FotogallerySaloniSuzuki

Suzuki al Parco Valentino 2018: hybrid + sportività

Suzuki al Parco Valentino 2018 espone la propria tecnologia Suzuki Hybrid, che diventa opera d’arte, insieme alla sua anima più sportiva

SUZUKI AL PARCO VALENTINO 2018Suzuki è presenta con uno spazio espositivo al Salone Parco Valentino di Torino, giunto alla sua quarta edizione. In particolare la casa giapponese presenta nel capoluogo piemontese il “Think Hybrid. Drive Suzuki.”, ponendo l’accento sulla mobilità alternativa e sostenibile, che riecheggia anche nell’ultima campagna pubblicitaria Suzuki.

L’ibrido del marchio giapponese a Torino è rappresentato dalla Ignis in una speciale, unica e ‘coloratissima’ livrea. Al suo fianco troviamo il Giallo Champion e il nero, che indicano i modelli sportivi Suzuki.

Suzuki al Parco Valentino 2018 | TECNOLOGIA HYBRID

“Think Hybrid. Drive Suzuki.”, claim dell’attuale campagna Suzuki Hybrid, è l’espressione di un modo di pensare trasversale e fuori dagli schemi, di cui Suzuki si fa promotrice.

Uno slogan rappresentato da una originale performance artistica, che vedrà la realtà diventare un’opera d’arte e viceversa.

Nell’area espositiva Suzuki, i visitatori possono infatti ammirare una colorata ed ‘artistica’ Ignis Hybrid oggetto della “Suzuki Hybrid Art”, ultima performance in ordine temporale dell’artista, scenografo ed effettista di fama mondiale, Leonardo Giacomo Borgese.
Si può osservare l’artista ultimare il temporary masterpiece, sullo stand Suzuki, nella giornata di apertura delle kermesse torinese.Suzuki al Parco Valentino 2018

Cuore del sistema Suzuki Hybrid è il dispositivo Integrated Starter Generator (ISG), che fa al tempo stesso da generatore di corrente, motorino di avviamento e motore elettrico.
Ad alimentarlo sono batterie agli ioni di litio leggere e compatte, sistemate sotto il sedile di guida, che accumulano energia nelle fasi di rallentamento e la forniscono poi al motore elettrico per supportare quello termico nelle ripartenze e quando è richiesto uno spunto deciso.

Questo intervento puntuale consente di abbattere sensibilmente i consumi e le emissioni e rende la progressione più vivace.
La tecnologia Suzuki Hybrid non richiede accorgimenti da parte del pilota né ricariche esterne ed entra in funzione in modo discreto solo quando serve davvero, in modo efficace.

Suzuki al Parco Valentino 2018 | SPAZIO PERFORMANCE

L’anima sportiva di Suzuki è presente a Torino. Nel suo spazio espositivo, nell’area dedicata alle performance, è possibile trovare le tre anime di Suzuki, auto, moto e motori marini, nella loro massima espressione di potenza oggi disponibile sul mercato

La tinta dominante è il Giallo Champion, il giallo acceso che storicamente rappresenta la livrea della Swift S 1600 ufficiale che dominò il Junior World Championship e che distingue le Suzuki che si sono affermate nei campionati mondiali di Motocross.

Sulla passerella Suzuki del Parco Valentino dominano inoltre 3 one-off tutte nella esclusiva livrea Beeracing, nei i colori sportivi tradizionali del marchio di Hamamatsu: la Swift Sport da 140 hp, sold out sul web store di Suzuki, che accosta la carrozzeria Giallo Champion al nero Dubai metallizzato di tetto, montanti, calotte e specchi; la GSX-R1000, 202 hp, indiscussa regina delle moto supersportive; il motore fuoribordo DF350A, il cui V6 da 4,4 litri e 350 hp con la doppia elica del sistema dual prop rappresenta lo stato dell’arte della tecnica Marine.Suzuki al Parco Valentino 2018

Suzuki al Parco Valentino 2018 | TEST DRIVE

Suzuki al Parco Valentino inoltre è presente nell’area test drive dove è possibile prenotare ed effettuare la guida di Ignis Hybrid e di Swift Sport.Suzuki al Parco Valentino Swift Sport

TUTTE LE NEWS SUL PARCO VALENTINO 2018

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Close
Close