferrari inoltre si deve anche guardare le spalle dal ritorno delle Williams, in particolare la Valtteri Bottas in Spagna è riuscito a tenere dietro la Rossa di Kimi Raikkonen. Per quanto riguarda la Renault la stagione 2015 di Formula 1 si fa sempre più critica, ormai la Red Bull, motorizzata proprio dai francesi, non fa più paura dato che Daniel Ricciardo è stato il primo dei doppiati. La McLaren-Honda invece continua a collezionare magre figure. In particolare Alonso si è ritirato al 26esimo giro durante il pit-stop, per problemi ai freni e per poco non investiva il meccanico addetto al sollevamento della sua monoposto. Jenson Button invece ha concluso sedicesimo davanti solo alle Manor.

F1 2015 GP SPAGNA ORDINE D’ARRIVO STRATEGIA PIRELLICLASSIFICHE 2015 – CALENDARIO F1 2015

Tags

Marco Savo

Giornalista appassionato di motori e calcio… !

Articoli Simili

Vedi Anche

Close
Close