Formula 1Racing

F1 Mercedes-Amg Campione 2016

F1 2016 la Mercedes-AMG, a 4 gare dalla fine, è campione del mondo costruttori. Nico Rosberg, partito dalla pole position, domina dall’inizio alla fine ed è sempre più vicino al titolo iridato. Lewis Hamilton, terzo al traguardo, con quattro gare ha disposizione ha il difficile compito di recuperare 33 punti al rivale. Sul podio di Suzuka, fra le due frecce d’argento, si inserisce la Red Bull di Max Verstappen. Le Ferrari chiudono quarta e quinto rispettivamente con Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Il tedesco però è stato autore di una grande gara per grinta e temperamento, riscattandosi così dalla brutta prova malese.

F1 GP Giappone Suzuka 2016  LA GARA ORDINE D’ARRIVO

Pos # Pilota Chassis Giri Tempo
1 6 Nico Rosberg  Mercedes-AMG 53 1:26’43.333
2 33 Max Verstappen  Red Bull 53 +4.978
3 44 Lewis Hamilton Mercedes-AMG 53 +5.776
4 5 Sebastian Vettel  Ferrari 53 +20.269
5 7 Kimi Raikkonen  Ferrari 53 +28.370
6 3 Daniel Ricciardo  Red Bull 53 +33.941
7 11 Sergio Perez  Force India 53 +57.495
8 27 Nico Hulkenberg  Force India 53 +59.177
9 19 Felipe Massa  Williams 53 +1’37.763
10 77 Valtteri Bottas  Williams 53 +1’38.323
11 8 Romain Grosjean  Haas 53 +1’39.254
12 30 Jolyon Palmer Renault 52 1 lap
13 26 Daniil Kvyat  Toro Rosso 52 1 lap
14 20 Kevin Magnussen Renault 52 1 lap
15 9 Marcus Ericsson  Sauber 52 1 lap
16 14 Fernando Alonso  McLaren 52 1 lap
17 55 Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso 52 1 lap
18 22 Jenson Button  McLaren 52 1 lap
19 12 Felipe Nasr  Sauber 52 1 lap
20 21 Esteban Gutierrez Haas 52 1 lap
21 31 Esteban Ocon Manor 52 1 lap
22 94 Pascal Wehrlein  Manor 52 1 lap

f1-2016-gp-giappone-podio

2016 Japanese Grand Prix, SundayF1 2016 Gp Giappone strategie PIRELLI – Il Gran Premio del Giappone ha confermato di essere una delle gare più avvincenti del Mondiale, con molti sorpassi e un’ampia varietà di strategie. Quella su due soste soft-hard-hard si è dimostrata la più popolare, utilizzata dai primi tre all’arrivo. Nico Rosberg ha vinto il Gp dopo una partenza perfetta dalla pole e dopo aver resistito ai tentativi dei piloti Red Bull di fare un ‘undercut’ su di lui, anticipando i pitstop. L’altra Mercedes di Lewis Hamilton è rimasta in pista leggermente di più per guadagnare posizioni, finendo terza dopo essere scivolata all’ottavo posto per un errore al via. Negli ultimi pit stop ha poi passato Vettel, che ha montato le soft per l’ultimo stint. Hamilton ha scelto la durata extra delle hard per tentare di insidiare la seconda posizione della Red Bull di Max Verstappen nelle fasi conclusive, dando vita a un finale imprevedibile. Ma non tutti hanno seguito una strategia su due soste: i piloti della Williams, Valtteri Bottas e Felipe Massa, hanno optato per un solo pit stop e sono entrambi arrivati a punti. Anche le Renault e le Sauber si sono fermate una sola volta. A inizio gara si sono viste tutte e tre le mescole, con i primi 10 tutti su soft, mentre i piloti su una sola sosta sono partiti sulle medie o sulle hard. La Force India è stata l’unica squadra ad utilizzare tutte e tre le mescole in gara.f1-2016-gp-giappone-3f1-2016-gp-giappone-2

– CLICCA PER FORUM F1

– CLICCA PER CLASSIFICHE F1 2016

– CLICCA PER CALENDARIO F1 2016

Tags

redazione

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, di tecnica motoristica e del mercato italiano.
Le prove delle auto sono realizzate dal Test Team di cui fanno parte tester/piloti che vantano una elevata sensibilità grazie ad una lunga esperienza di guida maturata su strada ed in pista dopo anni di prove realizzate anche per magazine Elaborare GT Tuning Sport Racing ed Elaborare 4×4. Dello staff fanno parte fotografi ed operati video professionali. Lo staff si avvale di strumenti di misura dedicati per i rilevamenti delle prestazioni e dei consumi.

Articoli Simili

Close