Cambi Automatici Fiat Alfa Romeo Abarth Jeep

Alfa_Romeo_Giulia_interni_cambio_automatico

Cambi automatici da sei fino a nove rapporti con doppia frizione in offerta su molti modelli Fiat, Alfa, Jeep e Abarth. Scopriamo quali, perché sceglierli, i benefici e come funziona la trasmissione automatica a doppia frizione.

Social

Parole Chiave

11 maggio, 2017 - Lingotto (Torino)

Ci sono occasioni che bisogna cogliere al volo come questa dei cambi automatici di FCA. Quanto costa di più una vettura allestita con cambio automatico? Con Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Jeep la trasmissione automatica è disponibile, adesso, senza aumenti di prezzo. Possibile?
Cambio automatico in omaggio – FCA con una offerta particolare valida solo per l’Italia e solo per il mese di maggio offre la trasmissione automatica compresa nel prezzo su Fiat 500X, Fiat Tipo e 124 Spider, Abarth 124 Spider, Alfa Romeo Giulietta, Jeep Renegade. Un vantaggio che può arrivare fino a 2.000 euro, aggiuntivo a tutte le promozioni attualmente in corso da cogliere al volo!Grazie alla nuova strategia di FCA diverse configurazioni di cambi automatici sono disponibili in un momento in cui la richiesta di questa tipologia di cambio (o variatore di coppia) si conferma in costante crescita, con un trend degli ultimi 5 anni passato dal 14,8% al 20,4%. Bisogna provarlo per apprezzarlo.
cambi-automatici-mercato-2012-2016
FCA coglie al volo questo nuovo trend del mercato lanciando una offensiva senza pari, ovvero quella di offrire su gran parte dei suoi modelli la trasmissione automatica con un’accurata personalizzazione, caratteristiche e logica di funzionamento diverse per ciascuna esigenza: come quelli montati su Fiat che prediligono il massimo della praticità ed efficienza in termini di consumi e piacere di guida, quelli dell’Alfa Romeo e Abarth con doti di sportività e velocità nella cambiata, ma con un occhio al comfort su Giulia e Stelvio che è disponibile solo automatico. Tarature diverse sui SUV Jeep con un funzionamento ottimale per l’uso in fuoristrada, adattandosi alla diverse tipologie di terreno off-road per arrivare a quelli montati anche su mezzi da lavoro di Fiat Professional.
Gruppo_FCA_automatica_parabolica lingotto

Per arrivare a questi risultati molto è stato fatto nel corso degli anni, grazie al continuo investimento dei costruttori in innovazione tecnologica che hanno puntato a migliorare le trasmissioni automatiche in termini di efficienza energetica e riduzione dei consumi. Oggi, proprio a livello di consumi, non c’è più differenza tra un cambio manuale e un cambio automatico dicono in FCA.
Effettivamente possiamo confermare che i cambi automatici proposti da FCA adottano la migliore tecnologia disponibile sul mercato con quattro tipologie di trasmissioni:
c’è lo ZF a 8 rapporti e l’AISIN 6 rapporti, sui modelli a layout longitudinale; lo ZF a 9 rapporti sui modelli a layout trasversale, trasmissione sviluppata in collaborazione a ZF e prodotta nello stabilimento FCA di Kokomo in Indiana negli USA.

