Nissan Leaf Primo Taxi Elettrico A Roma Con Uri e 3570

Nissan_Leaf_Taxi_Elettrico_Roma

Nissan Italia in collaborazione con URI (Unione Radiotaxi d'Italia) presenta a Roma il primo Taxi completamente elettrico. Le due vetture sono Nissan Leaf di seconda generazione, già utilizzate come taxi a New York, Londra, Amsterdam, Città del Messico, San Paolo e Zurigo.

Social

Parole Chiave

7 ottobre, 2014 - Roma

TAXI ELETTRICI - Nel luglio 2012, come spiega il nostro direttore Roberto Maldacea, moderatore della conferenza, è stata lanciata l’iniziativa “Via col verde” e dopo 2 anni di studi georeferenziali delle percorrenze e dei tempi di sosta dei taxi, si è capito che era possibile l’utilizzo di taxi elettrici anche su Roma. Le prime due auto sono state concesse in comodato d’uso gratuito da Nissan Italia, per un anno a due tassisti del 3570, selezionati in base alla loro residenza, vicino alla stazione dei taxi 3570 (via del Casale Lumbroso) ed alla tratta su Fiumicino. Al termine dei 12 mesi, i due tassisti potranno restituire le auto a Nissan oppure rilevarle ad un prezzo vantaggioso. Il progetto pilota punta ad ampliare la flotta elettrica romana nei prossimi mesi, fino a 100 unità e raggiungere presto anche Milano e Firenze.

SPOSTAMENTI ECOLOGICI - Tramite l’adozione delle Nissan Leaf come Taxi Elettrici a Roma si assicura ai turisti ed ai cittadini della Capitale, spostamenti in auto più ecologici e confortevoli, con la possibilità di accedere direttamente alle zone più eslusive del centro storico.

RETE DI RICARICA - Sebbene sia possibile caricare la Leaf nella rete delle colonnine già esistenti, è stata pensata anche una soluzione autonoma, senza sussidi né incentivi.
Attualmente le vetture vengono ricaricate presso la sede della cooperativa 3570 (in via del Casale Lumbroso, Roma Sud) dove è collocato un impianto fotovoltaico, il primo d’europa capace di caricare 24 vetture contemporaneamente.

I test effettuati hanno dimostrato che non è possibile caricare la Leaf nella rete delle colonnine già esistenti, colpa i tempi di ricarica, il loro posizionamento e l’ uso degli stalli di parcheggio da parte delle auto non elettriche” ci dice il Prof. Roberto Maldacea.

A sopperire alla mancanza di ulteriori colonnine non ancora fornite dall’amministrazione comunale (più che altro fuori dal raccordo anulare dove la sosta del taxi arriva anche ad 1 ora), è stata prevista collaborazione con FCS Mobility, un’unità mobile di emergenza costituita da un Nissan NV400 messo a disposizione da Nissan Italia e dotato di un sofisticato e unico sistema di ricarica rapida con 100 Kw di energia ottenuta da fonti rinnovabili, così da poter raggiungere le Nissan Leaf taxi in qualunque punto della città e ricaricarle dal 30% all’80% in 15 minuti.
 L’unità mobile è configurata per ricaricare qualsiasi veicolo elettrico con modalità rapida e non, non solo taxi ma anche veicoli commerciali o auto in car sharing. Verrà installata anche una colonnina a ricarica rapida Nissan presso l’Hub dell’Aeroporto di Roma Fiumicino.

UNIONE RADIOTAXI E 3570 - L’Unione radiotaxi d’Italia conta oltre 10.000 tassisti distribuiti in 43 tra le più importanti città d’Italia mentre 3570 a Roma è la più grande Cooperativa Radiotaxi in Europa: con oltre 3.700 soci e 9 milioni di servizi taxi all’anno, da sempre si contraddistingue per gli investimenti fatti in innovazione e tecnologia.

E’ stata quindi pensata anche una soluzione autonoma, senza sussidi né incentivi.
 Attualmente le vetture vengono ricaricate presso la sede della cooperativa 3570 (in via del Casale Lumbroso, Roma Sud) dove è collocato un impianto fotovoltaico, il primo d’europa capace di caricare 24 vetture contemporaneamente.
A sopperire alla mancanza di ulteriori colonnine rapide non ancora fornite dall’amministrazione comunale (più che altro fuori dal raccordo anulare dove la sosta del taxi arriva anche ad 1 ora).

Tutto su Nissan

Tutto su Auto elettrica

Tutto su Ecologia

Seguici su Youtube

Seguici in TV

newsautoTV logo
fiat 500 forever young su newsautoTV