DOPPIA FRIZIONE FIAT – Ma l’altro componente top è la soluzione tecnica a doppia frizione ottenuta con la tecnologia “Dual Clutch Trasmission”, completamente progettata e realizzata da FCA, prodotta nello stabilimento di Verrone (Biella), uno dei migliori al mondo specializzati nella produzione di trasmissioni che ha anche ottenuto un riconoscimento per il World Class Manufacturing.
doppia-frizione-fca-cambio
doppia-frizione-tipo-alfa
I vantaggi quali sono? Un cambio automatico a doppia frizione assicura una velocità di cambiata superiore con un feeling sportivo, grazie al fatto che l’erogazione della coppia è continua, senza vuoti o perdita di potenza a terra mentre avviene il cambio marcia.
Cambio automatico a doppia frizione disponibilità – Il cambio automatico a doppia frizione è disponibile sui modelli con motore trasversale a due ruote motrici: Alfa Romeo MiTo, Giulietta e 4C, Fiat (Tipo e 500X) e Jeep (Renegade).
Vantaggi cambio con doppia frizione – Il cambio con doppia frizione consente lo stesso confort di guida di un cambio automatico tradizionale ma una significativa diminuzione nel consumo di carburante in quanto non c’è il giunto viscoso.
Cambio automatico doppia frizione come funziona? – Per capire il principio su cui si basa il cambio automatico a doppia frizione si può immaginare che all’interno del cambio coesistano due trasmissioni in parallelo, una che raggruppa le marce pari e l’altra le dispari.
La frizione, progettata ad hoc, è in realtà costituita da due frizioni unite che alternativamente possono essere chiuse e che sono connesse rispettivamente ai due cambi sopra citati. La doppia frizione lavora a secco (Dry) senza utilizzo di olio. Alla richiesta di cambio marcia il sistema di attuazione idraulico deve effettuare semplicemente la disattivazione degli ingranaggi che stanno conducendo il moto, e l’attivazione degli altri, tramite le 2 frizioni di competenza. L’intera operazione avviene senza interruzione di erogazione della coppia motrice alle ruote, dato che l’innesto della marcia da inserire viene effettuato sul cambio a riposo mentre l’altro sta conducendo il moto. Questa funzione è detta appunto “powershift” e rende ininfluente sul comfort di marcia la velocità di esecuzione della cambiata.
L’innesto della nuova marcia avviene nello stesso momento in cui l’altra è ancora innestata. Il tempi di passaggio da una marcia all’altra sono ridottissimi e solo legati all’innesto di una frizione e disinnesto della seconda frizione tramite il comando idraulico elettro attuato.
Il massimo lo esprime utilizzando la funzione “launch control” (solo su alcuni modelli) che permette al conducente di realizzare partenza mozzafiato, la massima accelerazione da fermo grazie alla gestione automatica di marce e frizioni.
Altre peculiarità della nuova trasmissione a doppia frizione sono la flessibilità di applicazione per la sua compattezza.
La prima impressione che si avverte alla guida è una sensazione di prontezza e reattività nella cambiata. Partendo da fermo, in “drive” la vettura si avvia dolcemente senza strappi già quando si rilascia il pedale del freno grazie alla funzione “creeping”.
Perché i consumi si riducono con il cambio a doppia frizione – Se confrontiamo le frizioni “Dry” a secco con quelle in bagno d’olio (“Wet”) si può affermare che le prime dissipano energia soltanto durante la fase di slittamento nel cambio marcia e nello spunto, mentre le frizioni “Wet” sui cambi automatici convenzionali, producono perdite per attrito viscoso anche quando non sono azionate perché girano sempre in bagno d’olio. In più necessitano di raffreddamento forzato con olio e quindi di un continuo dispendio energetico per il trascinamento della pompa d’olio dedicata (assente nel caso delle frizioni “Dry”).
Un cambio automatico “Wet” necessita di circa 4,5 litri di olio cambio in più rispetto al “Dry”, sempre per motivi di raffreddamento delle frizioni (in questo modo si aggiunge peso ed aumentano le perdite per sbattimento).
Tutti questi effetti sommandosi fanno sì che un cambio “Dry” sia circa 6% più efficiente che il corrispondente “Wet” in termini di consumi.
Elettronica sui cambi automatici – Ultimo, e certamente più importante, il controllo integrato del motopropulsore (cioè motore e cambio) attraverso logiche “power based” che consentono al motore di operare sempre nei punti di maggior rendimento possibile. Tutto ciò risulta ad una maggior efficienza del sistema di propulsione con conseguente minimizzazione di consumo di combustibile e, quindi, emissioni. In particolare, in modalità ECO, le mappe del cambio marcia sono calibrate per far lavorare il motore nei punti di massima efficienza. Dunque, anche la trasmissione concorre a rendere competitivo il “Costo Totale di Gestione (TCO)” di Tipo.
cambio-automatico-ZF-AT9-doppia-frizione
Cambio automatico trasversale a nove rapporti – Disponibile su Fiat 500X, Jeep Renegade e Jeep Cherokee, il nuovo cambio automatico a nove marce ZF, per applicazioni con motore trasversale a quattro ruote motrici, assicura cambi marcia eccezionalmente morbidi, una gamma estremamente ampia di marce di trasmissione per garantire una migliore accelerazione, emissioni ridotte e maggior efficienza nei consumi.
Le marce di trasmissione del nuovo cambio garantiscono una risposta adeguata alla situazione di guida: consentono infatti di affrontare partenze vivaci e di beneficiare dell’erogazione fluida e costante della potenza nei lunghi tratti autostradali. Il nuovo cambio offre risposte precise, accelerazioni rapide e cambiate fluide. L’ampia apertura del cambio permette di disporre di un rapporto aggressivo della prima marcia per consentire prestazioni elevate anche nelle marce inferiori. Le escursioni ridotte tra le marce garantiscono un passaggio più morbido da una marcia a quella successiva.
La disponibilità unica di quattro marce di overdrive permette inoltre una maggiore efficienza dei consumi nel ciclo autostradale e una riduzione complessiva dei livelli di rumorosità, vibrazioni e ruvidità. Completamente elettronica, la nuova trasmissione automatica a nove marce è un cambio con mappatura “shift-on-the-fly”, che consente di scegliere attraverso il sistema di controllo interattivo Electronic Range Select tra la modalità completamente automatica o quella manuale sequenziale.
cambi-automatici-fiat-fca
Elettronica di gestione del cambio – Più di 40 singole mappature ottimizzano la qualità della cambiata migliorando, così, l’economia dei consumi, le prestazioni e il piacere di guida. Al fine di determinare la modalità più appropriata, il sofisticato software è infatti in grado di valutare diversi parametri tra cui la coppia utilizzata, i kick down, le accelerazioni longitudinali e laterali, e le variazioni di pendenza. Per assicurare un miglior comfort di guida, parametri aggiuntivi sono stati integrati nella strategia di controllo della trasmissione quali la temperatura, la velocità e il controllo elettronico della stabilità. Il risultato è un cambio automatico perfettamente adattabile alle condizioni e ai diversi stili di guida. Funzionando ad un numero di giri del motore inferiore sia nel ciclo urbano che in quello autostradale, il cambio automatico garantisce consumi ulteriormente ridotti attraverso il differenziale tra le diversi marce e i valori di efficienza meccanica.
L’aggiunta di un maggior numero di marce contribuisce, inoltre, a diminuire la percezione della variazione di velocità normalmente associata ai cambi marcia. Questi ultimi risultano quasi impercettibili, grazie agli intervalli regolari tra le diverse marce. All’interno, il cambio automatico presenta quattro gruppi di ingranaggi e sei elementi di innesto – frizioni multidisco, innesti a denti e freni, di cui solo tre aperti contemporaneamente. Il numero inferiore di elementi di innesto aperti contemporaneamente, contribuisce a ridurre le perdite per attrito dovute alla rotazione di più elementi, migliorando l’efficienza dei consumi.
Alfa_Romeo_Stelvio_interni_cambio_automatico
Cambio automatico longitudinale a otto rapporti – Disponibile su Alfa Romeo Giulia, Alfa Romeo Stelvio e Jeep Grand Cherokee, il cambio automatico a otto rapporti ZF, per applicazioni con motore longitudinale e trazione a due o quattro ruote motrici, assicura una riduzione dei consumi e delle emissioni, garantendo allo stesso tempo migliori prestazioni e cambiate precise e fluide.
Le varie mappature del nuovo cambio automatico fanno in modo che la trasmissione si adatti alle condizioni di guida: il software è infatti in grado di valutare diversi parametri tra cui l’accelerazione, la coppia utilizzata, la velocità di marcia ed eventuali richieste di maggior potenza da parte del guidatore per far si che la velocità ed i momenti dei cambi marcia siano ottimali alle specifiche condizioni in cui ci si trova, il tutto tenendo in considerazione la riduzione dei consumi. Completamente elettronico, il nuovo cambio automatico ad otto rapporti è dotato di un sistema di controllo interattivo che prevede la possibilità di scegliere tra la modalità completamente automatica o quella manuale sequenziale, attraverso i comandi al volante (disponibili su alcune applicazioni).
L’efficienza del cambio automatico e il maggior numero di rapporti, consentono di ridurre i consumi, grazie al funzionamento ad un regime di giri più basso sia nel ciclo urbano che in quello autostradale. Inoltre, il maggior numero di rapporti contribuisce a rendere più fluidi e silenziosi i passaggi alla marcia successiva. Al suo interno, il cambio automatico ha quattro gruppi di ingranaggi e cinque elementi di innesto (freni e frizioni multidisco).
Solo due elementi d’innesto si aprono contemporaneamente. Il numero inferiore di elementi di innesto aperti contemporaneamente, contribuisce a ridurre le perdite per attrito dovute alla rotazione di più elementi, migliorando l’efficienza dei consumi.
Questa trasmissione, applicata su architetture innovative come quelle di Giulia e Stelvio, fissa nuovi standard in termini di comfort e introduce un perfetto bilanciamento tra guida sportiva e attenzione ai consumi. In funzione di economicità si è intervenuti, ad esempio: ottimizzando la gestione delle frizioni, per ridurre le perdite per attrito; “aprendo” i rapporti, per far lavorare il motore nelle migliori condizioni sia alla marce basse sia a quelle alte. Il risultato sono consumi allineati a quelli di un manuale 6 marce.
Perfetta poi l’integrazione con l’Alfa DNA: nella modalità Dynamic per esaltare la sportività del modello e in quella Advanced Efficency per una guida più attenta ai consumi, grazie anche alla funzione sailing, che al rilascio del pedale acceleratore disaccoppia le ruote dal motore per lasciar scorrere il veicolo.
cambio-automatico-AISIN-AT6-Fiat
Cambio automatico longitudinale a sei rapporti – Disponibile su Fiat 124 Spider e Abarth 124 spider, il cambio automatico a 6 marce AISIN usa un convertitore di coppia bloccato con un ammortizzatore. Il comando del blocco è disponibile dalla seconda marcia in poi, mentre il controllo dello slittamento è disponibile dalla terza marcia in poi. Inoltre, la trasmissione automatica amplia le funzionalità del Drive Mode Selector che non interviene solo su curva di coppia, risposta dell’acceleratore, taratura del servosterzo, ma anche sulla velocità e sui punti di cambiata.
Di conseguenza, la trasmissione automatica a 6 rapporti offre sensazioni dirette e non filtrate. Gestibile sia attraverso la leva sul tunnel che attraverso le palette al volante, offre cambiate rapidissime.
Da sempre i Fiat ha portato sul mercato idee e innovazione, stimolando la voglia e i gusti dei clienti. In termini di primati di prodotto basta citare i tanti brevetti storici dal Common Rail al Multijet, dal Fire al Multiair.
In termini di innovazione nel modo di relazionarsi con il cliente, il “primato” più recente è la collaborazione con Amazon avviata pochi mesi fa dove FCA con il marchio Fiat è stata la prima a dare la possibilità agli italiani di scegliere la propria auto di serie (non una special edition) sul web.
Con questa logica l’attenzione si è focalizzata su due ambiti importanti che il Gruppo intende stimolare: la trasmissione automatica e l’alimentazione a gas.
—-

DOPPIA FRIZIONE FUNZIONAMENTO REALE VIDEO

Tutto su Attualità

Seguici su Youtube